La borsa di studio dell’Università di Haifa esclude di fatto gli arabi

255

Articolo pubblicato originariamente su Haaretz e tradotto dall’inglese da Frammenti Vocali

Studenti all’università di Haifa. Crediti: Amir Levy
Sebbene gli arabi costituiscano il 41% del corpo studentesco dell’Università di Haifa, il premio viene assegnato solo agli studenti che hanno superato l’esame di immatricolazione in una materia legata all’ebraismo
L’Università di Haifa, che ha un corposo corpo studentesco arabo, assegna una borsa di studio agli studenti che hanno superato l’esame di immatricolazione in materie legate all’ebraismo – obbligatorie nelle scuole ebraiche – escludendo di fatto gli studenti arabi che non sono testati in queste materie.
La borsa di studio, per un importo di $ 2.000 all’anno, è finanziata dall’uomo d’affari brasiliano Elie Horn , che contribuisce ampiamente a una serie di organizzazioni che operano nella società ultra-ortodossa, e viene assegnata agli studenti del primo anno.
Secondo quanto riportato dai media ultra-ortodossi , Horn sostiene principalmente gruppi che incoraggiano una maggiore pratica ortodossa. L’università sta ora lavorando per convincere Horn a contribuire con 6 milioni di dollari all’anno per i prossimi 20 anni al fondo delle borse di studio.
A titolo di confronto l’entità delle borse di studio che l’università offre agli studenti arabi è stimata in circa 2 milioni di shekel all’anno (circa $ 598.000), sebbene gli studenti arabi costituissero il 41% del corpo studentesco dell’università nel 2018, secondo il Council for Higher Education in Israele.
Le borse di studio sono anche per ex combattenti che hanno terminato di recente il servizio militare, “il sostegno ai soli ebrei non fa parte di un’agenda adeguata per un’istituzione accademica, certamente non quella in cui il 40 per cento del corpo studentesco è arabo”, ha detto un membro della facoltà che si oppone alla borsa di studio.
In un open house tenuto dall’università la scorsa settimana, i rappresentanti hanno affermato che se uno studente non soddisfa i prerequisiti, tutto ciò che deve fare è superare due corsi di ebraismo o cultura ebraica e partecipare a un totale di 24 ore di attività sociali come gite e conferenze.
Un rappresentante dell’università ha spiegato che gli studenti che non hanno superato un esame di immatricolazione in studi biblici o talmudici possono richiedere la borsa di studio al secondo anno, purché abbiano superato due corsi di ebraismo o cultura ebraica con un voto pari o superiore a 80.
Il Prof. Yuval Yonay, del dipartimento di sociologia dell’università, ha affermato che “gli studenti arabi che devono affrontare il primo anno di studi universitari in ebraico, in un ambiente ebraico, dovranno seguire corsi in una materia in cui hanno un background culturale minore , e ottenere un voto di almeno 80, in aggiunta. Anche allora, dovranno pregare che non ci siano troppi veterani del servizio militare o nazionale ebrei che si candidano – Questo significa eliminare completamente gli arabi dalla storia”.
La borsa di studio è stata inizialmente concessa a veterani del servizio militare o nazionale. Ma dopo che l’Associazione per i diritti civili in Israele ha affermato che le condizioni erano contrarie al principio di uguaglianza tra gli studenti, sono state modificate.
L’ associazione ha affermato che le nuove condizioni sono ancora più discriminatorie nei confronti degli studenti non ebrei. “Prima di questo uno studente druso poteva vincere [la borsa di studio], ma ora il circolo di discriminazione è cresciuto anche nei loro confronti”, ha affermato l’avvocato Gadir Nicola, che ha intentato una causa a nome della ONG.
L’università ha rifiutato di spiegare il cambiamento delle condizioni per ricevere la borsa di studio e un funzionario universitario ha detto ad Haaretz che la decisione non era stata ufficializzata. A seguito della modifica, l’Associazione per i diritti civili ha presentato ricorso contro l’università presso il tribunale distrettuale di Haifa, chiedendo la revoca dei prerequisiti, in base alla legge sui diritti degli studenti e all’obbligo generale dell’università di uguaglianza. L’università ha risposto che non vede nulla di sbagliato nello stanziare finanziamenti per determinati gruppi o obiettivi, affermando: “La borsa di studio che citi è destinata a studenti che vogliono approfondire la loro conoscenza degli studi ebraici e del patrimonio ebraico, un’area che è stata in declino in anni recenti.”
L’università ha affermato di aver preso in considerazione “coloro che non hanno una formazione adeguata negli studi ebraici . Se studiano corsi ebraici (gratuitamente) ,stabiliti dall’università, saranno considerati idonei per un secondo momento.”
Per coloro che non soddisfano i prerequisiti per l’accettazione di questa borsa di studio, ha aggiunto: “L’Università di Haifa ha molte altre borse di studio e continuiamo a lavorare instancabilmente per aumentarne il numero”.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.