La carenza di libri a Gaza di cui nessuno parla

322

Le restrizioni postali imposte da Israele a Gaza si sono tradotte in un vero e proprio blocco dei libri per due milioni di palestinesi.

DI MOHAMMED RAFIK MHAWESH

UN GIOVANE PALESTINESE LEGGE UN LIBRO NELLA GIORNATA NAZIONALE DELLA LETTURA, PRESSO IL CENTRO AL QATTAN NELLA CITTÀ DI GAZA IL 28 MARZO 2018. (FOTO: MAHMOUD AJOUR/APA IMAGES)

A Gaza, gli autori palestinesi non possono leggere i libri che scrivono.Quanto ai lettori, farebbero bene a esercitarsi nell’arte di rileggere ciò che hanno già. Proprietari di librerie palestinesi? Non è certo un’occupazione redditizia. Ho parlato con uno di questi proprietari del drammatico aumento delle restrizioni israeliane sulla consegna della posta internazionale a Gaza. “In tutta la città possono arrivare solo dieci libri ogni 2-3 mesi”, mi ha detto.

“Il mio sostentamento è crollato a causa di queste politiche crudeli e restrittive. Il mio reddito non è quello che si potrebbe pensare per il proprietario di una libreria”.

Fin dalla prima età adulta ho avuto la passione per la lettura e la scrittura. Ma passo più tempo ad aspettare che i libri arrivino dal mondo esterno che a leggerli davvero, il che è sempre un affare di breve durata.

Come scrittore palestinese che vive a Gaza City, ho cercato di usare la mia penna per dare voce al mio popolo che sopporta uno spietato assedio militare imposto da un regime coloniale orientato a sradicare i palestinesi indigeni dalla loro terra e a cancellare la loro identità. Mentre le disumanità più evidenti del blocco sono state ben documentate, le assurdità quotidiane del vivere sotto il regime di sicurezza di Israele sono spesso trascurate. Il semplice atto di ordinare qualche libro comporta una procedura tortuosa degna di Kafka.

Rana Shubair, scrittrice e romanziera palestinese che vive a Gaza City, ha deciso di ordinare alcune copie del suo primo libro pubblicato. “Sapevo di correre un rischio”, osserva seriamente, “ma ero disposta a farlo e, con mia grande sorpresa, la spedizione è arrivata! Quel giorno ho festeggiato tantissimo”.

Ma le cose non sono andate sempre così bene per lei. L’anno scorso ha ordinato una serie di articoli da un marchio internazionale in Israele. Una spedizione è arrivata, ma l’altra è sparita. “Il fatto è che non si può mai sapere il motivo”, confida Rana. “Il venditore si scusava e ti offriva un rimborso. Ma quando una volta ho chiesto al responsabile di Aramex cosa fosse successo con l’altro ordine, mi ha risposto che il sistema postale non è coerente. A volte le spedizioni arrivano, a volte no, e a volte arrivano in ritardo di diversi mesi”.

Divieto di acquisto di libri per un’intera popolazione

La mia storia non è molto diversa da quella di Shubair. Vivendo nella città di Gaza, tutto il mio lavoro e la mia attenzione nel corso della mia vita adulta sono stati dedicati alla scrittura di questioni politiche, economiche, ambientali e culturali che hanno un impatto sulla mia casa e sulla mia gente, in particolare sui giovani e sui bambini.

Alla fine del 2020, ho guidato una serie di delegazioni virtuali in Palestina con l’organizzazione Eyewitness Palestine. Durante gli incontri virtuali, ho conosciuto tre persone che lavorano con Jewish Voice For Peace: Rosalind Petchesky, Esther Farmer e Sara Sills. Erano avvocati veterani dei diritti umani e autrici di fama internazionale. Mi hanno offerto l’opportunità di contribuire a un libro che si chiamava A Land With A People, pubblicato dalla Monthly Review Press.

Il libro è stato ben accolto, ma quello che non mi aspettavo è che non sarei mai riuscito a metterne le mani su una copia.

Il libro fornisce una contestualizzazione storica che ripercorre 150 anni di resistenza palestinese ed ebraica al sionismo. A posteriori, il contenuto del libro avrebbe dovuto indicarmi che consegnarlo a Gaza non sarebbe stato così semplice. Mi è stata spedita una copia speciale per i collaboratori del libro il giorno stesso del lancio, e finora per oltre sette mesi il libro è rimasto in un limbo a causa di false accuse di antisemitismo. L’editore ha cercato di intervenire per far arrivare il libro a Gaza, senza successo.

Il sottotitolo del libro – Palestinesi ed ebrei di fronte al sionismo – potrebbe essere stato il colpevole. Di certo era abbastanza intrigante da spingere la compagnia di navigazione a inviarmi una diatriba di e-mail razziste. Il solo fatto che una compagnia di navigazione internazionale privata con sede in Israele scegliesse di rispondere in questo modo era già abbastanza poco professionale, ma il contenuto della corrispondenza mi ha colto di sorpresa.

“Dovete smetterla di fare queste cose”, si leggeva in un’e-mail.

Dopo lo shock iniziale, ho cercato di intervenire con un impegno in qualche modo positivo: “Perché? È solo un libro!”.

Non è andata molto bene, e la risposta successiva sembrava quasi allegra: “Sarà meglio che tu stia sognando ad occhi aperti per avere il tuo libro”.

E in quel preciso momento ho ricevuto un’altra e-mail che recitava clinicamente: “Non possiamo spostare la spedizione a Gaza. Ma potete fornire un indirizzo alternativo”.

L’ironia dell’e-mail non è servita a placare la mia indignazione. Che motivo avevano di indicare Gaza come destinazione inaccettabile per la spedizione di un libro, e per di più per motivi di sicurezza? Ma ciò che mi ha fatto arrabbiare ancora di più è che ho fornito diversi indirizzi alternativi, e la spedizione non è stata consegnata nemmeno lì. Non sono stati forniti aggiornamenti.

Niente di tutto questo è particolarmente nuovo. Quattro anni fa ho ordinato alcuni libri da Amazon per la mia formazione universitaria. Nessuno di essi è arrivato a Gaza e non sono nemmeno riuscito a seguire il viaggio della spedizione.

Il semplice fatto della geografia ha avuto un impatto sproporzionato su tutti noi scrittori e appassionati di libri. Ottenere una copia di un libro che hai scritto diventa improvvisamente un’impresa erculea.

Ogni spedizione è accompagnata da una serie di ansie e rischi, ed è per questo che molti si sono rivolti agli e-book in un tentativo di auto-appagamento, ma per molti questo ha offerto poca consolazione. Tutto ciò significa che Israele ha effettivamente istituito un divieto di lettura per un’intera popolazione, e le vittime infelici di questa politica draconiana sono i lettori e gli scrittori.

Razionati fino alla caloria
La storia di questo stato di cose è ormai abbastanza vecchia, a partire dall’ermetico blocco militare di Gaza del 2007, che è continuato fino ad oggi con poche tregue. La consegna della posta è stata una delle tante vittime di questo assedio. La posta che arriva a destinazione è sopravvissuta a un viaggio straziante tra posti di blocco digitali e fisici, arrivando dopo molti mesi di purgatorio dei controlli di frontiera. L’assurdità non sfugge ai giovani di Gaza, nonostante non abbiano mai conosciuto nulla di diverso.

In apparenza, gli accordi di Oslo del 1993 considerano la Striscia di Gaza e la Cisgiordania come un’unica unità territoriale tra cui i palestinesi sono presumibilmente autorizzati a muoversi liberamente e a commerciare beni. In realtà, i due territori sono segregati l’uno dall’altro, ciascuno trattato in modo diverso a seconda del sistema politico che lo governa.

Queste restrizioni alla circolazione di beni e persone sono ovviamente precedenti al blocco, sempre con il pretesto di problemi di “sicurezza”. Poi, con il blocco del 2007, le merci in entrata e in uscita da Gaza sono state razionate fino alle calorie. Gli elenchi esaustivi che descrivevano quali prodotti alimentari erano ammessi rasentavano la comicità.

L’hummus, per esempio, era permesso a Gaza, mentre l’hummus con i pinoli era una minaccia per la sicurezza. Per un certo periodo, anche il caffè e il tè sono stati vietati prima di essere autorizzati, senza dubbio per le qualità minacciose che condividevano con altri prodotti di contrabbando, come il concentrato di pomodoro e le conserve di pesce, che per qualche tempo hanno continuato a essere limitati all’uso da parte delle organizzazioni internazionali.

A conti fatti, i capricci del sistema postale di Gaza sono una delle tante restrizioni imposte a due milioni di palestinesi recintati nella Striscia. Ma anche se questa infrazione può sembrare relativamente minore, fa parte di una politica israeliana molto più perniciosa di strangolamento e fame.

Questa inedia è allo stesso tempo materiale e psicologica, privando i palestinesi non solo dei loro mezzi di vita, ma anche lanciando un assalto alla loro esistenza culturale e intellettuale.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.