La chiusura di uno studio musicale e la distruzione della Gerusalemme palestinese

344

Articolo publicato originariamente su The New Arab e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

Di Yara Hawari

Primo studio musicale palestinese e pilastro della scena artistica, Sabreen ha chiuso ufficialmente i battenti il mese scorso a causa delle politiche del regime israeliano che stanno soffocando le istituzioni culturali.

L’ultimo giorno di luglio, Sabreen, il primo studio musicale palestinese, ha chiuso le porte della sua sede nel quartiere di Gerusalemme di Sheikh Jarrah. Nato come gruppo musicale, Sabreen si è trasformato in un’associazione per lo sviluppo musicale nel 1987.

Concentrandosi sulla musica e sui progetti comunitari, Sabreen è stata una casa istituzionale per molti artisti palestinesi. Dalla registrazione di album ai progetti musicali giovanili, è stato un attore cruciale della scena artistica palestinese. Tuttavia, dopo anni di lotte finanziarie e di politiche deliberate del regime israeliano volte a soffocare le istituzioni culturali palestinesi a Gerusalemme, Sabreen non sarà più in grado di operare dalla sua sede originaria.

“L’associazione sta per essere chiusa a causa di vari debiti, cosa che riguarda molte istituzioni culturali di Gerusalemme. I costi di gestione a Gerusalemme sono incredibilmente alti… e il problema è che i finanziamenti raramente coprono i costi di gestione… Attualmente abbiamo perso la nostra sede e stiamo cercando di tenere in piedi l’associazione, ma sarà difficile”, mi ha detto Said Murad, uno dei fondatori della band e dell’associazione.

Questo accade nel contesto del regime israeliano che lavora costantemente per separare Gerusalemme dai palestinesi e dalla loro identità e coscienza nazionale sin dalla Nakba del 1948. Quasi due decenni dopo, l’intera città fu posta sotto il controllo del regime israeliano in quella che è diventata comunemente nota come la Guerra dei Sei Giorni del 1967.

Ai palestinesi rimasti in città il governo israeliano ha concesso lo status di “residenza permanente” anziché la cittadinanza, lasciandoli di fatto apolidi. Questo ha permesso al regime israeliano di negare loro tutti i diritti, compreso il diritto di voto, costringendoli a pagare tasse e altri oneri municipali.

Anche la pianificazione urbana è stata un meccanismo chiave attraverso il quale le autorità israeliane hanno cancellato i palestinesi da Gerusalemme, in particolare nei loro sforzi espliciti per mantenere una maggioranza demografica ebraica nella città.

Ciò include la limitazione dei palestinesi a determinati quartieri, il rifiuto dei permessi di costruzione, la demolizione delle loro case e la fornitura di risorse e servizi inadeguati ai quartieri palestinesi. Anche la costruzione del muro di separazione nel 2002 fa parte di questo tentativo concreto di rendere insopportabile la vita dei palestinesi in città.

Oltre a queste politiche sistemiche che rendono la vita quotidiana incredibilmente difficile per i palestinesi di Gerusalemme, il regime israeliano ha anche cercato di interrompere la vita culturale e politica palestinese in città.

Poco dopo l’occupazione della parte orientale della città nel 1967 e la sua successiva annessione, l’attività culturale e politica palestinese ha subito un’intensa repressione da parte del regime israeliano. L’applicazione dei Regolamenti di Emergenza per la Difesa, introdotti per la prima volta dal Mandato Britannico nel 1945, permise al regime israeliano di imporre una censura e una repressione generalizzate. I libri furono banditi e tutte le parole considerate potenti, come filastin (Palestina), sumud (fermezza) e ‘awda (ritorno), furono omesse dai programmi scolastici, dai libri, dai programmi radiofonici e dalle opere teatrali.

Riflettendo sugli anni successivi all’occupazione del 1967, Sliman Mansour, fondatore della Lega degli artisti palestinesi, ha osservato che i palestinesi “vivevano in una sorta di ghetto culturale, isolati dagli sviluppi culturali. Gli spostamenti erano difficili. A molti artisti era vietato viaggiare. Gli artisti venivano spesso arrestati e le loro opere confiscate […] Era un tentativo di uccidere qualsiasi spirito creativo e artistico dei palestinesi”.

Da allora la situazione non è migliorata. Dal 2000, il regime israeliano ha chiuso più di 42 istituzioni palestinesi in città con vari pretesti, che vanno dall’affiliazione politica “illegale” alle fatture non pagate.

Ad esempio, il Teatro nazionale palestinese Al-Hakawati, fondato a Gerusalemme nel 1984, ha costantemente combattuto contro la censura e le minacce di chiusura. Le sue attività sono state interrotte non meno di 35 volte dalla sua apertura, tra cui nel 2008 quando il teatro ha tentato di ospitare un festival in vista della scelta di Gerusalemme come capitale araba della cultura per il 2009.

Nel 2015, il teatro ha pubblicato un appello pubblico in seguito alle minacce dell’Autorità israeliana per l’applicazione della legge e la riscossione, che non solo ha congelato il conto bancario del teatro, ma ha anche minacciato di sequestrare l’edificio. Il regime israeliano ha addotto come pretesto il fatto che il teatro avesse accumulato ingenti debiti nei confronti del comune, della società elettrica e dell’agenzia assicurativa nazionale.

In realtà, i pagamenti a queste varie autorità sono tenuti di proposito ad un livello estorsivo per rendere insostenibili le condizioni di vita dei palestinesi di Gerusalemme. A tutt’oggi il teatro continua a rischiare la chiusura imminente.

Più recentemente, a luglio 2020, la polizia del regime israeliano ha fatto irruzione e saccheggiato tre organizzazioni culturali palestinesi: il Conservatorio nazionale di musica Edward Said, il Centro culturale Yaboos e la Rete culturale Shafaq. I loro uffici sono stati messi a soqquadro, sono stati presi documenti e archivi e sono stati confiscati computer, portatili e telefoni.

Tutti e tre i direttori – Suhail Khoury, Rania Elias e Daoud Ghoul – sono stati arrestati e portati via dalle loro case, anch’esse saccheggiate. Khoury ed Elias sono stati detenuti per un giorno in Israele, mentre Ghoul ha trascorso due settimane in carcere e interrogato nella prigione di Moskobiye.

L’accusa iniziale contro le tre istituzioni culturali di Gerusalemme era di “evasione e frode fiscale”, ma in seguito è emerso che erano detenute anche con la falsa accusa di finanziare organizzazioni terroristiche, un’accusa comunemente rivolta dal regime israeliano agli attivisti palestinesi e alla società civile.

Oggi, queste organizzazioni continuano a subire minacce e pressioni costanti per il solo fatto di esistere come istituzioni culturali palestinesi a Gerusalemme. In effetti, se Sabreen è l’esempio più recente di questo continuo sforzo per distruggere la Gerusalemme palestinese, non sarà l’ultimo.

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.