LA CRISI CLIMATICA E L’OCCUPAZIONE STANNO SMANTELLANDO LE VITE DEI PASTORI PALESTINESI

0
437

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/22/la-crisi-climatica-e-loccupazione-stanno-smantellando-le-vite-dei-pastori-palestinesi/

https://www.972mag.com/

21 aprile 2021               Natasha Westheimer

Un insediamento nelle colline del sud di Hebron illustra come l’occupazione israeliana e la crisi climatica stiano distruggendo la terra e i mezzi di sussistenza dei palestinesi.

Una capra al pascolo sulle colline fuori dal villaggio di Tuba in Cisgiordania, mentre i soldati israeliani chiedono che un pastore palestinese e il suo gregge tornino a casa, il 30 gennaio 2021. (Natasha Westheimer)

Lunedì mattina, guidando attraverso le colline a sud di Hebron nella Cisgiordania occupata, il paesaggio ingiallito era decisamente più secco rispetto a pochi giorni fa. Le piogge hanno completato la loro visita annuale, le comunità si stanno adattando a un Ramadan caldo e secco e le mandrie di pecore e capre stanno facendo i loro ultimi tour di un giorno intero con i loro pastori attraverso le colline.

Il sostentamento dei pastori palestinesi in tutta la Cisgiordania dipende dai loro greggi e il mese scorso è stata la stagione migliore per gli animali per nutrirsi della ricca vegetazione primaverile. Tuttavia, mentre la mia macchina si arrampicava sulla collina verso il villaggio di at-Tuwani, ho visto i bulldozer israeliani, ancora una volta, scavare nelle colline di Ein al-Beida, di fronte all’insediamento israeliano di Ma’on. Ad ogni crepa della roccia e carico di terreno, il terreno veniva rimodellato in una piattaforma per lo sviluppo.

Solo nell’ultimo mese, almeno tre nuovi importanti progetti di insediamenti israeliani sono spuntati nelle colline a sud di Hebron, inclusi nuovi avamposti vicino ai villaggi di Zanuta e Sarura, e ora il progetto di sviluppo a Ein al-Beida. Ma il progetto di Ein al-Beida non è semplicemente un altro caso di presa di terra attraverso politiche discriminatorie di occupazione: si sta alimentando in una crisi ambientale in corso.

Il gruppo intergovernativo delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici (IPCC) ha sottolineato nel suo rapporto di valutazione del 2007 che i tassi di riscaldamento per il Mediterraneo meridionale e orientale saranno superiori al tasso medio globale. Secondo il rapporto, sperimenteremo un riscaldamento medio di 2,2-5,1 gradi Celsius e una diminuzione media delle precipitazioni di almeno il 20% entro il 2050. L’IPCC ha anche segnalato la regione come un punto caldo del cambiamento climatico che dovrà affrontare il più forte riscaldamento con estremi caldi e aumenti significativi delle siccità estreme.

Bulldozer israeliani che trasportavano terreno fertile dal wadi in salita al sito di sviluppo a Ein al-Beida, Cisgiordania, 15 aprile 2021 (Emily Glick)

Questi cambiamenti si faranno sentire anche nei territori occupati. Tuttavia, esiste ancora molta incertezza sull’impatto preciso del cambiamento climatico in Cisgiordania, in parte a causa della limitata disponibilità e politicizzazione dei dati. Gli esperti e le autorità palestinesi in particolare hanno sfide critiche nella raccolta e nell’analisi dei dati: a causa delle restrizioni israeliane al movimento palestinese in Cisgiordania, l’accesso alle aree critiche di monitoraggio è limitato. Nel frattempo, le autorità israeliane pubblicano raramente dati sufficienti sulle risorse idriche condivise, che sono fondamentali per la modellazione del clima e delle risorse di base e delle migliori pratiche.

Tuttavia, gli esperti prevedono ragionevolmente che il cambiamento dei modelli di precipitazione e il riscaldamento avranno un impatto significativo sulle risorse idriche e sulla copertura del suolo, interessando i settori agricolo e zootecnico. In effetti, il Programma di sviluppo delle Nazioni Unite ha identificato le colline meridionali di Hebron come una delle due aree più vulnerabili al clima della Cisgiordania, insieme alla Valle del Giordano. Per i pastori palestinesi, ciò significa che i pascoli continueranno a ridursi in termini di dimensioni e a deteriorarsi in termini di qualità.

‘Il colono mi ha detto che se fossi tornato nella mia terra, mi avrebbe sparato’
Ma quest’anno, come negli anni precedenti, i pastori palestinesi in Cisgiordania sono molto più colpiti dalle molestie e dalla violenza dei soldati e dei coloni israeliani che dai loro pascoli che cambiano. Nel 2020, il numero di demolizioni nel territorio – che comprende case, rifugi per animali e altre infrastrutture – è stato il secondo più alto da quando l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA) ha iniziato a documentare la pratica nel 2009.

Un colono israeliano che supervisiona le attività di sviluppo a Ein al-Beida in Cisgiordania, affiancato da soldati durante la costruzione, 15 aprile 2021 (Emily Glick)

A marzo, coloni armati di Nof Nesher hanno sparato colpi di arma da fuoco sopra i bambini delle scuole del villaggio di Emneizal che stavano pascolando in una zona vicina. La scorsa settimana, i pastori israeliani hanno pascolato su terreni palestinesi privati ​​a Shuweika, costringendo i pastori palestinesi ad abbandonare la propria terra.

All’inizio di quest’anno, i coloni hanno lanciato pietre contro un pastore a Susiya; il soldato di guardia osservava dalla collina sovrastante e non ha fatto nulla per fermare i coloni, che sono fuggiti impunemente. Una settimana fa, a Beni Naim, l’esercito ha costretto i pastori palestinesi a evacuare i terreni su cui erano legalmente autorizzati a pascolare, semplicemente per la loro vicinanza all’insediamento di Pne Hever. A marzo, dalla stessa colonia che si sta sviluppando illegalmente su Ein al-Beida hanno chiamato l’esercito per impedire ai pastori palestinesi della vicina comunità di Tha’ala di raggiungere una cisterna d’acqua con la loro mandria.

Poi, sabato scorso, Amin e Bassem, fratelli di Zanuta, sono stati attaccati da cinque coloni del nuovo avamposto stabilito poche settimane fa sulla collina sopra il loro villaggio.

“Per anni, io e mio fratello abbiamo accompagnato il nostro gregge a pascolare le colline che circondano Zanuta”, ha detto Bassem con me dopo che lui e suo fratello erano tornati dalla pascolo varie ore prima del previsto quella mattina. “Negli ultimi mesi abbiamo dovuto affrontare un aumento delle molestie da parte dei coloni della zona, ma da quando è stato istituito il nuovo avamposto poche settimane fa, i coloni ci hanno impedito di accedere alle nostre terre”.

Bassem riporta il gregge alla loro casa nel villaggio di Zanuta dopo che il pascolo è stato interrotto dopo essere stato attaccato dai coloni israeliani di un nuovo avamposto vicino a Zanuta, in Cisgiordania, il 20 aprile 2021. (Natasha Westheimer)

Bassem ha continuato: “Questa mattina, mentre stavamo attraversando la collina per raggiungere l’abbeveratoio per le nostre pecore, cinque uomini e il loro cane hanno attaccato me, mio ​​fratello e i nostri figli – mi hanno spinto, preso a calci e spinto le nostre pecore. I nostri figli erano terrorizzati. Abbiamo chiamato la polizia, che è venuta solo a guardare mentre i coloni spingevano noi e la nostra mandria verso il nostro villaggio. Uno dei coloni mi ha detto che se fossi tornato nella mia terra – la nostra unica terra – mi avrebbe sparato. Non so dove porteremo le nostre pecore domani. “

Dopo la visita ai fratelli, l’attivista locale Basil al-Adraa, che mi ha raggiunto a Zanuta, mi ha indicato i nuovi caravan sulla collina sovrastante. All’inizio di questo mese, Basil e io abbiamo seguito quei caravan a tarda notte mentre si facevano strada attraverso le colline a sud di Hebron, fino a quando non hanno svoltato verso il Consiglio regionale del Monte Hebron, per poi essere collocate illegalmente sulla collina sopra Zanuta.

“Con l’acquisizione formale della terra e le continue vessazioni da parte dei coloni e dell’esercito, le pratiche tradizionali di utilizzo sostenibile della terra e delle risorse vengono smantellate”, ha spiegato Basil. Ha indicato Ein al-Beida come un primo esempio di questo fenomeno.

Un colono israeliano che supervisiona le attività di sviluppo a Ein al-Beida urla all’attivista palestinese Basil al-Adraa, dicendogli di lasciare il cantiere. I soldati ignorano l’interazione. 15 aprile 2021 (Emily Glick)

“Per secoli, i residenti dei cinque villaggi che circondano Ein al-Beida hanno costruito i loro mezzi di sussistenza intorno all’agricoltura negli wadi [valli] e alla pastorizia sulle colline”, ha detto. “Anche se queste aree sono terra palestinese privata, le autorità israeliane non riconoscono il pascolo come [utilizzo della terra] e hanno dichiarato la maggior parte delle aree collinari come ‘terra di stato’”.

Basil ha continuato: “Lo stato ha assegnato parti di questa terra per lo sviluppo degli insediamenti, tra cui Tnuva per i latticini industriali e gli allevamenti di polli, così come i coloni di Havat Ma’on per un allevamento di pecore e il recente progetto a Ein al-Beida. Con grandi bulldozer, i coloni stanno, ancora una volta, modificando il paesaggio di Ein al-Beida, prendendo il terreno dal wadi e preparando le colline sopra per una sorta di progetto agricolo “.

Una realtà ciclica
I piani di sviluppo a Ein al-Beida sono ancora un mistero. Secondo Quamar Mishirqi-Assad, direttore del progetto legale dell’ONG Haqel per i diritti della terra, qualsiasi progetto di sviluppo di queste dimensioni è tenuto a pubblicare i propri piani pubblicamente sui siti web ufficiali del governo per consentire eventuali obiezioni.

Bulldozer israeliani al lavoro a Ein al-Beida, Cisgiordania, 15 aprile 2021 (Emily Glick)

L’amministrazione civile israeliana ha risposto alle richieste di Haqel sul progetto affermando che gli sviluppatori hanno il permesso di utilizzare il terreno. Tuttavia, Quamar ha osservato che, considerando che, per quanto ne sappiamo, non sono stati pubblicati piani e che i piani generali degli insediamenti di Carmel e Ma’on non includono alcun progetto di sviluppo a Ein al-Beida, ci sono serie domande sulla legalità e trasparenza di questo progetto.

Dato che non conosciamo la natura completa di questi piani, non conosciamo nemmeno la minaccia ambientale di questo progetto. È tuttavia chiaro che, come minimo, è simile ad altri progetti di sviluppo nell’area, il taglio di questa collina interromperà la flora e la fauna, fatto critico per la biodiversità della regione. E quando il movimento dei greggi è limitato dall’attività militare e degli insediamenti, i pastori sono costretti a pascolare eccessivamente sulla stessa terra, il che accelera il degrado del suolo, e quindi devono integrare il loro cibo con foraggi costosi e meno sostenibili.

La trasformazione del paesaggio che ho visto percorrendo la strada oltre Ein al-Beida rappresenta quindi la grave realtà ciclica della crisi climatica in Cisgiordania: l’occupazione esacerba gli impatti del cambiamento climatico e il cambiamento climatico esacerba gli impatti dell’occupazione.

Hajj Suleiman di Umm al-Kheir, uno dei villaggi della Cisgiordania che pascola nell’area di Ein al-Beida, protesta contro lo sviluppo degli insediamenti israeliani, l’8 marzo 2021. (Natasha Westheimer)

In questa realtà, lo stile di vita tradizionale dei pastori palestinesi, che una volta vagavano liberamente per la terra con i loro greggi mentre utilizzavano in modo sostenibile la terra e le risorse idriche, viene sistematicamente smantellato e sostituito da progetti inquinanti e dannosi per l’ambiente. E come ha spiegato Basil, “Questi coloni hanno i mezzi economici – con il supporto delle autorità politiche e militari – per utilizzare risorse significative di terra, acqua ed elettricità come strumento politico per l’acquisizione di terre”.

I pastori – come tutti i palestinesi che vivono sotto occupazione nell’Area C della Cisgiordania, che è sotto il pieno controllo amministrativo e di sicurezza di Israele – non hanno l’autonomia e le risorse per adattarsi e rispondere a queste minacce e alle mutevoli condizioni climatiche. In queste circostanze, i palestinesi sopporteranno il peso maggiore della crisi climatica mentre gli insediamenti israeliani continuano ad annettere in modo aggressivo la terra, distruggere l’ambiente e devastare i residenti palestinesi dell’area, il tutto senza conseguenze.

 

http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/04/22/la-crisi-climatica-e-loccupazione-stanno-smantellando-le-vite-dei-pastori-palestinesi/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.