LA DISTRUZIONE DI GAZA: COSTI UMANI ED ECONOMICI INSOSTENIBILI

0
378

tratto da: https://palestinaculturaliberta.org/2021/05/21/la-distruzione-di-gaza-costi-umani-ed-economici-insostenibili/

21 MAGGIO 2021

Amira Hass per Haaretz 20 maggio 2021

I dati di Hamas stimano che i danni alla Striscia di Gaza siano già costati più di un quarto di miliardo di dollari, mentre i danni alle infrastrutture elettriche e idriche hanno ostacolato l’accesso all’acqua per circa 800.000 persone

Un uomo anziano palestinese passa ieri a Gaza City davanti a un edificio distrutto dai bombardamenti israeliani.Un anziano palestinese passa ieri a Gaza City davanti a un edificio distrutto dai bombardamenti israeliani. Credito: MOHAMMED ABED – AFP

Il danno materiale diretto alle infrastrutture e agli edifici nella Striscia di Gaza, a partire da mercoledì, è stimato in circa un quarto di miliardo di dollari. Di questa cifra, fornita dal capo dell’ufficio informazioni di Hamas, Salameh Maaruf, circa 92 milioni di dollari di danni sono stati arrecati agli alloggi residenziali e agli uffici di varie organizzazioni non governative in tutta la Striscia. Ogni giorno in più di combattimento, questa cifra cresce.

Anche la rete elettrica di Gaza è stata danneggiata, provocando danni stimati per 22 milioni di dollari a partire da martedì. La fornitura di elettricità è stata ridotta a tre o quattro ore al giorno a causa delle strutture compromesse. Gli abitanti di Gaza che gestiscono generatori di quartiere, che forniscono elettricità ai residenti a un prezzo elevato, hanno annunciato che i loro servizi saranno limitati a causa della scarsità di carburante, che finora Israele non ha consentito attraverso il valico commerciale di Kerem Shalom.

Martedì, 500.000 litri di carburante sono stati portati nella Striscia attraverso il valico di Rafah dall’ Egitto. Ciò consentirà alla centrale elettrica di Gaza di continuare le operazioni, anche se in misura minore rispetto a prima della guerra, quando forniva otto ore di energia seguite da otto ore di arresto.

La fornitura limitata di elettricità ha gravemente compromesso il sistema idrico di Gaza. Oltre il 95 per cento dell’acqua prelevata dalla falda acquifera di Gaza non è potabile e deve essere purificata e desalinizzata. Queste strutture dipendono dall’elettricità per funzionare, così come gli impianti di trattamento delle acque reflue e le pompe. Secondo l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari, l’Autorità palestinese per l’acqua ha annunciato che a causa della chiusura o del funzionamento limitato delle strutture idriche, igieniche e sanitarie l’approvvigionamento idrico è crollato di oltre il 40%.

La situazione è peggiorata dopo lunedì, quando le condutture dell’acqua e delle fognature che servono più di 140.000 persone nell’area di Khan Yunis e nella striscia centrale di Gaza sono state danneggiate da attacchi aerei. In totale, finora sono stati danneggiati 10.000 metri di fognature sotterranee e linee d’acqua, così come le reti delle acque reflue, i veicoli di evacuazione delle acque reflue, i pozzi e una stazione di pompaggio delle acque reflue.

Un lavoratore palestinese dell'elettricità cammina nel luogo in cui un edificio a torre è stato distrutto dagli attacchi aerei israeliani, in mezzo a una fiammata di violenza israelo-palestinese, a Gaza City la scorsa settimana.Un lavoratore palestinese dell’elettricità cammina nel luogo in cui un edificio a torre è stato distrutto dagli attacchi aerei israeliani, a Gaza City la scorsa settimana. Credito: SUHAIB SALEM / Reuters

A causa della mancanza di energia elettrica, tre principali impianti di desalinizzazione che forniscono servizi a oltre 400.000 persone hanno sospeso le operazioni e ogni giorno vengono scaricati in mare più di 100.000 metri cubi di acque reflue non trattate o parzialmente trattate. In totale, circa 800.000 persone ora non hanno accesso regolare all’acqua e le organizzazioni umanitarie temono che il numero di persone che soffrono di mancanza di acqua potabile aumenterà se le parti in conflitto non raggiungeranno un cessate il fuoco

Secondo Maaruf, a partire da martedì, 1.335 unità abitative sono state distrutte durante i bombardamenti israeliani in corso o danneggiate in modo così grave da non essere abitate. Secondo le Nazioni Unite, il numero degli sfollati di Gaza – quelli le cui case sono state distrutte o quelli che sono fuggiti a causa degli intensi bombardamenti – ha raggiunto 75.000. Circa 47.000 di loro hanno trovato rifugio nelle scuole dell’UNRWA, e il resto è disperso tra parenti e amici

Circa 12.800 unità abitative sono state parzialmente danneggiate. Centinaia di uffici privati ​​e uffici di ONG sono stati gravemente danneggiati e 33 uffici stampa sono stati completamente demoliti. A partire da mercoledì pomeriggio, il numero totale di strutture demolite completamente o gravemente danneggiate si attesta a 184, di cui 18 bombardate martedì e mercoledì. Uno degli uffici gravemente danneggiati apparteneva alla Mezzaluna Rossa del Qatar, ospitato nell’edificio Al-Shawwa nel centro di Gaza City, che è stato attaccato lunedì. Anche una banca nello stesso edificio è stata gravemente danneggiata.

L’attacco ha anche gravemente danneggiato gli edifici vicini, compresa la clinica Al-Rimal, che ospitava il laboratorio principale per i test COVID. Di conseguenza, il laboratorio ha interrotto il lavoro. Martedì, nel bombardamento di una struttura di cinque piani, la libreria e la casa editrice Al-Nahda sono state demolite, così come una farmacia e l’ufficio centrale dell’Istituto per gli orfani al-Amal.

Maaruf ha affermato che i danni causati dalla distruzione degli edifici governativi sono stimati in circa 23 milioni di dollari. Secondo Maaruf, Israele ha bombardato 74 uffici governativi di Hamas ed edifici pubblici, come strutture municipali, stazioni di polizia e strutture di sicurezza. Gli scioperi israeliani hanno gravemente danneggiato 50 scuole governative e strutture educative, oltre a un centro di formazione professionale dell’UNRWA e due asili. Secondo le informazioni fornite dalle Nazioni Unite, sei ospedali e 11 centri medici sono stati danneggiati. Un ospedale non funziona da domenica perché la sua elettricità è stata interrotta.

I palestinesi che sono fuggiti dalla loro casa a causa degli attacchi aerei e dell'artiglieria israeliani riempiono bottiglie d'acqua in una scuola che ospita rifugiati a Gaza City, la scorsa settimana.I palestinesi che sono fuggiti dalla loro casa a causa degli attacchi aerei e dell’artiglieria israeliani riempiono bottiglie d’acqua in una scuola che ospita rifugiati a Gaza City, la scorsa settimana. Credito: MOHAMMED ABED / AFP

Dopo un attacco aereo di domenica mattina, la clinica per traumi e ustioni di Medici Senza Frontiere ha dovuto essere chiusa, sia per danni strutturali sia perché la strada che vi conduceva era stata distrutta. Tre moschee sono state completamente distrutte dall’inizio della guerra; altre 40 moschee e una chiesa gravemente danneggiate. Un edificio di cinque piani appartenente al fondo religioso musulmano Waqf è stato gravemente danneggiato. Il danno alle strutture religiose è stimato in 5 milioni di dollari.

Il settore agricolo di Gaza ha finora subito danni per circa 24 milioni di dollari a causa del bombardamento di campi coltivati, strutture per animali e sistemi di irrigazione, secondo stime preliminari del ministero dell’Agricoltura di Hamas. Gli agricoltori della Striscia temono di andare a lavorare la loro terra per gli attacchi, soprattutto dopo che un certo numero di agricoltori sono stati uccisi.

Le ostilità hanno causato danni per 40 milioni di dollari al commercio e all’industria di Gaza; alcune fabbriche hanno subito colpi diretti negli attacchi militari israeliani. Sabato, un attacco di artiglieria israeliana su Beit Lahia ha colpito gli uffici della società di importazione Al-Khdeir Brothers e della società farmaceutica Al-Mudawar. Gli edifici, che ospitavano grandi quantità di plastica e attrezzature agricole, sono andati in fiamme. Lo stesso giorno, un altro attacco di artiglieria ha distrutto un laboratorio di cucito a conduzione familiare nel villaggio di Shokka, nel sud della Striscia di Gaza.

Il valore di tutti i veicoli privati ​​e governativi demoliti o parzialmente danneggiati è stimato essere superiore a 5,5 milioni di dollari, mentre i danni alle linee di comunicazione e internet sono stimati a circa 5,6 milioni di dollari.

Il danno alle strade e alle infrastrutture idriche e fognarie è stimato a circa $ 27 milioni, a partire da mercoledì. A causa dei bombardamenti, il traffico è leggero sulle strade di Gaza e la maggior parte delle persone preferisce rimanere nelle proprie case o nelle vicinanze. Le principali arterie del traffico sono state bloccate dalle macerie di strade bombardate, che hanno impedito l’arrivo di fornitori di cibo, squadre mediche e altri servizi di soccorso. Ora devono prendere un percorso più lungo o non possono raggiungere le loro destinazioni. Questa è una situazione particolarmente pericolosa per la vita quando si tratta di squadre mediche, antincendio e di soccorso, chiamate a liberare le persone dalle macerie o per spegnere le fiamme.

 

https://palestinaculturaliberta.org/2021/05/21/la-distruzione-di-gaza-costi-umani-ed-economici-insostenibili/

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.