La furia palestinese per l’accordo Emirati Arabi Uniti-Israele è solo uno “spettacolo mediatico”

0
237

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/40273

LORENZO POLI

“La leadership palestinese vive di inganni, imbrogli e menzogne. È  leader e madre della normalizzazione. Vogliono che la Lega Araba condanni quello che stanno già facendo. Questo è solo uno spettacolo mediatico. ”

Fonte – English version

Motasem A. Dalloul – 11 settembre 2020

Immagine di copertina: Palestinesi lanciano slogan durante na manifestazione contro la normalizzazione tra Usa ed Emirati Arabi  – Gaza 19 agosto 2020 (Mohammed Abed – Getty Images)

Prima della riunione della Lega Araba di mercoledì, il ministro degli Esteri dell’Autorità Palestinese (AP) Riyad Al-Maliki ha invitato i suoi omologhi arabi a rifiutare l’accordo di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti (EAU) e Israele.

L’accordo è stato dichiarato da Stati Uniti, Emirati Arabi Uniti e Israele il 13 agosto, sorprendendo i palestinesi e la popolazione araba e creando invece soddisfazione tra i funzionari e la popolazione israeliana.

Rivolgendosi ai suoi omologhi, Al-Maliki ha dichiarato: “Di fronte all’accordo di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele, è diventato necessario per noi assumere una posizione per rifiutare questa mossa; altrimenti, il nostro incontro sarà considerato come una benedizione o una  complicità della normalizzazione”.

Successivamente, i ministri degli esteri arabi si sono incontrati in videoconferenza e hanno discusso per tre ore la questione dell’accordo Emirati Arabi Uniti-Israele, mediato dagli Stati Uniti, che sarà celebrato ufficialmente   a Washington il 15 settembre. L’incontro virtuale ha portato alla conclusione  che ogni Paese arabo è libero di esercitare come desidera la propria politica estera , ha detto ai media il segretario della Lega Araba Ahmed Aboul Gheit.

“La discussione su questo punto è stata seria “, ha detto a un giornalista Hossam Zaki, Segretario Generale aggiunto della Lega Araba, dopo l’incontro. “È stata completa e ha richiesto del tempo. Ma alla fine non ha portato ad un accordo sulla bozza  di risoluzione che era stato proposta dalla parte palestinese “.

Parlando ai media palestinesi, l’ambasciatore palestinese presso la Lega Araba Muhannad Al-Aklouk ha confermato che l’Autorità Palestinese ha compiuto molti sforzi per convincere la Lega Araba a condannare la normalizzazione  con l’occupazione israeliana, ma gli sforzi sono stati purtroppo vani.  “In risposta, la Palestina ha presentato una bozza di risoluzione che condanna l’accordo di normalizzazione tra Emirati Arabi Uniti e Israele”. “I Paesi arabi, tuttavia, hanno votato contro il progetto e alcuni  hanno fatto del loro meglio per legittimare la normalizzazione con Israele.

Parlando all’Agenzia Anadolu, il membro del Comitato Esecutivo dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina (OLP), Ahmed Majdalani, ha  dichiarato: “Quello che è successo è chiaro e prevedibile. La coalizione che sostiene gli Emirati Arabi Uniti è la più forte e  influente nella Lega Araba. L’incapacità di condannare gli Emirati Arabi Uniti significa che è stata adottata una nuova politica nella Lega Araba che consente a qualsiasi Paese arabo di stabilire relazioni con Israele e aggirare l’Iniziativa di pace araba del 2002 “.

Dati gli sforzi compiuti dalla leadership palestinese per delegittimare la normalizzazione, gli osservatori della questione palestinese potrebbero ritenere che vi sia un cambiamento nella posizione ufficiale palestinese di lunga data rispetto all’occupazione israeliana. Ma ci sono molte ragioni  che dimostrano  il contrario.

Ad esempio, come possiamo spiegare la rabbia palestinese per l’accordo tra Emirati Arabi Uniti e Israele e il ritiro dell’ambasciatore palestinese da Abu-Dhabi,  quando Egitto e Giordania hanno accordi di pace e buoni rapporti con Israele, e ciascuno di questi Paesi arabi ha un ambasciatore a Tel Aviv, e Israele ha ambasciatori ebrei nelle loro capitali?

In aggiunta a questo, molti funzionari palestinesi e dell’OLP hanno case ad Amman e detengono la cittadinanza giordana, tra cui l’AP, l’OLP e il presidente di Fatah Mahmoud Abbas, che possiede due appartamenti, una villa e altri immobili in Giordania, secondo il capo redattore di Rai Al- Youm, Abdel-Bari Atwan.

The UAE normalise ties with Israel – Cartoon [Sabaaneh/MiddleEastMonitor]

Come possiamo spiegare il continuo coordinamento della sicurezza tra AP e Israele  quando a maggio la leadership palestinese aveva ufficialmente dichiarato che avrebbe cessato tale collaborazione, come parte della rinuncia a tutti gli impegni palestinesi ai sensi dell’accordo di Oslo?

Naturalmente, il Ministro degli Affari Civili dell’AP Hussein Al-Sheikh lo ha spiegato al New York Times, quando ha dichiarato che i servizi di sicurezza palestinesi avrebbero continuato a: “Mantenere la legge e l’ordine e combattere il terrorismo”.  L’ANP definisce la resistenza palestinese “terrorismo” e combatterla come “mantenere la legge”. Ha sottolineato: “Preveniremo la violenza e il caos. Non permetteremo spargimenti di sangue. Questa è una decisione strategica. ” L’AP si riferisce alle manifestazioni anti-israeliane e alle attività pacifiche come “violenza” e “caos”, al fine di giustificare la repressione.

Il New York Times non ha risparmiato alcuno sforzo per fornire esempi di queste spiegazioni, citando un incidente avvenuti fuori dalla città di Jenin in Cisgiordania,  quando la sicurezza dell’AP ha sventato  un potenziale atto di resistenza palestinese contro le truppe israeliane che pattugliano l’area palestinese occupata. Questo unitamente  a  quando un grande convoglio di truppe israeliane ha scortato centinaia di fedeli ebrei alla tomba di Giuseppe, nella città occupata di Nablus in Cisgiordania, e gli ufficiali dell’Autorità Palestinese a guardia del sito, nel veder arrivare gli israeliani,  se ne sono andati per poi riprendere  i loro posti solo dopo che questi se ne erano andati..

A parte questo, il tentativo dell’AP di convincere la Lega Araba a condannare l’accordo Emirati Arabi Uniti-Israele è inutile, e la leadership palestinese riconosce chiaramente che un tale sforzo è impossibile da realizzare, perché la Lega Araba prende le sue decisioni all’unanimità. “Se uno Stato non supporta una determinata decisione, viene automaticamente abbandonato”,  riferisce  il professore di scienze politiche Abdul-Sattar Qasem. “Quindi , come poteva  la Lega Araba condannare gli Emirati Arabi Uniti per questo accordo, essendo   un membro dell’organizzazione? In aggiunta a ciò, ci sono due Stati membri che mantengono accordi con Israele e molti altri Stati che hanno già accolto l’accordo “.

Giustificando le azioni dell’Autorità Palestinese, Qasem ha affermato: “La leadership palestinese vive di inganni, imbrogli e menzogne. È  leader e madre della normalizzazione. Vogliono che la Lega Araba condanni quello che stanno già facendo. Questo è solo uno spettacolo mediatico. ”

Qasem ha sottolineato: “L’Autorità Palestinese  ritirerà  la sua opposizione all’accordo Emirati Arabi Uniti-Israele e si getterà di nuovo nelle braccia dell’occupazione israeliana.  In seguito, in cambio di un po’ di soldi, potrebbe addirittura chiedere scusa ad Abu-Dhabi “.

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Monitor.

Trad:  Lorenzo Poli – Invictapalestina.org

La furia palestinese per l’accordo Emirati Arabi Uniti-Israele è solo uno “spettacolo mediatico”

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.