LA GUERRA E IL TERRORE INFLIGGONO DANNI IRREVERSIBILI AL PATRIMONIO ARCHEOLOGICO SIRIANO

436

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/42150

18/03/2021

Il traffico di “antichità di guerra” ha generato milioni di dollari per ISIS, piccoli gruppi ribelli, forze statali, nonché reti di contrabbando più liberamente organizzate e singoli individui

Fonte :english version

The Arab Weekly editor – 10 marzo 2021

Immagine di copertina: Una vista del Tempio di Bel danneggiato, nell’antica città siriana di Palmyra, di epoca romana, nella provincia centrale di Homs. (AFP)

PALMIRA, Siria – Un decennio di guerra non solo ha distrutto il presente della Siria e avvelenato il suo futuro, ma ha danneggiato irreparabilmente parte del suo leggendario passato.

La Siria era il paradiso degli archeologi, patrimonio dell’umanità che ospita alcuni dei gioielli più antichi e meglio conservati delle civiltà antiche.

Il conflitto scoppiato nel 2011 è stato probabilmente il peggiore del 21 ° secolo a livello umanitario, ma la distruzione sfrenata del patrimonio archeologico è stata forse la peggiore da generazioni.

In pochi anni i siti archeologici sono stati danneggiati, i musei saccheggiati e i centri storici rasi al suolo.

l’Isis distrugge il tetrapylon nell’antica città siriana di Palmyra, in Siria, di epoca romana. (AFP)

In piedi di fronte a un manufatto restaurato nel museo di Palmyra che ha gestito per 20 anni, Khalil al-Hariri ricorda il trauma di dover fuggire dalla città e dai suoi tesori  mentre cadevano nelle mani dell’ISIS.

“Ho vissuto molti giorni difficili. Siamo stati assediati più volte all’interno  del museo “, ha detto, raccontando come lui e il suo team rimasero il ​​più  a lungo possibile per trasportare i manufatti in sicurezza.

“Ma il giorno più difficile della mia vita è stato il giorno in cui sono tornato a Palmyra e ho visto le antichità distrutte e il museo in rovina”, ha detto Hariri, che ora ha 60 anni.

“Hanno rotto e fracassato tutti i volti delle statue rimaste nel museo che non avevamo  potuto salvare. Alcune possono essere restaurate, ma altre sono completamente rovinate”.

Palmyra è una maestosa città antica la cui influenza raggiunse il culmine verso la fine dell’impero romano e nel 3 ° secolo fu notoriamente governata dalla regina Zenobia.

Far saltare in aria la storia

Il suo imponente colonnato lungo un chilometro è unico e uno dei punti più riconoscibili della Siria.

Quando gli estremisti dell’ISIS arrivarono a Palmyra nel maggio 2015 per espandere il “califfato” che avevano proclamato su parti della Siria e dell’Iraq un anno prima, la protesta  fu globale.

Il contrasto offerto dallo splendore e dall’abilità dell’architettura palmirena come sfondo alla barbarie dei jihadisti armati  catturò l’immaginazione del mondo.

Il sito divenne un palcoscenico per esecuzioni pubbliche e altri crimini raccapriccianti, alcuni dei quali vennero ripresi  e utilizzati  nella propaganda dell’ISIS.

Anche il corpo decapitato dell’archeologo Khaled al-Asaad  vi venne esposto dagli scagnozzi dell’ISIS che lo avevano torturato per convincerlo a rivelare dove erano stati trasferiti i manufatti del sito.

Decisi nella loro impresa di genocidio culturale, i terroristi  minarono il famoso santuario di Baal Shamin di Palmyra e lo fecero saltare in aria.

Distrussero anche il Tempio di Bel, fatto saltare in aria l’Arco di Trionfo, saccheggiato ciò che potevano dal museo e deturpato le statue e i sarcofagi troppo grandi per essere rimossi.

L’ex capo siriano delle antichità Maamoun Abdulkarim fuori dal Museo di Damasco, davanti a una scultura in altorilievo. (AFP)

Il saccheggio dell’antica città soprannominata “La Venezia delle sabbie” è stato paragonato alla distruzione dei Buddha di Bamiyan da parte dei talebani afgani nel 2001.

Quando le forze governative ripresero il controllo di Palmyra nel 2017, la città era stata danneggiata in modo irreversibile.

Perdite irreversibili

Palmyra è stata solo una delle perdite irrecuperabili inflitte al patrimonio della Siria durante una guerra che non ha risparmiato una sola regione del paese.

“In due parole, è un’apocalisse culturale”, ha detto Justin Marozzi, autore e storico che ha scritto molto sulla regione e sul suo patrimonio.

La distruzione del patrimonio della Siria nei periodi precedenti risale a un’altra epoca, quando l’impero mongolo fondato da Gengis Khan provocò massacri in lungo e in largo.

“Quando si parla di Siria e Medio Oriente in particolare, non posso fare a meno di pensare subito a Timur, o Tamerlano, che qui scatenò l’inferno nel 1400”, ha detto Marozzi, autore di “Islamic Empires: Fifteen Cities that Define a Civilization. ”

Il riferimento al conquistatore mongolo è inevitabile quando si riflette sul destino di Aleppo, il fulcro economico della Siria prima della guerra e un tempo sede di una delle città antiche meglio conservate al mondo.

Tamerlano distrusse la città sei secoli fa, ma la devastazione che ha colpito Aleppo negli ultimi dieci anni non è stata opera di un invasore straniero.

Maamoun Abdel Karim era il capo delle antichità siriane quando si è verificata la peggiore distruzione, dal 2012 al 2016.

“Negli ultimi due millenni di storia siriana, non è successo niente di peggio di quello che è successo durante la guerra”, ha detto.

“Completa e totale distruzione. Non stiamo parlando solo di un terremoto in un luogo o di un incendio in un altro – o anche di una guerra in una città – ma di distruzione in tutta la Siria “, ha detto.

Paesaggio sfigurato

Prima della guerra, la città settentrionale di Aleppo – considerata una delle più antiche al mondo abitate ininterrottamente – vantava mercati, moschee, caravanserragli e bagni pubblici.

Ma il brutale assedio imposto ai ribelli l’ha sfigurata.

Il governo, che dal 2015 ha beneficiato della potenza militare russa, ha fatto molto affidamento sugli attacchi aerei per riconquistare il territorio.

“Non posso dimenticare il giorno in cui è caduto il minareto della moschea degli Omayyadi ad Aleppo, o il giorno in cui il fuoco ha dilaniato gli antichi mercati della città”, ha detto Abdel Karim.

Una scultura in altorilievo al Museo di Damasco nella capitale siriana. (AFP)

Altri edifici che, come il minareto dell’XI secolo, erano sopravvissuti a Tamerlano , andarono perduti per sempre.

“Circa il 10 per cento delle antichità siriane è stato danneggiato, e questa è una percentuale  alta per un paese con così tanti resti e siti storici”, ha detto l’ex capo delle antichità.

Un rapporto pubblicato lo scorso anno dalla Fondazione Gerda Henkel e dalla Syrian Society for the Protection of Antiquities con sede a Parigi ha affermato che dall’inizio della guerra sono stati saccheggiati più di 40.000 manufatti da musei e siti archeologici.

Il traffico di “antichità del conflitto” ha generato milioni di dollari per l’ISIS, i gruppi ribelli più piccoli, le forze statali, nonché le reti di contrabbando più liberamente organizzate e singoli  individui.

L’ISIS aveva un dipartimento speciale che regolava gli scavi dei siti archeologici sul suo territorio, suggerendo che il profitto da realizzare fosse significativo, sebbene non fosse mai stato quantificato con precisione.

Il caos che ha travolto la Siria al culmine della guerra ha permesso che i pezzi più facilmente trasportabili  – come monete, statuette e frammenti di mosaico – fossero sparsi in tutto il mondo attraverso il mercato nero delle antichità.

Sebbene siano stati compiuti alcuni sforzi per arginare il commercio illegale e, in alcuni casi, anche per iniziare a rimpatriare i manufatti rubati in Siria e Iraq, il danno subito  è enorme.

Tragedia mondiale

La posta in gioco economica è enorme anche per il futuro della Siria. La ricchezza del patrimonio del paese era l’attrazione principale di un’industria del turismo che era sì rimasta stentata, ma che aveva un enorme potenziale.

La Siria ha sei siti nella lista del patrimonio mondiale dell’UNESCO e tutti hanno subito un certo livello di danni durante la guerra.

Oltre a Palmyra e Aleppo, anche le antiche città di Damasco e Bosra hanno sofferto. Anche lo spettacolare castello crociato del Krak des Chevaliers è stato coinvolto nei combattimenti, così come un gruppo di vecchi villaggi vicino al confine turco conosciuti come “le città morte”.

Altri importanti punti di riferimento del patrimonio hanno subito gravi distruzioni, come il sito di Apamea, un’antica città di epoca romana sul fiume Oronte nota per un colonnato ancora più lungo di quello di Palmira.

Al culmine della sua gloria, Palmira ha rappresentato il simbolo di una civiltà pluralista, un centro commerciale sulla Via della Seta che era un crocevia culturale.

La sua architettura era una miscela di influenze dell’antica Roma e della Grecia, della Persia e dell’Asia centrale.

Ciò che è stato distrutto durante la guerra a Palmira, e per estensione in tutta la Siria, è la prova di un passato multiculturale, un certo ideale di civiltà.

“Tutti noi dovremmo preoccuparci della distruzione del patrimonio siriano perché, oltre ad essere siriani e arabi, questi antichi siti, città e monumenti fanno parte del nostro patrimonio culturale comune”, ha detto Marozzi.

“Luoghi come Palmira hanno un significato e un valore universali. Fanno parte della nostra civiltà mondiale, sono pietre miliari nella nostra storia di esseri umani e quindi tutto ciò che li danneggia è una ferita per tutta l’umanità “.

 

Trad: Grazia Parolari “Tutti gli esseri senzienti sono moralmente uguali” – Invictapalestina.org

La guerra e il terrore hanno inflitto danni irreversibili al patrimonio archeologico siriano

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.