La legge dello stato nazione è autodistruttiva e antisionista – di Chemi Shalev

0
99

 

Sintesi personale

Il mese scorso il decreto della Knesset sullo Stato nazionale è sicuramente uno dei passi più autodistruttivi nella storia di Israele. Il suo passaggio non era necessario, ma il danno che ha provocato, si può tranquillamente dire ora, è incalcolabileLa legge è antisionista nella sua essenza: ha seminato divisione, diffuso veleno, contaminato l’immagine di Israele e indebolito la sua identità nazionale. Se l’intenzione della Knesset era di rafforzare i legami tra la nazione ebraica e la sua terra, i risultati sono stati esattamente l’opposto: la presa  sionista sullo Stato di Israele non è mai sembrata più dubbia.

Prendi la legge del ritorno, per esempio. Prima della legge dello stato-nazione, veniva menzionata a malapena. C’era un accordo generale sul fatto che una chiara discriminazione a favore degli ebrei nell’acquisizione della cittadinanza israeliana fosse giustificata, o almeno comprensibile, sullo sfondo della storia e dell’Olocausto, e che il loro status favorito finisse una volta entrati nel paese. Quando i redattori del disegno di legge Stato nazionale si sono aggrappati al precedente della Legge del Ritorno per difendersi,  hanno infettato tale legge  con ottusità e malizia. Ora anche la legge del ritorno sembra offensiva.

Prendi l’apartheid, come altro esempio. Fare l’analogia con l’odioso regime sudafricano era per lo più limitato finora ai nemici ben definiti di Israele. La legge dello stato-nazione ha posto il confronto al centro della scena.

Anche questo non è stato sufficiente per il primo ministro Benjamin Netanyahu: per giustificare la sua imboscata pre-programmata all’incontro con i Drusi la scorsa settimana, l’Ufficio del Primo Ministro ha falsamente diffuso l’affermazione che il generale israeliano in pensione Amal Assad aveva descritto Israele come  stato apartheid  in modo che il mondo intero, e non solo i suoi seguaci su Facebook, avrebbe saputo del confronto. Proveniente da un brigadiere generale in pensione, un presunto simbolo di uguaglianza e integrazione, l’analogia dell’apartheid sembrava una testimonianza affidabile  in quanto detta da un testimone esperto.

La legge dello stato nazione ha strappato la maschera che tutti si erano messi, convinti  di vivere in un Israele illuminato, liberale e democratico che garantisce un’uguaglianza indiscriminata a tutte le sue minoranze.

La legge ha gettato un’ombra oscura sull’atteggiamento di Israele, non solo per il futuro ma anche per il presente e per il passato. Ha rivelato che anche oggi gli arabi israeliani sono messi in disparte, che i drusi subiscono discriminazioni, nonostante la loro lealtà  e che i sentimenti e le sensibilità dei non ebrei, nel loro insieme, vengono aggirati e ignorati. La nuova legge ha dimostrato che non è sufficiente per gli ebrei essere signori della terra. Insistono ad ostentare la loro superiorità, perché il mondo intero veda ciò.

La malvagità della legge è aggravata dal fatto che è completamente ingiustificata. Mira a combattere una minaccia che è frutto delle fantasie febbrili della destra. Israele oggi è più “ebreo” che mai. La maggior parte del mondo riconosce il diritto degli ebrei alla loro patria e le minoranze del paese hanno imparato a vivere in pace con quella realtà.

La Corte Supremache la legge pretende di frenare, si inchina di routine alle autorità di sicurezza, raramente emette sentenze  a favore dei palestinesi, mantiene coerentemente i valori ebraici di Israele e permette regolarmente al governo e alla Knesset di smembrare la democrazia israeliana, quasi a loro piacimento. Netanyahu, insieme al ministro della Giustizia ,Ayelet Shaked, vuole soffocare qualsiasi cosa rimanga dell’indipendenza della corte.

Senza la legge dello stato-nazione, il futuro di Israele come stato-nazione degli ebrei non può essere garantito“, ha detto Netanyahu alla riunione del gabinetto di domenica, in una delle più sciocche affermazioni mai registrate. Sul serio? Pensavamo che il futuro dello stato ebraico dipendesse dalla sua unità nazionale, dalla sua coesione interna, dall’impegno per la democrazia, dalla lotta per l’uguaglianza e dal senso di appartenenza che dà alle minoranze, tutti valori  che questa legge  calpestaAvevamo pensato che salvaguardare l’identità ebraica di Israele dipendesse, in primo luogo, dal mantenimento di una maggioranza ebraica, senza la quale, con o senza la legge, Israele diventerebbe veramente uno stato di apartheid.

Si scopre che ci siamo sbagliati. Secondo Netanyahu, le 11 clausole anemiche della legge dello stato-nazione sono la pietra dell’esistenza di Israele e la via per la sua salvezza. È qui che Netanyahu vorrebbe farci vivere: non nello stato degli ebrei, ma nello stato delle loro delusioni.

 

La legge dello stato nazione è autodistruttiva e antisionista – di Chemi Shalev

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2018/08/chemi-shalev-la-legge-dello-stato.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.