La mia opinione dal Sud Africa sul prossimo evento con Leila Khaled

0
219

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/40381

Dalla lezione del Sud Africa si comprende che la determinazione di un popolo, che combatte una giusta causa, alla fine trionferà.

Fonte –  English version

Ronnie Kasrils – 21 settembre 2020

Immagine di copertina: Leila Khaled partecipa a una manifestazione presso la sede del comitato internazionale per la Croce Rossa nella città di Gaza il 10 dicembre 2012.

“Una feccia e cagna dalle labbra serrate dominata dall’odio” – questo è ciò che è arrivato, la settimana scorsa, nella mia casella di posta all’inizio di una corrispondenza e-mail con due sudafricani bianchi che vivono negli Stati Uniti e che non vedevo, dai tempi di scuola, da oltre sessanta anni. Gli insulti non erano diretti interamente a me. La loro verbosità incendiaria era destinata alla famosa attivista palestinese Leila Khaled, con la quale dovrei parlare in un webinar questo mercoledì.

Uno dei detrattori, che ora vive a Los Angeles, ha definito l’intero webinar “notizie false”, qualunque cosa ciò significhi. Ha continuato esclamando: “Mi vergogno di essere stato un amico intimo di un EBREO così antisemita anti-israeliano. Spero che gli ebrei [sudafricani] e Israele ti riconoscano per quello che sei. Con la crescita dell’antisemitismo stai aggiungendo benzina al fuoco! ”

L’evento, “Di chi sono le narrazioni? Genere, Giustizia & Resistenza: Una conversazione con Leila Khaled” si svolgerà online il 23 settembre 2020 ed è ospitato dalla Arab and Muslim Ethnicities and Diasporas Initiative presso la San Francisco State University. La tavola rotonda si concentrerà su Khaled, moderata da due professori dell’università, il dott. Rabab Abdulhadi e il dott. Tomomi Kinukaw. (ndt. Articolo scritto da Ronnie Kasrils il 21 settembre, prima dell’evento)

Leila Khaled non è estranea alle molestie. È emersa come eroina della resistenza dal Fronte Popolare per la Liberazione della Palestina (FPLP) alla fine degli anni ’60 dopo essere diventata la prima donna a prendere parte a un dirottamento aereo, subendo un intervento di chirurgia estetica tra due missioni per evitare di essere scoperta. È stata arrestata dalla polizia britannica nel 1970 ed è stata rilasciata tre settimane dopo in uno scambio di prigionieri. Oggi vive in Giordania e intrattiene regolarmente dibattiti sulla causa palestinese.

La mia risposta:

Come ex sudafricani dovreste prendere atto che Nelson Mandela, ha lanciato una lotta armata quando il suo movimento aveva esaurito tutte le vie pacifiche di cambiamento per riparare l’espropriazione della terra e dei diritti del suo popolo. La sua moralità e solidarietà con gli altri che lottano contro l’espropriazione coloniale lo hanno portato, nel 1997, a dichiarare notoriamente:

“[Sappiamo] troppo bene che la nostra libertà è incompleta senza la libertà dei palestinesi; senza la risoluzione dei conflitti nel Timor orientale, in Sudan e in altre parti del mondo”.

Da segnalare anche l’arcivescovo Desmond Tutu, che ha dichiarato della sua visita in Israele nel 1989:

“Ho assistito all’umiliazione sistemica di uomini, donne e bambini palestinesi da parte di membri delle forze di sicurezza israeliane”, come riportato da Haaretz nel 2014. “La loro umiliazione è familiare a tutti i neri sudafricani che sono stati rinchiusi, molestati, insultati e aggrediti dalle forze di sicurezza del governo dell’apartheid”.

Quella testimonianza è stata portata avanti da innumerevoli combattenti anti-apartheid sudafricani, che sono rimasti così inorriditi dalle sofferenze del popolo palestinese (compreso lo status discriminatorio di cittadini “inferiori” sotto il quale un milione di persone vive all’interno di Israele), la cui opinione generale è che stanno molto peggio di quanto non fossero mai stati i neri durante l’apartheid. La nostra gente è stata crudelmente oppressa e sfruttata, ci sono stati massacri della polizia come a Sharpeville, detenzione senza processo, torture e lunghe pene detentive, rimozioni e restrizioni forzate, linciaggio razzista bianco, ma niente che si avvicini a quello visto in Israele e nei territori occupati. Niente della severità dei cinquecento posti di blocco militari in Cisgiordania, recinzione di un mostruoso muro dell’apartheid, restrizioni disumane ai movimenti, invasione di insediamenti ebraici illegali e strade esclusivamente ebraiche, espropriazione dei diritti di terra e acqua, distruzione di i preziosi uliveti, la rottura delle ossa e l’incarcerazione dei bambini che lanciano pietre; la detenzione continua di migliaia di prigionieri politici, alcuni per anni più lunghi di quelli che Mandela ha scontato.

Niente a che vedere con gli assedi in stile medievale; l’abbattimento di 214 manifestanti pacifici con il fuoco selettivo come nella Grande Marcia del Ritorno di Gaza; nessuna città nera ha mai sofferto a causa dei continui bombardamenti di Gaza in cui sono morti migliaia di civili; nessuna fame genocida incrementale e punizione collettiva su scala grottesca. Ovviamente ci fu espropriazione coloniale di terre e diritti; lo scarico di persone a marcire nei Bantustan; le brutali sofferenze sotto il sistema dell’apartheid. Questo è così facilmente riconoscibile rispetto al governo israeliano. Allo stesso modo abbiamo riconosciuto il sumud palestinese nella costante perseveranza del nostro popolo e nella comprensibile e disperata svolta verso la resistenza con pietre e pistole. Anche l’appello alla solidarietà internazionale e al boicottaggio, che hanno contribuito alla caduta dell’apartheid.

La tua replica alla dichiarazione di Mandela al diritto di un popolo a sollevarsi in armi è molto probabile che lo sia. La dichiarazione “Questo è esattamente quello che abbiamo fatto noi sionisti nella lotta per stabilire, pistola alla mano, lo Stato di Israele” è molto lontana da esso.

La differenza fondamentale è che dal suo inizio, il sionismo – una dottrina politica ristretta ed estremista da non confondere con il giudaismo e tutta la fede ebraica – mirava a colonizzare ed espropriare la terra di un popolo palestinese indigeno. Il popolo palestinese aveva vissuto lì ben prima della costituzione dello Stato di Israele.

Quando i coloni sionisti apparvero sulla scena nel 1880, la terra era ben sviluppata e altamente popolata, sostenuta da ben oltre un milione di palestinesi produttivi in un ambiente fiorente. Fin dall’inizio i coloni europei, come le loro controparti negli Stati Uniti, in Sud Africa e in tutto il mondo, cercarono di escogitare un modo per soppiantare una popolazione indigena che aveva vissuto lì per millenni e che si trovava sulla strada del loro progetto di colonizzazione. L’opposizione palestinese al sionismo non era basata sull’antisemitismo, ma è nata dalla paura dell’espropriazione e dal razzismo mostrato nei loro confronti.

I sionisti raccontano il gioco con le loro stesse parole, sebbene spesso si sforzino di nascondere le vere intenzioni. Theodor Herzl affermò nel suo diario del 1895 che una volta al potere l’obiettivo sarebbe stato quello di: portare “la popolazione senza un soldo [palestinese] oltre il confine  procurandole un impiego nei paesi di transito, negandole qualsiasi impiego nel nostro paese. . . Sia il processo di esproprio che l’allontanamento dei poveri devono essere eseguiti con discrezione e circospezione”.

Il sionismo negli anni ’40 diffuse un mito : “Una terra senza popolo per un popolo senza terra”, a giustificazione degli insediamenti e sfruttando cinicamente la sciagurata circostanza degli ebrei sopravvissuti all’Olocausto in Europa, e fornendo la scusa alle potenze occidentali di limitare il numero di persone che cercavano rifugio nei loro paesi, poiché potevano essere dirottate in Palestina.

La posizione geografica strategica della Palestina e le risorse petrolifere a est attrassero interessi imperialisti britannici, francesi e, a loro volta, statunitensi. La connivenza con i feudatari arabi è stata il nesso per il disegno della mappa del Medio Oriente da quei tempi fino all’accordo del secolo di Trump e il tradimento dei palestinesi da parte di avidi tiranni.

Quando i tempi furono maturi, i colonizzatori armati ben preparati attaccarono con forza spietata, sradicando oltre 750.000 persone nel 1948-49 attraverso gli orrori di un programma sistematico di pulizia etnica noto al popolo palestinese come la Nakba (catastrofe).

Ricordo bene quanto, da bambino innocente di dieci anni cresciuto in un sobborgo ebraico di Johannesburg, fossi ansioso insieme alla comunità: se i “nostri parenti” in Palestina sarebbero sopravvissuti o se una tragedia simile all’Olocausto avrebbe prevalso. Eravamo soggetti alla narrativa degli anziani e dei principali media occidentali. Non ci rendevamo conto che era in corso la distruzione volontaria di un popolo: non i coloni ebrei ma gli abitanti indigeni. Se alcuni di noi alla fine sono stati in grado di risvegliarsi in una realtà diversa dalla narrazione unilaterale imposta su di noi, è stato in repulsione per il modo in cui la nostra innocenza è stata sfruttata, le nostre sensibilità abusate, le nostre emozioni sfruttate, la nostra innata umanità assalita e infangata.

Proprio in quel momento, nel 1948, quando fu riferito il famigerato massacro di Deir Yassin di oltre 100 uomini, donne e bambini, un ministro del governo israeliano, Aharon Zisling, disse disperato: “Ma ora anche gli ebrei si sono comportati come i nazisti e il mio intero essere ad essere stato scosso”

Dovresti sapere perché i cosiddetti “ebrei che odiano se stessi” si alzano con i giusti per proclamare: “Non nel nostro nome”.

Dovresti capire perché Leila Khaled è ricorsa a un’azione che in realtà, nel suo caso, non ha ucciso una vita. Tu la assoceresti alla stessa categoria dell’attentatore suprematista bianco dell’Oklahoma, ma ovviamente non alla categoria di coloro che hanno bombardato il King David Hotel e hanno commesso numerosi massacri.

Prosegue il fraudolento Accordo del Secolo di Trump e una Palestina che si è effettivamente ridotta, annessa de facto o de jure, al 12% della terra, paragonabile al 13% dei territori bantustan dell’apartheid. Non essere così alto e potente nel tuo compiacimento da immaginare che i palestinesi semplicemente si ribelleranno a questa ultima, vergognosa truffa, perché autocrati arabi corrotti e supini li hanno pugnalati alle spalle. Non incolpare Leila Khaled per l’inevitabile intifada che seguirà.

Per quanto riguarda l’insulto di essere un “ebreo antisemita”: se ci si riferisce all’etica giudaica (in opposizione alla distorsione sionista), la mia educazione è radicata nelle parole del saggio Hillel: “Ciò che è odioso per te, non farlo al tuo prossimo” – o come nel cristianesimo, nell’islam, nell’induismo, nel buddismo – tratta gli altri come vorresti che trattassero te.

Non è questa la lezione dell’Olocausto? Non è questa la regola d’oro della vera moralità? Non è questa l’etica giudaica? Perché è lì che si trova un numero crescente di ebrei, tra gli altri, seguendo le orme onorevoli di Albert Einstein, Hanna Arendt, Noam Chomsky, Suzanne Weiss.

Stanno accanto a Nelson Mandela, Edward Said, Angela Davis, Mahmoud Darwish, Arundhati Roy e tanti altri, importanti e meno conosciuti.

Coloro che equiparano la critica di Israele all’antisemitismo e al tradimento sono obbligati a considerare se la critica all’apartheid del Sudafrica o all’America di Trump o all’Arabia Saudita di Mohammed bin Salman o all’India di Modi, equivalga all’essere anti-africano, anti-americano, anti-musulmano o anti-indiano?

Le critiche a un ex tiranno haitiano come Francis “Papa Doc” Duvalier o un burattino della CIA o del Belgio come Mobutu Sese Seko o Moïse Tshombe di quella che oggi è chiamata Repubblica Democratica del Congo, equivalgono all’essere anti-neri o anti-africani? In caso contrario, perché le critiche al governo israeliano sono antisemite? Israele è al di sopra delle critiche? Gli ebrei sono al di sopra delle critiche?

La tua acquiescenza rende Israele immune dalle critiche. Fornisci un’impunità che ti rende complice di crimini contro l’umanità.

Comprendi la lezione del Sud Africa, la risolutezza di un popolo determinato che, combattendo una giusta causa, alla fine trionferà. Non è questo il motivo per cui temi così tanto l’esempio ispiratore della vita di Leila Khaled e la consapevolezza che, nonostante tutti gli sforzi di Israele, il popolo palestinese esiste e non si arrende? Pace, sicurezza e giustizia per tutti sono possibili, ma solo sulla base di un’equa soluzione che rimedi ai crimini della colonizzazione, senza interferenze esterne.

Trad: Lorenzo Poli “siamo realisti, esigiamo l’impossibile” – Invictapalestina.org

 

La mia opinione dal Sud Africa sul prossimo evento con Leila Khaled

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.