La persecuzione di una studentessa palestinese

585

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2021/02/05/la-persecuzione-di-una-studentessa-palestinese/

https://electronicintifada.net/

5 febbraio 2021          Amjad Ayman Yaghi

Mays Abu Ghosh stava facendo una revisione per un esame universitario nell’agosto 2019, quando i soldati israeliani hanno fatto irruzione nella sua casa a tarda notte.

Mays Abu Ghosh è stata ripetutamente torturata nel centro di detenzione noto come Russian Compound. (Foto per gentile concessione di Mays Abu Ghosh)

Accompagnati da cani, i soldati dissero a suo padre di svegliare tutta la famiglia e riunire tutti in un unico posto. Poi sono entrati nella stanza di Mays e le hanno ordinato di accendere il cellulare e il computer. Ha rifiutato di farlo. Dopo aver disobbedito all’ordine, Mays ha dovuto vestirsi in presenza di alcune donne soldato. La sua camera da letto e quella dei suoi genitori sono state poi saccheggiate dalle truppe.

Ammanettata, Mays è stata portata dalla casa della sua famiglia nel campo profughi di Qalandiya al checkpoint militare sempre a Qalandiya, un’area che separa Gerusalemme est occupata dal resto della Cisgiordania. Da lì è stata trasportata al Russian Compound, un centro di detenzione israeliano a Gerusalemme.

Mays è stata detenuta in quel centro per più di un mese, durante il quale è stata ripetutamente torturata.

Doloroso

“La cosa più grave è stata tre giorni di fila senza il permesso di dormire”, ha detto Mays, 23 anni. “Dovevo stare su una sedia e se chiudevo gli occhi, un soldato veniva da me e mi urlava contro. Sono stata schiaffeggiata continuamente. “

Mays è stata costretta a stare in piedi e piegare le ginocchia, con i soldati che le premevano forte sulle spalle. Doveva rimanere in posizioni così dolorose per lunghi periodi di tempo. Le sue catene erano così strette che le sue mani e i suoi piedi hanno iniziato a sanguinare. Quando Mays ha avuto il ciclo, gli interrogatori “hanno deliberatamente ritardato” la consegna degli assorbenti, ha detto. “Ho ancora vari dolori – alla schiena, ai piedi e alla testa – a causa delle torture”, ha raccontato.

Oltre ad abusare di lei fisicamente, gli interrogatori di Mays l’hanno sottoposta a pressioni psicologiche minacciando che altri membri della sua famiglia sarebbero stati arrestati e che la loro casa sarebbe stata distrutta.

Mays, una studentessa di giornalismo alla Birzeit University in Cisgiordania, è stata perseguitata perché si è rifiutata di accettare l’occupazione israeliana della sua patria. È stata accusata di far parte di Qutub, un gruppo studentesco di sinistra ritenuto “illegale” da Israele.

Tra le altre accuse contro di lei c’erano “contatto con un nemico”. Ciò si riferiva alla sua partecipazione a una conferenza tenutasi in Libano sul diritto al ritorno dei profughi palestinesi. Circa 50 persone, principalmente studenti, sono state arrestate in Cisgiordania nello stesso periodo di maggio. Alcuni giornalisti israeliani si sono precipitati a etichettare gli arrestati come “terroristi”. La stampa ha collegato gli arresti a un omicidio vicino a un insediamento israeliano. Tuttavia, come ha scritto Gideon Levy, giornalista veterano del quotidiano di Tel Aviv Haaretz, “quasi nessuno” degli arrestati era sospettato di avere qualcosa a che fare con quell’omicidio, “nemmeno indirettamente”.

“Enorme senso di perdita”

Dopo aver trascorso 33 giorni nel Russian Compound, Mays è stata portata a Damon, una prigione situata in una foresta vicino alla città di Haifa, all’interno di Israele. È stata tenuta in una cella con altre sei donne. Quando era estate, il caldo nella cella era insopportabile. Durante l’inverno, Mays ha cercato di sopportare il freddo pungente coprendosi con tre coperte.

Mays era determinata che la sua prigionia non avrebbe spezzato il suo spirito. Teneva la mente attiva leggendo romanzi e libri di sociologia e cultura. Alcuni dei libri letti dai prigionieri – in particolare quelli considerati politici – sono stati confiscati dalle guardie israeliane a Damon.

Mays è stata tenuta dietro le sbarre per 15 mesi. Alla fine è stata rilasciata alla fine dell’anno scorso. Il suo rilascio è avvenuto un mese prima della scadenza della pena detentiva di 16 mesi. Ma ha dovuto pagare una multa di 600 dollari per essere liberata dalla prigione.

La famiglia Abu Ghosh ha sofferto molto per mano dell’occupazione militare israeliana. All’inizio del 2016, il fratello di Mays, Hussein, è stato ucciso a colpi d’arma da fuoco da una guardia di sicurezza israeliana. È stato affermato che lui e un altro giovane che è stato ucciso avevano effettuato un attacco a coltellate, ferendo fatalmente una donna israeliana.

Pochi mesi dopo, l’appartamento in cui viveva la famiglia a Qalandiya è stato demolito da Israele in un atto di punizione collettiva. Di conseguenza hanno dovuto trasferirsi in un appartamento su un altro piano dello stesso edificio. Un altro dei suoi fratelli, Suleiman, è stato arrestato subito dopo il raid del 2019 in cui Mays è stata fatta prigioniera.

È stato posto in detenzione amministrativa – reclusione senza accusa né processo. “La mia famiglia sente un enorme senso di perdita e instabilità”, ha detto Mays. “Anche la mia sorellina – una bambina di 5 anni di nome Iliya – bagna il letto perché ricorda quella volta che l’esercito israeliano è venuto a fare irruzione in casa nostra e ad arrestarmi”. Mays è pienamente consapevole che non c’è nulla di unico nel modo in cui è stata trattata. In prigione, ha incontrato molti altri che sono stati rinchiusi per molto più tempo di lei.

Circa 10.000 donne palestinesi sono state arrestate o detenute per ordine dell’esercito israeliano negli ultimi cinque decenni. Trentasette donne palestinesi erano detenute nelle carceri o nei centri di detenzione israeliani alla fine di gennaio.

Mays è tornata a studiare ora, anche se deve seguire le sue lezioni online a causa della pandemia COVID-19. Spera di diplomarsi alla Birzeit più tardi nel 2021. “La prigione è stata un ostacolo alla mia istruzione e alla mia carriera”, ha detto. “Ma continuerò a lavorare come giornalista. Non permetterò che la mia prigionia sia un capitolo oscuro della mia vita “.

Amjad Ayman Yaghi è un giornalista con sede a Gaza. 

 

La persecuzione di una studentessa palestinese

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.