LA POLIZIA DI FRONTIERA PARAMILITARE ISRAELIANA UCCIDE UN ADOLESCENTE PALESTINESE DOPO UN PRESUNTO ATTACCO

476

tratto da: http://reteitalianaism.it/reteism/index.php/2020/12/23/la-polizia-di-frontiera-paramilitare-israeliana-uccide-un-adolescente-palestinese-dopo-un-presunto-attacco/

https://www.dci-palestine.org

22 dicembre 2020  Ramallah

Lunedì sera, gli agenti della polizia di frontiera paramilitare israeliana hanno sparato e ucciso il diciassettenne Mahmoud Omar Sadeq Kmail nella Città Vecchia di Gerusalemme, dopo che aveva presumibilmente aperto il fuoco contro le forze israeliane.Gli agenti di polizia di frontiera paramilitari israeliani hanno sparato lunedì notte a un ragazzo palestinese di 17 anni a Gerusalemme est occupata dopo che l’adolescente avrebbe aperto il fuoco contro le forze israeliane. Mahmoud Omar Sadeq Kmail, 17 anni, di Qabatiya, nel nord della Cisgiordania, vicino a Jenin, è stato colpito dalle forze israeliane nel quartiere di Bab Huta nella Città Vecchia di Gerusalemme poco dopo le 20:00. Lunedì sera, secondo le informazioni raccolte da Defense for Children International – Palestine.

Le forze israeliane hanno sparato a Mahmoud durante un breve inseguimento dopo che aveva presumibilmente aperto il fuoco sulla polizia israeliana di stanza vicino alla Porta di Huta, situata sul lato settentrionale del complesso di Al-Aqsa.

“Le forze israeliane usano abitualmente la forza letale intenzionale in circostanze non giustificate dal diritto internazionale, che in alcuni incidenti equivalgono a esecuzioni extragiudiziali”, ha detto Ayed Abu Eqtaish, Direttore del programma di responsabilità al DCIP.

“Se un bambino è sospettato di aver commesso un atto criminale, dovrebbe essere arrestato in conformità con gli standard internazionali e dovrebbe essere garantito un giusto processo legale. Ci deve essere un’indagine indipendente e imparziale in questo caso”.

Secondo il diritto internazionale, la forza letale intenzionale è giustificata solo in circostanze in cui è presente una minaccia diretta alla vita o di lesioni gravi. Tuttavia, le indagini e le prove raccolte dal DCIP suggeriscono regolarmente che le forze israeliane usano la forza letale contro i bambini palestinesi in circostanze che possono equivalere a uccisioni extragiudiziali o intenzionali.

Mahmoud è fuggito dopo aver presumibilmente sparato contro agenti della polizia di frontiera israeliana con un mitra “Carlo”, secondo Haaretz. Mentre scappava dalla scena, due agenti della polizia di frontiera israeliana lo hanno inseguito. Mahmoud si è fermato su una scala di pietra a circa 200 metri dalla porta di Huta e, secondo quanto riferito, ha sparato contro le forze israeliane.

Gli agenti della polizia di frontiera paramilitare gli hanno sparato mentre si ritirava giù per le scale. Secondo quanto riferito, è stato colpito fino a 10 volte da una distanza approssimativa di circa 16 piedi (5 metri), secondo la documentazione raccolta da DCIP.

Nessuna assistenza medica è stata fornita dopo che Mahmoud è stato colpito e il suo corpo è rimasto a terra per due ore, prima che un’ambulanza venisse a prenderlo, ha detto un testimone oculare al DCIP. Un agente della polizia di frontiera paramilitare israeliana è stato leggermente ferito dopo essere inciampato ed è caduto mentre inseguiva Mahmoud, ha riferito Haaretz.

Mahmoud è il nono minore ucciso dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est, e la Striscia di Gaza quest’anno, e il sesto ucciso con munizioni vere, secondo la documentazione raccolta dal DCIP.

Il 4 dicembre, le forze israeliane hanno sparato e ucciso il quindicenne Ali Ayman Saleh Abu Alia ad Al-Mughayyir, un villaggio a nord-est di Ramallah nella Cisgiordania occupata. Ali non presentava alcuna minaccia mortale per le forze israeliane al momento della sua morte, secondo la documentazione raccolta dal DCIP, e secondo quanto riferito l’esercito israeliano ha aperto un’indagine sull’omicidio.

Le forze israeliane sono raramente ritenute responsabili di gravi violazioni contro i bambini palestinesi, comprese uccisioni illegali e uso eccessivo della forza.

Secondo Yesh Din, un’organizzazione israeliana per i diritti umani, circa l’80% delle denunce presentate alle autorità israeliane da palestinesi per presunte violazioni e danni da parte dei soldati israeliani tra il 2017 e il 2018 sono state chiuse senza che sia stata aperta alcuna indagine penale. Delle denunce per le quali è stata aperta un’indagine penale, solo tre incidenti (3,2 per cento) hanno portato a incriminazioni. Complessivamente, secondo Yesh Din, le possibilità che una denuncia porti a un atto d’accusa nei confronti di un soldato israeliano per violenza, incluso l’omicidio o altri danni, è dello 0,7%.

 

 

La polizia di frontiera paramilitare israeliana uccide un adolescente palestinese dopo un presunto attacco

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.