La polizia israeliana attacca i prigionieri palestinesi con un assalto violento

425

https://www.middleeastmonitor.com/20190122-israeli-police-attack-palestinian-prisoners-in-violent-crackdown/

Più di 100 palestinesi sono stati feriti dopo che la polizia israeliana ha preso d’assalto la prigione di Ofer il 22 gennaio 2019 alle 9:20 del mattino

La polizia armata israeliana è entrata nella prigione di Ofer lunedì mattina e ha attaccato i prigionieri palestinesi, ha riferito il Club dei prigionieri palestinesi. Più di 100 prigionieri sono stati feriti nell’assalto e 20 sono stati ricoverati in ospedale a causa della gravità delle ferite riportate.

Secondo una dichiarazione formale del Club, la polizia ha usato proiettili di gomma, gas lacrimogeni, bombe sonore, bastoni e cani nel loro attacco ai prigionieri palestinesi “indifesi”. “Chiediamo alle istituzioni per i diritti umani e alla Croce Rossa di intervenire per fermare l’escalation israeliana e questi brutali attacchi ai prigionieri palestinesi detenuti nella prigione di Ofer”, ha aggiunto.

Il movimento palestinese di resistenza islamica, Hamas, ha condannato l’ennesima violazione israeliana dei diritti fondamentali dei prigionieri. “Centinaia” di prigionieri sono stati feriti in tali attacchi, ha affermato il movimento sul suo sito web.

Questo atto atroce riflette il comportamento criminale di Israele ed espone le false affermazioni dei suoi leader che si attengono ai principi dei diritti umani”, ha spiegato Hamas. “L’attacco a Ofer è una continuazione delle violente politiche israeliane attuate contro il popolo palestinese e rende ancora più necessario assicurare il rilascio di tutti i prigionieri palestinesi dalle carceri israeliane”.

La polizia armata israeliana è entrata nella prigione di Ofer il 22 gennaio 2019

La polizia israeliana attacca i prigionieri palestinesi con un assalto violento

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.