LA PRESSIONE DEGLI STATI UNITI DIETRO IL RITARDO ISRAELIANO NELLO SGOMBERO DEL VILLAGGIO DEI BEDUINI (KHAN AL-AHMAR), dice il funzionario della difesa

0

Washington vuole evitare lo sgombero di Khan al-Ahmar finché non presenterà la sua proposta di pace, in modo da non sollevare tensioni con la leadership palestinese, sostiene il funzionario.

 

Il governo israeliano sta posticipando lo sgombero del villaggio beduino di Khan al-Ahmar in Cisgiordania fino almeno a dicembre, su richiesta dell’amministrazione Trump, un alto funzionario della difesa ha detto ad Haaretz lunedì.

Gli americani vogliono ritardare lo sgombero del villaggio non autorizzato fino alla presentazione del piano di pace “Deal of the Century” e per evitare ulteriori tensioni o umiliazioni con l’Autorità Palestinese, ha aggiunto il funzionario. L’ufficio del Procuratore di Stato, che ha informato l’Alta Corte di giustizia del ritardo durante l’udienza di domenica su una petizione per effettuare lo sgombero, ha detto che il ritardo è stato necessario a causa delle elezioni precedenti e imminenti.

In risposta alla petizione, presentata dalla destra di Regavim senza scopo di lucro, lo stato ha chiesto alla corte di aspettare fino al 16 dicembre per rispondere, dal momento che il nuovo governo che si formerà dopo le elezioni di settembre avrà bisogno di tempo per prendere in considerazione la sua posizione. Ha aggiunto che l’attuale governo di transizione supporta questa richiesta.

>>The eviction of Khan al-Ahmar stinks up to high heaven | Opinion

Tre giorni prima delle precedenti elezioni, il primo ministro Benjamin Netanyahu ha promesso in un’intervista televisiva che “lo sgombero avverrà molto presto, nel più breve tempo possibile”. A partire da ora, all’istituzione della difesa non è stato chiesto di affrettare lo sgombero, né è stato chiesto di prepararlo in alcuna forma.

Il tema dello sgombero di Khan al-Ahmar non è stato discusso nei forum della difesa negli ultimi mesi, e l’establishment della difesa non è stato interrogato dalla leadership politica durante quel periodo, ha detto ad Haaretz un funzionario della difesa coinvolto nella questione. Nessuna discussione pratica sullo sgombero è stata tenuta con politici di spicco, tra cui il primo ministro.

Altri funzionari che hanno partecipato ad alcune delle riunioni chiuse per valutare le implicazioni diplomatiche dello sgombero hanno detto ad Haaretz che avevano l’impressione che Netanyahu non fosse interessato a portare a termine lo sgombero, almeno non per il momento.

Il primo ministro vuole posticiparlo per paura che diventerà un punto di raccolta e condurrebbe a scontri palestinesi in un momento in cui gli Stati Uniti vogliono allentare le tensioni prima del rilascio del suo piano di pace, hanno detto i funzionari. E lo sgombero del villaggio, con gli Stati Uniti e l’ Unione Europea che si oppongono, raccoglierà aspre critiche che Netanyahu preferirebbe evitare.

Un rappresentante di Khan al-Ahmar, Eid Abu Khamis, è stato invitato ad aprile dalla ONG di sinistra ebreo-americana J Street per una visita di tre settimane negli Stati Uniti. Come parte della visita, Abu Khamis ha partecipato a diverse conferenze del gruppo e si è incontrato con i membri del Congresso, che hanno promesso di agire per impedire lo sgombero – almeno fino a quando il piano di pace non verrà rilasciato.

Abu Khamis ha anche incontrato rappresentanti della comunità ebraica negli Stati Uniti, e gli è stato detto che avevano cercato di influenzare i decisori in Israele per impedire lo sgombero nel prossimo futuro. Si offrirono di mediare un accordo in cui i residenti avrebbero ricevuto un compenso significativo se avessero accettato di lasciare le loro case.

Abu Khamis è ora in visita a Tunisi, e dovrebbe tornare presto negli Stati Uniti per un altro giro di incontri. “Sono stato invitato nuovamente negli Stati Uniti per incontrare i funzionari del Congresso”, ha detto a Haaretz. Ha aggiunto che sulla base dei suoi discorsi, si aspetta “che accada qualcosa di bello”.

 

Yaniv Kubovich
Haaretz Correspondent

 

U.S. Pressure Behind Israeli Delay in Evacuating Bedouin Village, Defense Official Says

https://www.haaretz.com/israel-news/defense-official-u-s-pressure-behind-israeli-delay-in-evacuating-bedouin-village-1.7388267

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.