LA RICHIESTA DI AIUTO DEL PARROCO DI BEIT JALA, NELLA VALLE DI CREMISAN IN PALESTINA….

mercoledì 12 febbraio 2014

immagine1

LA RICHIESTA DI AIUTO DEL PARROCO DI BEIT JALA, NELLA VALLE DI CREMISAN IN PALESTINA, AVVILUPPATA DAL MURO DELL’APARTHEID, PER LA DIFESA DELLA SUA CITTA’ E DELLA SUA GENTE

In Cremisan, la nostra terra rappresenta la nostra esistenza

Pubblicato ieri (aggiornato) 2014/11/02 17:19

di Ibrahim Shomali

Padre Ibrahim Shomali è il parroco di Beit Jala, distretto di Betlemme.

Fin dall’inizio della nostra lotta per Cremisan, abbiamo deciso di raccontare al mondo la storia di una piccola comunità palestinese che, come molte altre, è minacciata ancora una volta da espropriazione e colonizzazione.

Beit Jala aveva già perso due terzi delle sue terre per gli insediamenti israeliani di Gilo e Har Gilo, lasciando la nostra città con soli 4.500 dunum di terra. La nostra terra rappresenta non solo il nostro patrimonio e i nostri olivi rappresentano non solo la nostra presenza: essi rappresentano la nostra esistenza.

Come palestinesi siamo passati per storie dolorose. A Beit Jala, abbiamo visto i rifugiati fuggire nel 1948, gli insediamenti crescere dal 1967, e l’oppressione generata da un’occupazione militare che mira ad annettere la nostra terra. Abbiamo assistito al compromesso storico composto dall’OLP, riconoscendo a Israele il 78 per cento della Palestina storica, che tutti credevano avrebbe portato la pace. Ma Israele ha deciso altrimenti attraverso il suo appetito insaziabile per la terra.

Dal momento che l’Olp ha riconosciuto Israele e ha accettato una soluzione a due stati sul confine del 1967, Israele ha accelerato la costruzione degli insediamenti e di altri elementi delle sue imprese coloniale. La nostra città, grazie alla sua vicinanza a Gerusalemme, era un bersaglio naturale per gli insediamenti israeliani. Quando Israele ha annunciato i suoi piani per la costruzione del muro di annessione, la Palestina è andata alla Corte internazionale di giustizia, e nel 2004 ha ottenuto un parere inequivocabile: la costruzione del muro nel territorio palestinese occupato, ivi compreso all’interno e intorno a Gerusalemme Est, e il suo regime associato, violano il diritto internazionale. Tuttavia, Israele ha continuato a costruire il muro impunemente.

Per il distretto di Betlemme e Beit Jala in particolare, il muro di annessione significava, nelle parole che il vescovo Desmond Tutu ha detto, essere condannato per strangolamento. Abbiamo visto come Israele ha continuato ad usurpare la nostra terra.

Innanzitutto, Israele ha tagliato la nostra connessione con Gerusalemme per la prima volta nella storia di 2000 anni del cristianesimo. In secondo luogo, Israele ci ha negato l’accesso alle nostre terre e alle risorse naturali, compresa la nostra acqua. E ora, Cremisan, la bellissima valle del nostro asilo, convento e cantina, e la casa della nostra processione annuale, scomparirà dietro questo muro illegale.

La parete viene utilizzata per collegare gli insediamenti di Gilo e Har Gilo, consolidando l’annessione israeliana della nostra terra. Come parroco, non potevo restare indifferente a questi atti distruttivi. Il nostro dovere come sacerdoti è quello di fornire la speranza e la lotta per l’amore, la giustizia e la pace. Gli insediamenti israeliani e la loro rete di muri, recinzioni, posti di blocco e strade per soli coloni distruggono ogni prospettiva di pace.

Non potevo lasciare che la speranza della mia comunità per il loro futuro fosse completamente estinta. E poiché il mondo è sordo e cieco alla nostra situazione, abbiamo deciso di invocare Dio per chiedere aiuto. Abbiamo mobilitato la nostra comunità a pregare ogni venerdì sulla terra e tra gli ulivi che Israele intende prendere. Abbiamo deciso di pregare tra gli alberi di ulivo, perché rappresentano la nostra storia che affonda le sue radici in questa terra. Solo questi alberi di ulivo rimasero con Gesù Cristo al Getsemani, secondo la nostra Sacra Bibbia. Hanno pianto con lui, e ora noi stiamo piangendo con loro.

Le nostre preghiere hanno portato l’attenzione internazionale. Improvvisamente, centinaia di comunità in tutto il mondo stavano pregando per Cremisan. La Santa Sede si è unita alla nostra causa. Il governo della Palestina ci ha prestato supporto, con il presidente Abbas che ha dedicato il suo messaggio di Natale alla nostra campagna nonviolenta per mantenere la nostra terra. L’arcivescovo di Westminster, il cardinale Vincent Nichols, ha pregato per noi durante la sua omelia di Natale. Decine di arcivescovi, vescovi e sacerdoti provenienti da Italia, Francia, Spagna, Brasile, Argentina, Andorra, Belgio, Sud Africa, Canada, Stati Uniti, Germania, Svezia, Norvegia, Portogallo, Giordania ed Egitto, si sono uniti alle nostre preghiere a Cremisan. Il Consiglio Mondiale delle Chiese e numerose comunità cattoliche, evangeliche e ortodosse hanno pregato in comunione con la gente di Beit Jala.

Io stesso ho consegnato una lettera a Sua Santità Papa Francesco, che pure si è impegnato alla nostra causa. La Chiesa cattolica è rimasta unita contro il muro di annessione, nonostante le accuse israeliane del contrario. Paradossalmente, l’unico luogo in cui i palestinesi possono tentare di difendere la propria terra dall’espansionismo israeliano sono i tribunali israeliani. Non potendo portare il nostro caso nei tribunali internazionali, siamo dipesi dall’ingegno dei nostri avvocati e dalla fermezza del nostro popolo.

Riconoscendo la giustezza della nostra causa, la Corte Suprema israeliana ha ritardato il caso, almeno fino al 30 luglio. Speriamo che la visita di Sua Santità Papa Francesco a maggio metterà in evidenza la lotta del popolo palestinese, cristiani e musulmani, per la giustizia e la libertà. Poi speriamo in un altro miracolo: la fine definitiva del muro a Cremisan, la fine dell’incubo dell’occupazione, con i suoi insediamenti illegali, recinzioni e muri.

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………………………….

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.maannews.net/eng/ViewDetails.aspx?ID=672660

In Cremisan, our land represents our existence

Published Tuesday 11/02/2014 (updated) 13/02/2014 13:03

by Ibrahim Shomali

immagine2

A general view of part of the Cremisan valley in Beit Jala.  (MaanImages/Charlie Hoyle)

Father Ibrahim Shomali is the Parish Priest of Beit Jala, Bethlehem District.

Since the beginning of our struggle for Cremisan, we have been determined to tell the world about the story of a small Palestinian community that, like many others, is threatened once again with dispossession and colonization.

Beit Jala had already lost two thirds of its lands to the Israeli settlements of Gilo and Har Gilo, leaving our town with only 4,500 dunams of land. Our land represents not only our heritage and our olives represent not only our presence: they represent our existence.

As Palestinians we have gone for painful stories. In Beit Jala, we saw the refugees flee in 1948, the settlements grow since 1967, and the oppression engendered by a military occupation that aims at annexing our land. We witnessed the historic compromise made by the PLO, recognizing Israel on 78 percent of historic Palestine, which we all believed would bring peace.

But Israel decided otherwise through its insatiable appetite for land. Since the PLO recognized Israel and accepted a two-state solution on the 1967 border, Israel has accelerated settlement construction and other elements of its colonial enterprise. Our town, due to its proximity to Jerusalem, was a natural target for Israeli settlements.

When Israel announced its plans to build the annexation wall, Palestine went to the International Court of Justice, and in 2004 obtained an unequivocal opinion: The construction of the wall in the occupied Palestinian territory, including in and around East Jerusalem, and its associated regime, violate international law. Nevertheless, Israel has continued to build the wall with impunity.

For the Bethlehem district, and Beit Jala particularly, the annexation wall meant, in the words of Bishop Desmond Tutu said, to be condemned by strangulation. We saw how Israel continued to usurp our land.

First, Israel severed our connection with Jerusalem for first time in Christianity’s 2,000-year history. Second, Israel denied us access to our lands and natural resources, including our water. And now, Cremisan, the beautiful valley of our kindergarten, convent and winery, and the home of our yearly procession, will disappear behind this illegal wall.

The wall is being used to link the settlements of Gilo and Har Gilo, consolidating the Israeli annexation of our land.

As a parish priest, I could not remain indifferent to these destructive acts. Our duty as clergy is to provide hope and fight for love, justice and peace. Israeli settlements and their network of walls, fences, checkpoints and settler-only roads destroy any prospect for peace.

I could not let my community’s hope for their future be fully extinguished. And since the world was deaf and blind to our predicament, we decided to call upon God for help. We mobilized our community to pray every Friday on the land and amongst the olive trees that Israel aims to take.

We decided to pray with the olive trees, because they represent our history rooted in this land. These olive trees alone stood with Jesus Christ at the Gethsemane, according to our Holy Bible. They cried with him, and now we were crying with them.

Our prayers brought international attention. Suddenly, hundreds of communities around the world were praying for Cremisan. The Holy See rallied to our cause. The Government of Palestine lent us support, with President Abbas dedicating his Christmas message to our nonviolent campaign to keep our land. The Archbishop of Westminster, Cardinal Vincent Nicols, prayed for us during his Christmas homily.

Dozens of archbishops, bishops and priests from Italy, France, Spain, Brazil, Argentina, Andorra, Belgium, South Africa, Canada, the United States, Germany, Sweden, Norway, Portugal, Jordan and Egypt, joined our prayers at Cremisan. The World Council of Churches and numerous Catholic, Evangelical and Orthodox communities prayed in communion with the people of Beit Jala.

I myself delivered a letter to His Holiness Pope Francis, who also committed himself to our cause. The Catholic Church has remained united against the annexation wall, despite Israeli allegations to the contrary.

Paradoxically, the only place where Palestinians can attempt to defend their land from Israeli expansionism are the Israeli courts. Unable to bring our case in international courts, we depended on the ingenuity of our lawyers and the steadfastness of our people. Recognizing the justness of our cause, the Israeli Supreme Court delayed the case at least until July 30th.

We hope that the visit of His Holiness Pope Francis in May will highlight the struggle of the Palestinian people, Christians and Muslims, for justice and freedom. Then we will hope for another miracle: the definitive end of the Cremisan wall, the end to the nightmare of the occupation, with its illegal settlements, fences and walls

 
immagine3

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.