LA SINISTRA ISRAELIANA, DISSOLUZIONE E ISOLATI VAGITI (terza parte)

0
291

tratto da: NENA NEWS

22 giu 2020

Ultima parte dell’approfondimento su storia, sviluppo e scomparsa della sinistra israeliana. Le ragioni di un crollo che da un lato ha lasciato campo aperto alla destra religiosa e ultranazionalista e dall’altro ha favorito la nascita di una sinistra esigua ma più radicale nella critica delle politiche di Israele verso i palestinesi

Una campagna del sindacato sionista Histadrut, prima del 1948

Una campagna del sindacato sionista Histadrut, prima del 1948

di Francesca Merz

Roma, 22 giugno 2020, Nena News – (qui la seconda parte) David Ben-Gurion capì molto bene che il percorso principale verso il potere all’interno dello Yishuv si estendeva attraverso il controllo del sindacato. Quando arrivò in Palestina nel 1906 con poche prospettive, Ben-Gurion scoprì che Po ‘ alei Sion, con il quale era stato coinvolto in Polonia, aveva solo poche centinaia di membri che erano effettivamente in Palestina.

In brevissimo tempo si mise a capo di questo gruppo, e proprio l’essersi impadronito di questo gruppo lo portò alla sua elezione a presidente dell’Histadrut nel 1921. Ben-Gurion combinò abilmente affari politici e sindacali, diventando il principale leader dello Yishuv e del movimento sionista nel suo insieme. 

Fin da subito dunque, la vita economica era molto più vicina al “socialismo di stato” di quanto non lo sia mai stata al “socialismo democratico”, qualunque sia la reputazione internazionale del kibbutz. I kibbutzim individuali avevano regole leggermente diverse sui livelli di reddito, variavano nella misura delle loro regole quasi-platoniche sull’educazione dell’infanzia e così via, ma dagli anni ’30, i kibbutzim furono integrati in un’associazione nazionale e, dopo l’indipendenza, caddero rapidamente in schemi di coordinamento nazionali, pur continuando ad affermare di essere pionieri di un nuovo esperimento democratico nella vita collettiva.

Come sottolinea implacabilmente lo stesso Rogachevsky: “Il socialismo statale israeliano era spesso moderatamente repressivo, meschino e intellettualmente e culturalmente offensivo. Tuttavia, la pianificazione nazionale coordinata che ne seguì (e che alla fine espresse) fu vitale per la sopravvivenza del paese nei suoi primi decenni”.

In generale, tuttavia, i leader che seguirono Ben-Gurion rimasero per lo più fedeli a certi ideali: molti uomini e donne al suo seguito, nei primi due decenni del XX secolo, videro l’ebraismo come un altro oppiaceo delle masse o una maledizione che gli ebrei dovettero sopportare nei secoli di una diaspora. Nella migliore delle ipotesi, era una stampella che poteva essere eliminata ora che gli ebrei avevano riguadagnato la loro libertà politica.

La dicotomia interna al movimento e l’ossessione dello strato-nazione erano una bomba ad orologeria per questo tipo di ideali. L’ebraismo infatti, presto sarebbe tornato a prosperare nella terra di Israele. Nei primi decenni dopo la fondazione dello Stato, l’ultraortodossia si diffuse dalla sua antica base pre-statale a Gerusalemme ad altre “isole” in tutto il paese, legame fondante e imprescindibile e collante della creazione dello Stato israeliano.

Ed anche l’organizzazione del lavoro in Israele, dopo il 1973, cominciò a non avere neppur più un minimo sentore di socialismo. La grave crisi economica arrivata dopo la guerra dello Yom Kippur (1973) segnò l’inizio della fine per il modello israeliano di economia. Dopo la guerra, lo Stato trovò impossibile controllare le spese – non solo le spese di rifornimento di armi dopo una battaglia incredibilmente costosa, ma anche il mantenimento di uno stato sociale sempre più generoso e salari del settore pubblico sempre più elevati. Nel 1984, l’inflazione aveva raggiunto il 450 percento all’anno.

Nel 1985 Shimon Peres si rivolse a Stanley Fischer, un economista del MIT che in seguito avrebbe ricoperto ruoli chiave di leadership presso il FMI, la Federal Reserve e la Banca di Israele, per condurre un “piano di stabilizzazione economica”. Il piano di Fischer ha funzionato a meraviglia in Israele: le banche sono state privatizzate, le spese statali sono state ridotte, la sponsorizzazione statale dell’industria è stata ridotta, il desiderio dell’Histadrut di aumentare i salari è stato dimenticato, e la Banca di Israele ha adottato una posizione più ortodossa nei confronti dei tassi di cambio e della politica monetaria. Fu questo un duro colpo per il modello economico laburista.

Il colpo finale fu l’arrivo degli immigrati dall’ex Unione Sovietica nel 1990. Anche se le istituzioni del socialismo di Stato erano state originariamente create dai russi, circa un milione di immigrati post-sovietici erano implacabilmente ostili al socialismo di Stato. E questo gruppo di immigrati era altamente specializzato, di questi, secondo il calcolo di Reuven Brenner, “il 55% aveva un’istruzione post-secondaria; Il 15% erano ingegneri e architetti; Il 7% erano medici; Il 18% erano tecnici e altri professionisti. Nel 1998, Israele aveva 140 scienziati e ingegneri su 10.000 nella sua forza lavoro, divenendo il leader mondiale in questo campo.

All’improvviso, pur vivendo in Israele, questi ingegneri potevano lavorare via telefono e internet nella Silicon Valley e pagare le tasse in Lussemburgo avvalendosi di tale competenza nelle iniziative industriali private o privatizzate che si stavano reinventando. Nel corso degli anni ’90 e 2000, scienziati e ingegneri israeliani, molti dei quali hanno beneficiato della competenza sovietica su queste discipline, hanno fatto scoperte su materiali per l’ ingegneria o hanno intrapreso attività di ricerca e sviluppo a valore aggiunto, che erano in procinto di essere abbandonate altrove. Per questi due decenni, Israele ha quindi beneficiato della svolta neoliberista senza subire le sue peggiori conseguenze indesiderate.

L’etica della “nazione di avvio” resa popolare da Dan Senor e Saul Singer nel loro apprezzato libro Start Up Nation rappresenta per Israele lo sdoganamento della mentalità di arricchirsi, con risultati ambigui. Considerando che la generazione precedente mirava a sfruttare l’esperienza ingegneristica al fine di vendere un’azienda locale a una multinazionale più grande, l’attuale generazione “ad alta tecnologia” assomiglia sempre di più a una vendita guidata da denaro straniero. Proprio come a New York e San Francisco, gli “sviluppatori di app” che pregano per una rapida manna sono proliferati. Non è chiaro quanto durerà questo ecosistema.

Con l’elezione del 2015, l’ultima prima delle elezioni di quest’anno, il leader del partito laburista Isaac Herzog aveva principalmente riconosciuto i limiti dell’approccio del lavoro. La sua campagna aveva provato a realizzare ciò che Benny Gantz è riuscito recentemente a formare: un blocco centrista che non differiva molto dal regime di Netanyahu ma offriva un “nuovo inizio” lontano da Netanyahu. L’incapacità di Herzog di liberarsi dal messaggio economico welfarista aveva portato ad una sconfitta massiccia e storica.

Benny Gantz nel 2019 e nel 2020 ha gestito una campagna in vecchio stile stile partito laburista, ma senza lavoratori. Come i precedenti candidati laburisti, Gantz era un generale, patriottico, ma a differenza loro, non era né dipendente né vincolato dall’Histadrut. Come abbiamo già detto, se non si trattasse di Israele, in altre parti del mondo la sua campagna sarebbe stata una classica campagna di centrodestra, in totale assenza di una sinistra, che, come abbiamo tentato di spiegare, non c’era nemmeno al momento della fondazione dello Stato di Israele. Nena News

http://nena-news.it/la-sinistra-israeliana-dissoluzione-e-isolati-vagiti-terza-parte/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.