LA SOLUZIONE DI UN SOLO STATO GUADAGNA TERRENO MENTRE I PALESTINESI COMBATTONO PER LA PARITA’ DI DIRITTI.

0

Fino a che 600.000 coloni israeliani  resteranno nei Territori Occupati, la soluzione dei due Stati  non può che sgretolarsi.

English version

Oliver Holmes – Ramallah – 13 marzo 2019

Foto di copertina:  Palestinesi protestano contro la chiusura di una strada  da parte dei coloni israeliani di fronte all’insediamento di Kfar Adumim nella Cisgiordania occupata. Foto: Jaafar Ashtiyeh / AFP / Getty Images

Forse non era la scelta più saggia per un attivista palestinese che viveva sotto la stretta sorveglianza della sicurezza israeliana, ma Fadi Quran era ossessionato e determinato: avrebbe studiato fisica nucleare alla Stanford University.

Passai molto tempo al confine“, ha scherzato anni dopo parlando di quando dopo la laurea superò il controllo passaporti israeliano. “Ad essere onesti, quando iniziai, volevo solo vincere il premio Nobel per la fisica. Avevo 18 anni. Amavo quella materia.

Voleva usare la sua laurea in fisica per fornire energia eolica e solare ai Palestinesi. Ma il progetto fallì. Israele ritardò l’importazione della tecnologia necessaria e i funzionari palestinesi si interessarono al progetto  e chiesero una quota della sua compagnia. “ Fui schiacciato.” dice Quran.

Ora, a 30 anni, siede in un  lussuoso caffè nel centro di Ramallah, nella West Bank, con internet veloce e  tazze di caffè con pezzi di cioccolato. Ventenni elegantemente vestiti scrivono sui computer portatili. Un ristorante accanto vende sushi. Più avanti lungo la strada, c’è una stazione di ricarica per auto elettriche accanto a un centro di informazioni turistiche.

È una scena piacevole, ma è tutto una menzogna, dice Quran. “Se  ti muovi di due miglia in qualsiasi direzione fuori dal centro di Ramallah, troverai un insediamento israeliano, o un muro, o un checkpoint o così via.” Il controllo militare israeliano qui non è immediatamente visibile riconosce, ma questa è l’ingegnosità della situazione.

I Palestinesi in Cisgiordania vivono sotto un sistema che sarebbe dovuto durare solo cinque anni, un accordo stipulato 25 anni fa come primo passo verso la costituzione di un Paese autonomo al fianco di Israele. Con gli accordi di Oslo, un governo provvisorio chiamato Autorità Palestinese (AP) ottenne un controllo limitato su piccole  aree di terra, quasi esclusivamente città e villaggi, mentre Israele mantenne il controllo di tutto il resto.

Ma dopo il crollo del processo di pace, Israele ha continuato a creare una vasta rete di strade, di basi militari, di  insediamenti e di cave. Nel frattempo, l’AP si aggrappava al potere, coordinandosi strettamente con Israele per poter sopravvivere.

La PA è diventata un “subappaltatore dell’occupazione”, dice Quran. “L’altro modo in cui potresti inquadrarla  è definendola uno “zio Tom” postmoderno – persone i cui interessi personali sono così invischiati con gli interessi dei ”padroni degli schiavi” che  continueranno a servire quelli, tradendo gli interessi della loro stessa gente”.

La pace non è mai sembrata così lontana. Secondo i sondaggi, quasi due terzi dei Palestinesi vogliono che l’84enne capo dell’ANP, Mahmoud Abbas, si dimetta, mentre l’altra metà  pensa che l’Autorità “sia diventata un peso”.

Secondo i sondaggi, quasi due terzi dei Palestinesi vogliono che l’84enne capo dell’ANP, Mahmoud Abbas, si dimetta.Fotografia: Agenzia Anadolu / Getty Images

I Palestinesi si sentono sempre disorientati quando ascoltano i leader e i diplomatici di tutto il mondo parlare come se l’ultimo quarto di secolo non ci fosse mai stato. Il mese scorso, la massima rappresentante della diplomazia  dell’Unione europea, Federica Mogherini, ha scritto un articolo di 3000 parole che suonava come una disperata richiesta ai Palestinesi e agli  Israeliani perché continuassero a lavorare per  la soluzione dei due Stati.

I governi stranieri  hanno mantenuto l’idea dei due Stati, nonostante i drastici cambiamenti sul terreno. Anche se in privato la riconoscono come una prospettiva inattuabile, i diplomatici ancora parlano di “lavorare” per la soluzione dei  due Stati.

Quando viene interrogata a proposito , la maggioranza dei Palestinesi non la ritiene possibile. Circa 600.000 coloni israeliani vivono attualmente in terre occupate illegalmente  senza nessuna intenzione di andarsene. Nel frattempo, i politici israeliani parlano dell’annessione di vaste aree della Cisgiordania. “Quasi nessuno crede più nella soluzione dei  due Stati”, dice Quran.

Bassem Tamimi, del villaggio di Nabi Saleh, ha alle spalle una vita di resistenza. Il 52enne indica una cicatrice sulla testa, lasciata dall’operazione a cui ha dovuto essere sottoposto dopo essere finito in coma a seguito di un brutale interrogatorio. Sua sorella è morta dopo essere stata spinta giù per le scale in un tribunale israeliano. Suo cugino è stato ucciso da un colpo infertogli da una granata lacrimogena. Di recente sua figlia adolescente, Ahed, è salita alla ribalta mondiale dopo aver schiaffeggiato un soldato e aver trascorso per questo otto mesi in prigione.

Un cantiere nell’insediamento israeliano di Givat Ze’ev, nella Cisgiordania occupata. Fotografia: Baz Ratner / Reuters

Tamimi vede la lotta palestinese come una lotta per pezzi di terra sempre più piccoli. Quando Israele fu fondato nel 1948, i Palestinesi rimasero con il 22% della terra su cui avevano vissuto fino ad allora. Con Oslo, accettarono di lavorare con lo scopo di ottenerne l’indipendenza. Ora hanno un’autonomia limitata su una frazione ancora più piccola di quel 22% .

Ho combattuto per la soluzione dei due Stati”, sospira. “Ho perso i miei amici, ho perso mia sorella, ho perso un sacco di cugini, ho perso il mio tempo in prigione”.

Da allora ha rinunciato all’idea di uno Stato palestinese a fianco di Israele. “La nostra società si sente come se avesse perso. E questa è la prima volta che succede“, dice. Nel 2015, il villaggio ha  cessato le dimostrazioni  del venerdì perché troppe persone venivano colpite con armi da fuoco. “Perché Ahed dovrebbe lottare per la vita che ho avuto?” Chiede.

Tamimi ora  sostiene un unico Stato laico in tutto il territorio, condiviso da Israeliani e Palestinesi.

L’idea si sta affermando anche tra i funzionari palestinesi che aiutarono a negoziare Oslo. Quando Donald Trump riconobbe come capitale d’Israele la città contesa di Gerusalemme, l’anziano politico palestinese Saeb Erekat disse che il messaggio era chiaro: “La soluzione dei due Stati è finita. Ora è il momento di trasformare la lotta  a favore di uno Stato con uguali diritti per tutti coloro che vivono nella Palestina storica “.

Ci sono già  Palestinesi che  vivono in Israele e che ne sono cittadini. Sono quelle famiglie che rimasero nelle loro città e villaggi mentre altre fuggirono o  furono espulse durante le guerre che portarono alla creazione di Israele. Ma la loro vita non è quella a cui aspirano gli altri Palestinesi. Il primo ministro israeliano, Benjamin Netanyahu, ha detto domenica: “Israele è lo Stato Nazione del popolo ebraico – e solo di esso”.

Non sostiene neppure la soluzione dei due Stati indipendenti, lasciando i Palestinesi in un limbo.

Quran, l’attivista, è cauto nel definirsi a favore di “uno-stato”. Sa che per molti Israeliani è una frase spaventosa, poiché porterebbe alla fine del Sionismo nella sua forma attuale. Con un solo Stato, i Palestinesi potrebbero costituire circa la metà o più della popolazione. Ciò significherebbe che Israele potrebbe cessare di essere un Paese a maggioranza ebraica.

Ma le sue speranze sembrano riecheggiare quelle di Tamimi. “Voglio che tutti in questa zona vivano sotto la stessa costituzione e lo stesso contratto sociale che forniscano a tutti loro libertà, giustizia e dignità”.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” -Invictapalestina.org

 

 

La soluzione di un solo Stato  guadagna terreno mentre i Palestinesi combattono per la parità di diritti.

La soluzione di un solo Stato  guadagna terreno mentre i Palestinesi combattono per la parità di diritti.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.