VIDEO: LA TRAGEDIA DEI PESCATORI DI GAZA CONTINUA…

0

In fuga verso la libertà. Rompendo l’assedio con i pescatori di Gaza.
Ecco finalmente il nostro video dopo mille difficoltà di connessione, elettricità, attacchi israeliani. Per favore guardate tutto il video, è fondamentale per comprendere almeno in parte quello che succede. Abbiamo rotto l’assedio due volte, arrivando fino a 6,5 miglia dalla costa ed abbiamo subito pesanti attacchi con cannonate d’acqua dalla Marina militare israeliana.
I soldati non si sono fatti scrupoli a sparare con cannonate d’acqua contro i pescatori intenti a tirare le reti.

Guardate, diffondete ovunque quello che accade e come l’esercito attacca noi civili.

Pubblicato in dati 10/nov/2012 da 

Oggi abbiamo accompagnato ancora una volta i pescatori palestinesi su un peschereccio e siamo passati di nuovo le 3 miglia nautiche limite illegale imposto da Israele. 
Siamo partiti con 5 reti a strascico. Due pescherecci da traino sono stati attaccati dalla marina israeliana a circa 3 miglia nautiche, quindi siamo andati su con 3 reti a strascico. Abbiamo raggiunto circa 6,5 miglia dalla costa.L’israeliano marina ci ha attaccato molte volte con cannoni ad acqua. I soldati hanno anche sparato contro i pescherecci con cannoni ad acqua, mentre i pescatori cercavano di trasportare le loro reti, così i pescatori perso la maggior parte del pesce. 
E ‘molto difficile accettare la crudeltà dei soldati che impedivano i pescatori di tirare le reti, 
questo aggresion è inaccettabile. 
Dopo questo duro attacco siamo tornati dentro le 3 miglia. Poi, nel pomeriggio, abbiamo deciso di passare di nuovo le 3 miglia limitare solo con il nostro peschereccio, mentre gli altri due pescherecci hanno continuato la pesca all’interno delle 3 miglia. Abbiamo raggiunto 4,5 offshores km, la marina israeliana ci ha attaccato appena con cannoni ad acqua di nuovo e siamo tornati dentro le 3 miglia. All’interno le tre miglia non ci sono pesci, quindi questo limite privare i pescatori del loro sostentamento. Spesso la marina israeliana attacca i pescatori anche all’interno del limite di 3 miglia, li arrestano e confisca i loro barche. “gli attacchi di Israele contro i pescatori palestinesi nella Striscia di Gaza costituisce una flagrante violazione del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani, in particolare il diritto alla vita e alla sicurezza della persona, in conformità con l’articolo 3 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo e l’articolo 6 del Patto internazionale sui diritti civili e politici, di cui lo Stato di Israele è parte. IOF perpetrato violazioni contro i pescatori palestinesi nel mare, quando i pescatori non hanno costituisce una minaccia per le truppe israeliane navali. I pescatori sono stati praticare il loro diritto al lavoro e cercando il loro sostentamento nelle acque territoriali della Striscia di Gaza quando la IOF li ha attaccati. forze israeliane illegalmente ridotto l’area di pesca a poco a poco da 20 miglia marine, che è stato istituito ai sensi degli accordi di Oslo, a 10 miglia nautiche nel 2005. Nel giugno 2006, le Foi hanno imposto un assedio totale per mesi, e lo aprì in seguito che consente ai pescatori di pescare all’interno di 6 miglia nautiche il limite, che è stato poi ridotto a 3 miglia nautiche nel 2007. Tuttavia, le forze israeliane continuano ad attaccare i pescatori palestinesi anche all’interno delle 3 miglia marine dal 2009. pescatori sono sottoposti a sparatorie, causando morti e feriti, sono spesso inseguito, arrestato, inutilmente ispezionato, umiliato, e anche le loro barche e attrezzature per la pesca siano sequestrati, che a volte sono annegati o distrutti da IOF ” (fonte: Centro Palestinese per i Diritti Umani)

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.