LA TRAGICA EMIGRAZIONE DI AFRICANI IN EUROPA È INIZIATA TRENTA ANNI FA, PROPRIO QUANDO IL NEOLIBERALISMO HA COMINCIATO A MORDERE

0

di Aidan O’Brien

4 dicembre 2018

Il 1° novembre 1988, un uomo africano morto fu trovato su una spiaggia nel sud della Spagna. Una fragile barca era a pochi metri di distanza. Nei giorni successivi, 11 corpi senza vita tirati fuori dall’acqua. La barca condannata ha iniziato il suo viaggio su una spiaggia a Tangeri, con 23 “Marocchini” a bordo. Quel cadavere, sulla spiaggia, è stato il primo migrante morto visto in Spagna.  Cominciò così una tragedia che, trenta anni più tardi,  e di portata epica, ma, prima di tutto, la scena sulla spiaggia era un crimine del neoliberalismo.

Fin da quel giorno di novembre del 1988, secondo il giornale spagnolo El PAÍS, oltre 6.700 migranti africani sono morti o spariti nello Stretto di Gibilterra” – l’estremo sud  della Spagna, il luogo dove l’Africa e l’Europa quasi si toccano. In verità, nessuno sa quanti Africano hanno perso la vita mentre cercavano di arrivare in Spagna. E’ sicuro, tuttavia, che il numero è molto maggiore della cifra ufficiale di 6.700. Qualunque sia il numero, il fatto è che il fondo dello Stretto di Gibilterra è diventata una gigantesca tomba, uno sfregio gigantesco sulla faccia del neoliberalismo.

Il giornale Gibraltar Chronicle  riferisce  che nel 2017 “circa 22.102 migranti hanno attraversato lo stretto in 1.248 imbarcazioni, con un aumento di 8000 persone nel 2016.” E “nei primi cinque mesi del 2018, un totale di … 11.792 migranti sono arrivati in Spagna.” In effetti, quest’anno, durante un fine settimana di giugno: “Il servizio di soccorso marittimo della Spagna ha tirato fuori  986 persone da 69 piccole imbarcazioni …. nelle acque dello Stretto di Gibilterra o nelle vicinanze … “Un simile improvviso” afflusso “di africani disperati si è verificato nell’estate 2014,” quando oltre 1000 migranti hanno raggiunto le rive della regione denominata Campo di Gibilterra in meno di 48 ore “.

Naturalmente, l’altro percorso di oggi per l’Europa, per i migranti africani clandestini, è attraverso la Libia, ma  questo è diventato importante solo nell’ultimo decennio, specialmente dopo la distruzione della Libia da parte della NATO nel 2011. Rispetto alla rotta libica, la rotta spagnola è un indicatore più sensibile della profonda crisi in Africa – perché risale all’inizio della tragedia. E questo non va si trova nella guerra della NATO contro l’Africa, ma nella guerra neoliberista all’Africa. L’economia ha preceduto le bombe.

In Africa, la svolta neoliberale non ha significato soltanto un cambiamento di politica. Ha significato un cambiamento di vita – se non proprio la fine della vita. Qualunque indipendenza abbia ottenuto l’Africa nel ventesimo secolo, è stata brutalmente sabotata dal neoliberalismo. Se l’attuazione del programma neoliberale

In Europa e in America era cattiva, la sua realizzazione in Africa è stato un crimine mostruoso contro l’umanità. Degli stati americani estremamente vulnerabili e che avevano soltanto pochi anni – sono stati gettati nel mare del capitale globale, senza un salvagente.

Il Fondo monetario internazionale (FMI) e la Banca mondiale (WB) sono stati gli architetti di questo crimine. Approfittando del debito insostenibile che l’Africa ha accumulato negli anni ’70 (la famigerata trappola del debito del terzo mondo – alti prezzi del petrolio e bassi tassi di interesse), queste organizzazioni di Washington DC si sono lanciate sul continente svantaggiato negli anni ’80. Se per progetto o per incidente, è stato il momento peggiore per le nazioni deboli per cercare aiuto dal capitalismo globale. La fede neoliberale nei mercati liberi aveva appena conquistato il mondo anglo-americano. La controrivoluzione stava appena iniziando.

In Africa, questo si è manifestato nelle Politiche di adeguamento strutturale (SAP) che sono state spinte dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale.

Se l’Africa aveva bisogno di aiuto nella gestione dei propri debiti – aveva bisogno di implementare i SAP – aveva bisogno di ingoiare il consenso di Washington. E così, secondo il  giornale ingleseEritrea Profile, (Profilo dell’Eritrea), “nel 1989  erano stati concordati 84 prestiti per l’adeguamento strutturale tra la Banca Mondiale e vari stati africani”.

Il neocolonialismo aveva il  controllo e gli orgogliosi movimenti anti-coloniali degli anni ’50 e ’60 divennero soltanto un ricordo. Assassini economici senza volto in Occidente hanno macchiato gli ideali di Kwame Nkrumah (Ghana), Julius Nyerere (Tanzania) e di Amílcar Cabral (Guinea-Bissau e Capo Verde). Il nazionalismo e il panafricanismo panafricanismo furono schiacciati senza pietà dal FMI (Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale.  Sempre secondo l’Eritrea Profile: “La crisi del debito in Africa è in effetti  peggiorata  dal periodo 1980-2000; [per esempio] il debito estero totale dell’Africa subsahariana è salito da $ 60 miliardi a $ 206 miliardi, e il rapporto debito / PIL è salito dal 23% al 66%. ”

In tali condizioni le SAP fiorirono. Le strutture politiche ed economiche che hanno tenuto insieme la fragile indipendenza e dignità dell’Africa sono state sistematicamente smantellate dal Fondo monetario internazionale e dalla Banca mondiale. I governi più deboli e i popoli più deboli del mondo hanno perso la sovranità, i sussidi e i servizi. Il settore informale è cresciuto a dismisura. L’austerità era assoluta. Dal Marocco al Madagascar nessuno sfuggì alla servitù del debito (la Libia era l’eccezione). L’africanizzazione del continente divenne la liberalizzazione del continente. Tutti furono stati costretti a diventare un “imprenditori”. I quartieri poveri spuntarono come funghi. “Le città senza lavoro” diventarono la norma.

Lo sviluppo dell’Africa era stato dirottato. Sono andati perduti due decenni: il 1980 e il 1990. I governi si sono paralizzati e la gente è stata abbandonata. Ancora una volta l’Africa stava venendo saccheggiata dalle forze dell’imperialismo.

Gli africani sapevano cosa stava succedendo. Ci fu un combattimento. E Thomas Sankara, il leader del Burkina Faso, c’era. Negli anni ’80 Sankara – “il Che Guevara dell’Africa” – ha sfidato il FMI e la BM. Ha dichiarato i fatti: “La questione del debito è la questione della situazione economica dell’Africa, tanto quanto la pace; questa domanda è una condizione importante della nostra sopravvivenza … il debito non può essere ripagato. Se non paghiamo, i nostri creditori non moriranno. Possiamo esserne certi. D’altra parte, se paghiamo, siamo noi che moriremo. Di questo possiamo essere altrettanto sicuri “, [ The Dominion ]. Per Sankara, “la fiducia in se stessi e la solidarietà sociale” erano la risposta – non i prestiti esteri, gli aiuti esteri e la carità straniera. Nell’ottobre del 1987, Sankara fu rovesciato e ucciso in un colpo di stato pro-Occidente..

Un anno dopo, il migrante africano morto è stato trovato su quella spiaggia in Spagna. Il neoliberalismo aveva ottenuto la sua libbra di carne.

Aidan O’Brien vive a Dublino, in Irlanda.

Da: Z Net – Lo spirito della resistenza è vivo

www.znetitaly.org

Fonte:  https://www.counterpunch.org/2018/12/04/the-tragic-migration-of-africans-to-europe-started-thirty-years-ago-just-when-neoliberalism-started-to-bite

Originale : non indicato

Traduzione di Maria Chiara Starace

Traduzione © 2018 ZNET Italy – Licenza Creative Commons  CC BY NC-SA 3.0

 

LA TRAGICA EMIGRAZIONE DI AFRICANI IN EUROPA È INIZIATA TRENTA ANNI FA, PROPRIO QUANDO IL NEOLIBERALISMO HA COMINCIATO A MORDERE

http://znetitaly.altervista.org/art/26510

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.