La tua la nostra lotta, Vittorio.

Una consegna.
Chi ti ha conosciuto nel profondo, chi ti ha amato da vicino, conserva nel cuore i tuoi moti d’affetto, i tuoi ideali perseguiti con tenacia e coraggio, i tuoi slanci di uomo, di figlio, di fratello e di amico caro.
Ad un anno dalla tua morte assurda, consegniamo a loro il tuo volto più intimo e delicato, Vittorio carissimo.

Un nuovo impegno.
Ad una anno dall’interruzione forzata delle tue azioni, della tua voce in difesa dei senza voce di Gaza e della Palestina intera, noi gridiamo con forza che la violenza non ha interrotto la forza del nostro impegno per gli ultimi di Terra Santa. La tua lotta continua ad essere la nostra lotta. La tua voce, vogliamo moltiplicarla nelle mille voci che, nel silenzio complice del mondo occidentale, continuano a credere che una speranza in mezzo a tutto questo dolore è possibile. E che la tua, la nostra unica arma, la nonviolenza attiva, rimane il più alto modo per continuare a dire forte “Restiamo umani”.

Campagna Ponti e non muri di Pax Christi Italia
15 aprile 2012

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam