“La visita di Monti in Israele: chi tace acconsente” di Gigi Fioravanti

0

Visita importante quella di Mario Monti in Israele, già la seconda, con seguito di ministri, degli esteri, della difesa, della giustizia: dichiarazioni di amicizia, solidarietà, complimenti “gli italiani ammirano Israele”; affari soprattutto, a cominciare dalla vendita di 30 jet M346 di Alenia Aermacchi. Loda il tuo amico in pubblico e riprendilo in privato, dice il saggio: almeno in privato, come si fa tra amici, qualche critica, qualche invito al governo israeliano Monti e compagni d’affari l’avranno fatta?

Per esempio che le risoluzioni dell’Onu vanno rispettate a cominciare dalla 242 che ordina a Israele di ritirarsi dal territori occupati e che invece occupa da 45 anni; che se vuole costruire un muro di separazione lo faccia sul suo, sulla Linea Verde e non occupando ancora l’8% del territorio palestinese e ignorando la sentenza della Corte internazionale di Giustizia dell’Aia che ordina – luglio del 2009- di demolirlo perché “illegale e lesivo dei diritti dei palestinesi” che lo vedono e lo vivono come il Muro dell’Apartheid; che i chek-point, le demolizioni di case, lo sradicamento degli ulivi, la strade separate, le aggressioni quotidiane dei coloni, i maltrattamenti, le umiliazioni dei palestinesi rende l’occupazione israeliana odiosa e amara la vita dei palestinesi; che non è giusto che i coloni abbiano acqua in abbondanza quattro volte più degli israeliani; che le colonie sono illegali e violano la Convenzione di Ginevra e rubano terra ai palestinesi; che non può pretendere di marchiare i prodotti di queste colonie con quello di Israele; che nelle sue prigioni ci sono migliaia di prigionieri politici, in detenzione amministrativa, senza processo e senza diritti; che l’assedio di Gaza, per terra, per mare e per cielo, è illegale e disumano; che il diritto alla difesa non comprende il diritto alla strage, come è avvenuto con l’Operazione Piombo fuso del 2008-2009, non comprende il diritto alle uccisioni mirate quasi quotidiane, i diritto alla pirateria come avviene con le navi della Freedom Flotilla Gaza; che anche i palestinesi sono semiti e in Israele esiste un antisemitismo molto forte contro di loro “di cui non si parla” né si può parlare, come scrive Amira Hass; che criticare non è odiare e non si può accusare di essere antisemita, di odiare Israele, chi critica a ragion veduta la sua politica nei confronti dei palestinesi; che non può esserci pace in Palestina senza giustizia per i palestinesi.

Dubito assai che soltanto alcune di queste cose siano state dette dai nostri “autorevoli” governanti: chi tace acconsente, chi lascia fare le ingiustizie comanda che si facciano.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.