La vita impossibile dei migranti africani che sognano l’Europa …. L’allucinante viaggio nel deserto, che a volte diventa la loro tomba

450

mercoledì 7 maggio 2014

LA VITA IMPOSSIBILE DEI MIGRANTI AFRICANI CHE SOGNANO L’EUROPA. IN ATTESA DI PARTIRE CON LE CARRETTE DEL MARE, SUBISCONO OGNI SORTA DI UMILIAZIONI E SCHIAVITU’. L’ALLUCINANTE VIAGGIO NEL DESERTO, CHE A VOLTE DIVENTA LA LORO TOMBA. 

IMMAGINE1

 Agadez si trova sul bordo del deserto del Sahara

I sogni dei migranti si trasformano in Sahara in lavoro sessuale

Migliaia di migranti africani sono bloccati nella città nigerina di Agadez – la porta del Sahara – mentre combattono per realizzare il loro sogno di raggiungere l’Europa. Thomas Fessy della BBC ha incontrato alcuni di loro durante una visita alla città.

6 maggio 2014

Questo è niente di quello che aveva previsto Vivienne.

“Pensavo che avrei trovato un lavoro qui”, dice.

“Sono venuta qui per le condizioni in cui mi sono trovata in Nigeria. Avevo appena finito la mia scuola secondaria, ma mio padre non aveva i soldi per farmi studiare. Voglio solo continuare verso nord, fare soldi e rendere la mia famiglia orgogliosa.”

Vivienne, che ha rifiutato di dare il suo cognome, dice di avere 23 anni. Sembra più giovane, ma è impossibile verificare la sua età.

Il mese scorso, ha preso una corsa in autobus di circa 240 chilometri (150 miglia) da Kano, la principale città nel nord della Nigeria, a Zinder, la seconda città del Niger, e da lì un altro autobus per Agadez, una città a circa 370 chilometri di distanza.

Vicoli polverosi

Arrivò in Agadez con grandi sogni. Invece, disperata per raggiungere l’Europa, sta vendendo se stessa agli uomini.

“Ho cercato. Non c’è lavoro”, si lamenta, rotolando il suo cellulare tra le mani.

L’ho incontrata in uno dei quartieri più poveri di Agadez. Lei condivide due stanze polverose con altre 10 giovani ragazze nigeriane.

Una delle camere non dispone di una porta. Neanche l’altra, ma c’è un sipario pensile, almeno.

Il posto è disseminato di pacchetti di preservativi aperti, quelli utilizzati sono stati gettati su un mucchio di spazzatura che le donne bruciano ogni ora e poi a solo un paio di metri di distanza dalla loro porta di casa.

“Ho pensato che avrei potuto fare le pulizie a casa di qualcuno e che mi avrebbero pagato., Ma non ci sono posti di lavoro qui”, dice Vivienne.

“Poi ho incontrato questi amici nigeriani e mi hanno detto che questo era il modo in cui potevamo stare qui. Così, ho iniziato a lavorare per gli uomini.”

“Non sono contenta del lavoro che sto facendo, ma è l’unico modo per sopravvivere.”

La parte vecchia della città è un labirinto di stradine e vicoli polverosi.

Tutte le case sono state costruite con mattoni crudi, in una forma quadrata o simil rettangolare e sembrano come se fossero appena uscite dalla terra.

Agadez è un luogo ovvio di mercato per le comunità, circondato da nient’altro che dal deserto.

Ma è un luogo di segretezza, la porta verso il Sahara e la casa per tutti i tipi di contrabbandieri.

Per i migranti africani, il loro sogno – la promessa di una vita migliore – inizia da qui.

Il denaro è quello che sperano di trovare in Europa, ma è ciò di cui hanno bisogno ora.

Proprio dietro l’angolo dal mercato principale, un gruppo di migranti dell’Africa occidentale è in fila fuori da una banca.

Incontrando i contrabbandieri

Ci sono più di 30 di loro. Nessuno di loro vuole dare il proprio nome.

“Siamo qui per ricevere denaro per la sopravvivenza”, uno dice.

“Alcuni di noi hanno fatto qualche lavoro a casa e hanno ancora un po ‘di soldi in un conto bancario, quindi è il momento di ritirarli”, ha spiegato.

“Altri sperano che la loro famiglia ha inviato qualcosa per aiutarli.”

Egli è venuto dal Senegal nelle ultime due settimane, ma non sa quando sarà in grado di continuare il suo viaggio verso nord.

“Ho bisogno di soldi prima. Quindi potrei lavorare per uno, tre o sei mesi e poi andare.”

Sull’altro lato della rotonda, alcuni dei migranti che erano in coda in banca in precedenza stanno ora comprando taniche che riempiranno con acqua per sopravvivere al viaggio nel deserto.

Coloro che li guideranno e li contrabbanderanno in Libia sono trafficanti della regione.

Sia dalla Libia che dal Niger, sono di etnia Toubous, che godeva di riconoscimento in Libia sotto il Col Muammar Gheddafi.

Tuttavia, come gli africani subsahariani, i Toubous dicono che ora sono discriminati dagli arabi in maggioranza in Libia, dove prevale l’illegalità.

Ho incontrato un gruppo di contrabbandieri, che hanno accettato di parlare in condizione di anonimato.

Nel settore della migrazione, le persone sono solo un’altra merce. L’uomo, che mi parla in arabo, contrabbanda fino a 300 persone al mese.

Deserto roccioso

“Il costo è $ 500 (£ 295) per il viaggio fino in Libia, ma haibisogno di avere altri 300 dollari in modo da poter corrompere la polizia in tutti i posti di blocco”, dice.

“Possiamo dare credito ai migranti, se ne hanno bisogno, ma ciò significa che finiranno per pagare il doppio all’arrivo.”

I migranti sono solitamente stipati nel retro del camion pick-up, tra 25 e 35 di loro per veicolo.

Due nuovissimi Toyota Hilux, appena lavati, erano parcheggiati all’esterno della casa, dove ho incontrato i contrabbandieri.

“Stiamo dotati di GPS e Thurayas [telefoni satellitari], quindi è più facile di quanto non lo sia, nel caso in cui ci si blocca.”

Ma tali apparecchiature non impediscono che gravi incidenti accadano.

Nascosto dietro un turbante nero e occhiali da sole, sigaretta in mano, il contrabbandiere ricorda una corsa mortale rispetto allo scorso anno.

“Uno dei pick-up è caduto giù da una duna di sabbia, sei sono morti”, dice.

“Erano tre gambiani, due nigerini e un camerunense.”

Lasciando Agadez si apre la strada ad un deserto roccioso, dove inizia la lunga strada attraverso il Sahara.

Incarcerati

Ma la pista andrà presto a scomparire sotto le dune pesanti di sabbia, per quello che è probabilmente il viaggio più estremo che i migranti africani potranno mai intraprendere.

O si fa o non si fa, ma non si può tornare indietro.

Il sole cocente punisce, e raggiungere la Libia offrirà tregua.

Tornando in Agadez, un altro gruppo di migranti dell’Africa occidentale sono in attesa di tornare a casa al centro di transito della Croce Rossa.

La maggior parte di loro sono del Gambia, ma altri sono della Guinea-Bissau e della Guinea.

Poche decine di senegalesi erano anche arrivati indietro dalla Libia la settimana prima, ma l’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, un organismo inter-governativo, aveva già organizzato per loro il rimpatrio.

I loro occhi cadono nella disperazione, raccontano storie brutali di essere rapiti da miliziani, venduti alla polizia e gettati in carcere per un massimo di sei mesi.

Sono stati picchiati e affamati, e infine deportati. Hanno fallito nel loro tentativo di migrare verso l’Europa.

“Dopo aver speso questa somma di denaro per arrivare in Libia, e lavori lì, ti prendono tutti i tuoi beni, anche ii vestiti. Torniamo a casa con niente. Questo è assolutamente triste. Più che la parola triste, infatti” Lalo Jaiteh, un 44enne del Gambia, dice.

Il viaggio di Mr Jaiteh attraverso il deserto ha significato stare senza acqua o cibo per due giorni.

“Alcuni sono stati addirittura sdraiati, gridando che non vedranno più i loro genitori. Uno giaceva accanto a me dicendomi: ‘ fratello mio, è la fine , mi dispiace che non vedrò più mia mamma’ – e io dissi : ‘ No. Non piangere, Dio è così gentile. Certamente ce la faremo’ “, dice.

Un uomo più giovane, Ousmane, 26 anni, è stato incarcerato in due carceri diverse, mentre era in Libia; tre mesi ogni volta.

Aveva cercato di attraversare il Mar Mediterraneo, con altri, ma il motore della barca si ruppe.

Essi si allontanarono fino a quando le guardie costiere italiane li soccorsero e li riportarono in Libia.

Mr. Jaiteh dice che non credeva a queste storie prima che si trovasse “nel centro di esse.”

“Quando sarò finalmente a casa, chi vuole partire, non mi crederà o perché vogliono andare così malamente.”

I rischi di questo triste viaggio verso nord non sono dissuasivi e migliaia di migranti africani, senza lavoro o prospettive nei loro paesi, continueranno a transitare in Agadez ogni anno.

Loro comprendono Vivienne. Mentre il suo piede sfiora i resti di un pacchetto rosso di preservativi coperto di polvere, spiega che lei non può tornare a casa ora perché la sua famiglia non le avrebbe permesso di tornare se venisse a sapere quello che stava facendo in Agadez.

Le chiedo dove in Europa le piacerebbe andare.

“Voglio andare in Spagna perché il mio amico mi ha detto che era bella”, risponde.

“Voglio studiare per essere infermiera. Questo è il mio sogno.”

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

…………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://www.bbc.com/news/world-africa-27282888

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.