L’ACQUA RUBATA, L’ ACQUA AVVELENATA: LA GRANDE SETE DELLA CISGIORDANIA E DI GAZA

sabato 1 marzo 2014

 immagine1

Gravi problemi con l’ approvvigionamento di acqua in Cisgiordania e Gaza, febbraio 2014

“Nessun bambino dovrebbe avere paura, nel bere un bicchiere d’acqua, che non ci sia nessun domani. Queste sono le mie difficoltà. Queste sono le paure dei miei figli. “Così il ricercatore di B’Tselem sul campo Nasser Nawaj’ah conclude la sua lettera aperta su Haaretz al Ministro dell’Economia e del Commercio di Israele Naftaly Bennett . L’iniquità dell’ acqua fornita agli israeliani contro i palestinesi è venuta in discussione nella Knesset la scorsa settimana.

A seguito della sessione della Knesset, abbiamo pubblicato i dati precisi per quanto riguarda il consumo di acqua in Israele, Cisgiordania e la Striscia di Gaza. Tutti i residenti della Cisgiordania devono fare i conti con carenze idriche costanti a causa della ripartizione discriminatoria di acqua in Cisgiordania rispetto a Israele. Anche quelle persone in Cisgiordania che sono agganciate alla rete idrica non hanno il piacere di usare per tutto l’anno l’acqua, la maggior parte dei residenti pongono grandi contenitori di stoccaggio dell’acqua sul tetto. Inoltre, 113.000 persone non sono per niente collegati alla rete dell’acqua , in modo che sono costretti a spendere molto denaro per l’ acqua costosa trasportata da camion .

La situazione nella Striscia di Gaza ha più a che fare con la qualità che con la quantità. Oltre il 90% dell’acqua a Gaza è non potabile. I residenti bevono acqua depurata che acquistano da impianti di trattamento delle acque pubbliche o private. Wafa al-Faran, 42 anni, sposata e madre di un bambino di otto anni ha descritto la situazione a Gaza dove vive: “Noi non beviamo l’acqua che esce dai tubi e non la usiamo per fare il caffè o il tè o per cucinare. Compriamo acqua fresca da venditori d’acqua. A volte, io uso l’acqua dolce per lavare i capelli alle mie figlie, e la mattina usiamo l’acqua per lavarci il viso, perché l’acqua dai rubinetti ci brucia gli occhi. ”

Le seguenti immagini dipingono un quadro a tinte fosche dei problemi di approvvigionamento idrico in Cisgiordania e Gaza

http://www.btselem.org/photoblog/20140219_water

http://www.btselem.org/gaza_strip/20140209_gaza_water_crisis

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

Contrassegnato con i tag: , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam