L’amicizia incondizionata per Israele deve finire

414

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/42433

26/04/2021

L’America ha bisogno di una discussione aperta e onesta sul perché convoglia ancora miliardi di dollari dei contribuenti statunitensi in Israele, un paese ricco e sviluppato che viola regolarmente e indiscriminatamente i diritti umani, senza fare domande.

Fonte: english version

Arkadi Mazin – 25 aprile 2021 18:37

Tutti sanno che il popolo non deve sostenere incondizionatamente l’attuale regime del proprio paese e le sue azioni. Se questo principio si applica ai singoli individui, si applica sicuramente alle relazioni internazionali. Un paese non deve continuare a prestare il proprio sostegno a un altro paese indipendentemente dalle azioni di quest’ultimo. In realtà, sarebbe chiaramente immorale farlo.

Eppure, questa è un elemento imprescindibile delle attuali relazioni tra Stati Uniti e Israele. Questo assurdo principio è sbandierato con orgoglio dai politici su entrambi i lati della navata del Congresso. Metterlo in discussione sarebbe stato impensabile fino a pochi anni fa. Per fortuna, oggi, è considerato solo “radicale”.

L’aspettativa di un sostegno incondizionato è il risultato di decenni di attività di lobbying a favore di Israele, ma non è sempre stato così. In passato, sia l’amministrazione democratica che quella repubblicana erano abbastanza prudenti da stabilire le condizioni per il loro sostegno e si riservavano il diritto di disimpegnarsi se queste condizioni fossero state violate.

Nel 1978, Jimmy Carter minacciò di interrompere tutti gli aiuti militari a Israele dopo che il governo di Begin aveva violato la legge americana utilizzando munizioni a grappolo in Libano e trasferendo armi di fabbricazione statunitense a milizie libanesi amiche. La posizione di Carter probabilmente ha salvato molte vite e ha contribuito a prevenire un’ulteriore recrudescenza.

Nel 1991, l’amministrazione Bush (che ha dimostrato in varie occasioni un forte impegno verso Israele) ha trattenuto 10 miliardi di dollari in garanzie sui prestiti americani, chiedendo che Israele interrompesse la sua attività di insediamento e accettasse di partecipare alla Conferenza di Pace di Madrid. Ne seguì una crisi, la pressione della lobby pro-Israele si intensificò, ma Bush rimase fermo.

Carter e Bush hanno perso le loro rispettive rielezioni a causa di fattori più grandi, ma vale la pena notare che gli elettori ebrei filo-israeliani alla fine li hanno rifiutati. Nonostante entrambi (specialmente Carter) abbiano compiuto passi avanti nella ricerca della pace arabo-israeliana, molti ebrei sionisti statunitensi sono stati irritati dalla loro “ostilità” verso Israele e li hanno puniti alle urne.

La lezione è stata ben appresa dai loro successori. Oggi, dopo altri 30 anni di espansione degli insediamenti, inosservanza del diritto internazionale e violazioni dei diritti umani, a quanto pare Israele non ha nulla di cui preoccuparsi. Le rassicurazioni che i generosi aiuti americani continueranno a fluire, senza fare domande, sono diventate un pilastro bipartisan della politica estera degli Stati Uniti.

Questa posizione sconcertante non solo legittima azioni israeliane altrimenti indifendibili e scoraggia Israele dal cambiare rotta. Questo affetto letteralmente incondizionato per Israele mina l’autorità morale dell’America, già a pezzi dopo la breve ma devastante presidenza di Trump.

La marea potrebbe cambiare. Alla Conferenza annuale di J Street del 2021, i senatori Bernie Sanders ed Elizabeth Warren hanno chiesto restrizioni sugli aiuti militari statunitensi a Israele. Il recente disegno di legge, introdotto da alcuni Democratici al Congresso, proibirebbe il finanziamento statunitense di alcune attività israeliane legate all’occupazione. Il disegno di legge può essere sdentato e nato morto, ma è anche un passo nella giusta direzione.

Si dovrebbe tenere una discussione aperta e onesta, svincolata dall’influenza dei lobbisti e da false accuse di antisemitismo, sul fatto che sia ragionevole continuare a incanalare miliardi di dollari dei contribuenti statunitensi verso un paese ricco e sviluppato che viola sistematicamente e ampiamente i diritti umani.

Molti ebrei americani affiliati ai democratici ora sembrano essere pronti per questa discussione. Molti di loro hanno abbandonato il proprio incrollabile sostegno a Israele dopo non essere riusciti a conciliarlo con i loro valori liberali. L’elettorato americano nel suo insieme ha bisogno di una valutazione simile.

L’amministrazione Biden saprà raccogliere la sfida? Potrebbe. Da un lato, Biden e Harris sono stati tra i candidati alla presidenza democratica più filo-israeliana nel 2020. Dall’altro, le azioni di Biden sono state sorprendentemente decisive, coraggiose e motivate dall’espressa preoccupazione per i diritti umani.

La pace israelo-palestinese probabilmente non è in cima all’agenda di Biden, e non dovremmo aspettarci che presto venga svelato un altro grandioso piano di pace, ma forse è così.

Sia Israele che i palestinesi, ma soprattutto Israele, devono essere incentivati prima che qualsiasi negoziato abbia buone possibilità di successo. Israele ha bisogno di vedere e sentire il cambiamento nell’atteggiamento dell’America, e questo può essere fatto in modo progressivo.

Come cittadino israeliano residente negli Stati Uniti tengo molto a entrambi i paesi. La mancanza di discrezionalità morale dell’America sulle questioni relative a Israele è inutile per tutte le parti coinvolte, compreso lo stesso Israele, e deve finire.

Arkadi Mazin era un giornalista di Vesti, la principale pubblicazione israeliana in lingua russa, e come indipendente ha collaborato con Yedioth Aharonoth, Haaretz e YNET. Attualmente risiede a Seattle, è un collaboratore del sito web israeliano Re: Levant in russo, e un giornalista scientifico della redazione di Lifespan.io, una pubblicazione sulla ricerca della longevità.

 

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

L’amicizia incondizionata per Israele deve finire

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.