[L’analisi] Il ricatto di Trump all’Europa, strangolare l’Iran per consegnare il Medio Oriente ad Israele

E’ scattata la trappola iraniana di Washington e di Netanyahu: punta a stritolare l’Iran e ridimensionare la Mezzaluna sciita in Medio Oriente ma dentro ci finirà pure quel che resta dell’Europa

di Alberto Negri, editorialista e inviato di guerra

E’ scattata la trappola iraniana. L’America è entrata sul piede di guerra, dal Medio all’Estremo Oriente. Siamo arrivati al terzo capitolo della saga americana: prima distruggere l’Iraq, operazione riuscita nel 2003, poi la Siria – missione fallita ma non è detta l’ultima parola – e adesso colpire l’Iran, nemico numero uno di Israele e dell’Arabia Saudita. Una sorta di trilogia che ha come obiettivo lasciare lo stato ebraico come unico guardiano della regione e preservare il trono di spade saudita, il rivale sunnita della repubblica islamica, che barcolla nella guerra in Yemen.

E come se non bastasse la minaccia di sanzioni “inaudite” a Teheran promesse dal segretario di Stato Mike Pompeo – un italo americano che sembra la comparsa di un film di Martin Scorsese sui “bravi ragazzi” – il vicepresidente americano Mike Pence ammonisce la Corea del Nord che “potrebbe finire come la Libia”. In forse dunque il vertice del 12 giugno tra Kim Jong un e Donald Trump. Sia l’una che l’altra mossa hanno come ispiratore il consigliere della Sicurezza nazionale Bolton il quale aveva suggerito tempo fa che l’unica opzione diplomatica con l’Iran “è bombardarlo”.

Sono dunque clamorosamente alle corde anche gli europei che stanno tentando di salvare l’accordo sul nucleare con l’Iran cercando anche di trovare un modo per aggirare le sanzioni americane che impediscono di fare affari con Teheran. Pompeo ha chiarito che questa America non cerca più di tanto l’Europa, ha ribadito di comprendere come la decisione del presidente Trump “porrà difficoltà finanziarie ed economiche per i nostri amici” ma ha insistito sulla posizione degli Stati Uniti, determinati a mantenere la linea dura su eventuali violazioni delle sanzioni.

Insomma anche l’Europa è nel mirino con un evidente ricatto: o gli europei obbediscono o si vedranno imporre i ventilati dazi Usa mentre alle banche e alle aziende europee che lavorano con l’Iran sarà sbarrato il mercato americano. Dura la replica a Washington del presidente iraniano Hassan Rohani e del capo dei pasdaran: il rischio per Teheran è proprio quello di cadere nella trappola delle provocazioni americane e israeliane. Gli Usa infatti hanno detto che l’Iran si deve ritirare dalla Siria, il primo obiettivo in questa escalation di Washington e di Israele, ormai impegnato in raid continui sulle postazioni iraniane ospitate dal regime di Damasco di Bashar Assad.

Ma anche la posizione degli europei su questo punto è ambigua. L’Europa infatti ha molti volti. Da una parte la Francia, dopo la missione fallita di Macron da Trump per convincerlo a restare nell’accordo sul nucleare del 2015, è impegnata a salvaguardare un’intesa firmata dal Cinque più Uno sotto l’egida dell’Onu. Dall’altra Parigi ha rafforzato la sua presenza militare in Siria inviando mille uomini e piazzando la sua artiglieria intorno a Raqqa, ex capitale del Califfato.

Questo significa che la Francia è pronta a dare una mano agli Stati Uniti nella sua ex colonia se ci fosse un’impennata della tensione. In sintesi gli Usa minacciano la repubblica islamica e con il loro maggiore alleato, Israele, sono pronti a soffocare l’Iran usando un mix di azioni militari e di sanzioni, l’Europa vorrebbe mantenere Teheran agganciata agli accordi sul nucleare ma è a sua volta nel mirino degli americani. E’ scattata così la trappola iraniana di Washington e di Netanyahu: punta a stritolare l’Iran e ridimensionare la Mezzaluna sciita in Medio Oriente ma dentro ci finirà pure quel che resta dell’Europa.

 

 

 

[L’analisi] Il ricatto di Trump all’Europa, strangolare l’Iran per consegnare il Medio Oriente ad Israele

http://notizie.tiscali.it/esteri/articoli/Il-ricatto-di-Trump-allEuropa/

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam