L’ANALISI / Quei dubbi di Netanyahu e le conferme arrivate da Gaza

0

20 nov 2012

E ora che si fa? Il premier israeliano, Benjamin Netanyahu, l’ha chiesto ai suoi consiglieri. Poi al presidente Shimon Peres. Quindi al ministro della Difesa, Ehud Barak. Poi a quello degli Esteri – nonché leader del secondo partito più forte – Avigdor Lieberman. Infine al segretario generale dell’Onu e a Hillary Clinton.

Da tutti questi il primi ministro ha ricevuto risposte diverse. Alcune simili tra loro, ma con qualche sfumatura. E qui, in quest’angolo di Medio Oriente, le sfumature non sempre son dettagli. Possono diventare anche precipizi. Per questo, ora, Netanyahu non sa cosa fare.

La tregua con Hamas – gli hanno detto i consiglieri più stretti – rischia di farlo apparire debole. Quindi di distruggerlo alle elezioni. L’assalto finale a Gaza City – gli hanno suggerito le teste internazionali – potrebbe chiudergli le porte del consesso mondiale. Mentre a nord e a est dello Stato ebraico nulla è più come prima. E tutto può cambiare da un’ora all’altra. Soprattutto dopo la conferma di questi giorni: dietro le milizie armate di Hamas c’è sempre più l’Iran. E quindi anche un bel pezzo della nuova autorità egiziana.

© Leonard Berberi

(in aggiornamento – prima versione ore 23.30, 20 novembre 2012)

http://falafelcafe.wordpress.com/2012/11/20/lanalisi-quei-dubbi-di-netanyahu-e-le-conferme-arrivate-da-gaza/

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.