L’ANTICA STRADA DI RE DAVID: come gli archeologi israeliani stanno aiutando il furto di Silwan.

0
666

tratto da: INVICTA PALESTINA

26/03/2020

Affermando la “scienza” come ragione e in totale disprezzo per il benessere della popolazione, a Silwan i tunnel sono scavati sotto le case palestinesi, distruggendo le fondamenta e costringendo i residenti a fuggire.

Fonte – English version

Di Miko Peled – 24 Marzo 2020

Gerusalemme, Palestina – Wadi Hilweh, noto anche come Silwan, è una deliziosa e antica città che si trova nella valle direttamente sotto il complesso Al-Aqsa, appena fuori dalla Città Vecchia di Gerusalemme. Purtroppo, in qualsiasi giorno, in questa antica valle, si può vedere la pulizia etnica in corso, la violenza istigata dai coloni israeliani e la cancellazione della storia, tutto allo stesso tempo e in pieno giorno.

A causa della sua vicinanza alla Città Vecchia, Silwan è stata oggetto di un brutale assalto da parte del governo israeliano, del comune di Gerusalemme, e in particolare delle organizzazioni no profit Elad e Ateret Cohanim, che sovvenzionano la violenza, la distruzione del patrimonio palestinese e Insediamenti ebraici a Gerusalemme est.

Conquista e distruzione sionista

Nel corso della sua lunga storia, Silwan ha visto molte culture e conquistatori andare e venire, lasciando il segno e rendendo unica questa valle. Dall’inizio dell’occupazione sionista di Gerusalemme est, la valle è diventata un sito di scavi, ma non per la conservazione o la scoperta della ricchezza della storia e dell’archeologia che contiene, ma piuttosto per quello che non contiene.

Gli archeologi sionisti scavano nel Wadi Hilwe per convalidare la loro narrazione, ignorando e persino distruggendo tutto il resto.  Sostengono che esistesse un re ebraico di nome David che governava nell’antica Gerusalemme e che l’antica città dove governava si trova sotto le case del popolo di Silwan. Sebbene non esistano prove storiche che il re David sia mai vissuto, le case della gente della valle vengono distrutte perché Israele vuole che il mondo lo creda.

Israeliani che si fanno selfie in un famoso sito archeologico e turistico nel quartiere palestinese di Silwan a Gerusalemme est. Tsafrir Abayov | AP

Affermando la “scienza” come ragione, e in totale disprezzo per il benessere della popolazione, i tunnel vengono scavati sotto le case di Silwan, distruggendone le fondamenta e costringendo le persone a lasciare le loro case. Un tunnel particolare è stato reso famoso quando l’ambasciatore americano David Friedman, ha partecipato allo scavo e alla distruzione.

Lo scavo è finanziato principalmente attraverso la Elad Foundation, il cui denaro, secondo Ha’aretz, “proveniva da società registrate in paradisi fiscali internazionali come Bahamas, Isole Vergini e Seychelles, e non è chiaro chi li controlla”.

Una prospettiva sionista

Un recente articolo pubblicato dall’istituzione indipendente pro-israeliana, The Washington Institute for Near East Policy, ha descritto Silwan come “piccolo, collinoso, povero e poco esteso”. Tuttavia, questa descrizione è ingannevole. Silwan non è piccolo, con oltre cinquantamila residenti. Partendo proprio sotto il santuario di Al-Aqsa nella Città Vecchia, si estende lungo la valle e su per la collina opposta fino a Jabel Mukaber, offrendo una vista mozzafiato sulla valle e sulla Città Vecchia.

Foto del 9 settembre 2019 mostra una vista del quartiere orientale di Silwan a Gerusalemme est. Mahmoud Illean |AP

Se Silwan è povero, è in gran parte dovuto al fatto che le guide turistiche sono incaricate di avvertire i turisti di non acquistare dagli “arabi”. Inoltre, dall’istituzione del parco archeologico “La città di David”, i turisti, circa 400.000 di loro ogni anno secondo il Silwan Information Center, si fermano nel sito israeliano che perpetua la falsa narrativa ma non si avventurano mai nella città stessa per vedere  gli innumerevoli tesori storici e culturali al suo interno.

Secondo il Silwan Information Center, Silwan ha sofferto della negligenza del comune di Gerusalemme riguardo alle esigenze del villaggio, “Il villaggio rimane senza infrastrutture; residenziali, educative o economiche, e dall’occupazione di Gerusalemme le autorità israeliane non hanno concesso permessi di costruzione per appartamenti o edifici residenziali nel quartiere di Wadi Hilweh.”

Le tensioni

Il Washington Institute for Near East Policy continua a dire che Silwan, “a volte è stato un punto caldo dell’attivismo e della tensione ebraica e palestinese”.  Visito spesso Silwan. È in una posizione unica e bella e il centro informazioni Wadi Hilweh con le sue numerose attività è un buon posto da visitare e per parlare con le persone che vivono nella valle. Tuttavia, sebbene la tensione esista chiaramente, non è dovuta all ‘”attivismo ebraico e palestinese”.

È perché i coloni israeliani si sono diffusi in tutta la valle portando violenza e ostilità nei confronti dei residenti autoctoni.

I coloni israeliani, la polizia e la milizia privata che appoggiano i coloni creano un risentimento pienamente giustificato tra il popolo di Silwan, risentimento che spesso esplode sotto forma di proteste e spesso provoca l’arresto e l’uccisione di giovani palestinesi. Aggiungete a ciò la continua distruzione delle case palestinesi da parte delle autorità israeliane e avrete un vero e proprio campo di battaglia.

Polizia israeliana mascherata infiltrata con abiti civili arrestano un ragazzo palestinese durante le proteste contro gli insediamenti per soli ebrei a Silwan, 28 gennaio 2011. Sebastian Scheiner | AP

Oltre a tutto questo, ai palestinesi viene impedito di seppellire i loro morti nell’antico cimitero musulmano appena sopra Silwan. Il cimitero islamico Bab al-Rahmah si trova al di fuori delle mura orientali della Città Vecchia e i residenti palestinesi di Silwan hanno seppellito lì i loro morti per oltre 1000 anni. Le autorità israeliane hanno confiscato il cimitero integrandolo nel “Parco nazionale delle mura di Gerusalemme (città di David)”.

Secondo l’International Middle East Center, “Il comune di Gerusalemme è ben noto per classificare le aree palestinesi come parchi nazionali per ottenere il controllo su più territori”. Inoltre, “L’area di Bab al-Rahmah è cruciale per i piani di insediamento israeliani, che mirano a collegare quattro circoli concentrici di insediamenti, a partire dalla Città Vecchia, seguito dal” Bacino Santo “(Silwan, Sheikh Jarrah, a-Tur, Monte Sion e Kidron Valley), il confine con l’annessione di Gerusalemme, e infine la Cisgiordania”.

Un’ingiustizia storica

Nel 1881, una trentina di famiglie ebree lasciarono lo Yemen per la Terra Santa. Per diversi anni, questi ebrei nullatenenti non ebbero residenza permanente, fino a quando, nel 1884, si stabilirono in nuove case di pietra all’estremità meridionale di Silwan. Le case furono costruite per loro da un’associazione ebraica chiamata “Ezrat Nidahim”. Lì rimasero fino al 1936, quando iniziò la rivolta palestinese, e furono trasferiti dalle autorità sioniste nel quartiere ebraico della Città Vecchia.

Durante la campagna sionista di pulizia etnica della Palestina del 1948, tutti i palestinesi residenti a Gerusalemme ovest furono costretti ad andarsene, le loro case e proprietà furono prese dai sionisti e le loro proprietà private saccheggiate dai combattenti dell’Irgun e Haganah. In una battaglia che ebbe luogo sulla Città Vecchia, la Legione araba della Transgiordania sconfisse le forze sioniste e tutti gli ebrei che vi risiedevano furono evacuati.

Case costruite da Ezrat Nidahim alla periferia di Silwan per ebrei yemeniti intorno al 1880. Foto | Dominio pubblico

Per molti anni, Ateret Cohanim ha cercato di sfrattare i palestinesi che vivevano nella parte di Silwan dove risiedeva la comunità ebraica yemenita. Secondo un rapporto del Silwan Information Center, nel gennaio 2020 un tribunale israeliano “ha emesso una sentenza per sfrattare dalla sua abitazione la famiglia Naser Rajabi nel quartiere di Batn Al-Hawa a Silwan, a favore dell’associazione di insediamenti” Ateret Cohanim “, con il pretesto  che gli ebrei possedevano il terreno su cui l’edificio fu costruito nel 1948”.

Il rapporto afferma inoltre che questo fa parte del piano di Ateret Cohanim per controllare 5.200 metri quadrati del quartiere centrale chiamato Batn Al-Hawa, sostenendo che “gli ebrei dello Yemen possedevano la terra dal 1881”. Gli abitanti di Silwan hanno fatto notare alla corte che “avevano vissuto nel quartiere per decenni e in possesso della prova di acquisto per la terra e la proprietà”. La corte decise a favore dei coloni ebrei.

Atteggiamenti militanti

Il Washington Institute for Near East Policy afferma che “gli atteggiamenti a Silwan sono eccezionalmente militanti”. Cita come esempio che ai locali è stato chiesto se fossero d’accordo con la frase: “Spero che un giorno potremo essere amici degli israeliani, dal momento che siamo tutti esseri umani dopo tutto”.  “A Silwan”, afferma il rapporto, “solo il 4% è d’accordo, rispetto al 90% che” fortemente” non è d’accordo.”

Palestinesi guardano mentre le autorità israeliane distruggono la loro casa di famiglia nel quartiere Silwan di Gerusalemme Est, il 17 aprile 2019. Mahmoud Illean | AP

Considerando ciò che Israele fa alla popolazione di Silwan, queste cifre non sono affatto scioccanti. Ma contrariamente a quanto affermato dal Washington Institute for Near East Policy, la militanza è stata schiacciante da parte israeliana.

Trad: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

L’antica strada di re David: come gli archeologi israeliani stanno aiutando il furto di Silwan.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.