Gideon Levy // L’Apartheid israeliano? Non vedere oltre questa legge razzista

432

tratto da: https://www.invictapalestina.org/archives/43182

22/06/2021

Alcune leggi sono una macchia sui libri di giurisprudenza di Israele e finché non vengono rimosse Israele non può essere considerata una democrazia. Una delle più deprecabili è la legge che impedisce ai suoi cittadini arabi di ricongiungere le loro famiglie.

Fonte: English version

Di Gideon Levy – 20 giugno 2021

Quando si discute se Israele sia uno stato di apartheid e i suoi propagandisti sostengono che non lo sia, citano come prova l’assenza di leggi razziste nei libri di legge del paese. La legge che molto probabilmente sarà riaffermata questa settimana, per la diciottesima volta consecutiva, è la prova definitiva del fatto che non solo esistono pratiche di apartheid in questo paese, ma ci sono anche leggi di apartheid.

“È meglio non evitare la verità: la sua esistenza nei libri di legge rende Israele uno stato di apartheid”, ha scritto l’editore di Haaretz Amos Schocken nel 2008. Sono passati tredici anni e questa affermazione è più vera che mai.

Questa legge racconta tutta la storia: incarna l’essenza del sionismo e il concetto di “Stato Ebraico”; riflette i discutibili pretesti legati alla sicurezza che legittimano qualsiasi abominio in questo paese; esemplifica la sorprendente somiglianza tra la destra ultra-nazionalista e la sinistra sionista, e l’uso subdolo che Israele fa delle misure temporanee e di emergenza. Una legge approvata come misura temporanea nel 2003, che è stata esaminata nel 2006 dal giudice della Corte Suprema Edmond Levy come una legge che doveva scadere entro due mesi, celebra i 18 anni di esistenza.

La legge è ora oggetto di un duello tra governo e opposizione, dove è chiaro che l’opposizione di destra sosterrà l’estensione di questa legge, il razzismo prevale su qualsiasi altra cosa, senza che nessuno si occupi della sostanza della legge e del suo impatto sull’immagine di Israele.

Per dirla in breve: Dopo la Legge del Ritorno, questa è la legge che esemplifica più di ogni altra il dominio del suprematismo ebraico in questo paese. Un ebreo può condividere la sua vita con chiunque lui o lei sceglie, un arabo no. Proprio così, disperatamente e dolorosamente semplice. Qualsiasi paese che trattasse i suoi cittadini ebrei in quel modo sarebbe oltraggiato.

Un giovane di Kafr Qasem che si innamora di una donna della città di Nablus, in Cisgiordania, non può vivere con lei nel suo paese, Israele. Un giovane della vicina Kfar Sava può vivere nel suo paese con chi vuole. Una donna dell’insediamento di Itamar, che si affaccia su Nablus, può in teoria sposare qualcuno della tribù dei Masai del Kenya o un indù del Nepal. Potrebbe incontrare alcune difficoltà, ma il percorso è aperto a qualsiasi cittadino ebreo israeliano per realizzare la propria vita di coppia nel proprio paese, lo so per esperienza personale.

Questo non è il caso quando si tratta di un cittadino arabo che desidera vivere con qualcuno del sesso opposto, qualcuno che potrebbe vivere a cinque minuti di macchina, spesso un cugino.

La Linea Verde del 1967, ormai quasi del tutto cancellata, esiste ancora quando si tratta di arabi. Questa infamia è avvolta in scuse esistenziali e legate alla sicurezza sul terrorismo e una minaccia demografica. Non c’è fine alla paura e alle descrizioni delle minacce imminenti per Israele: Migliaia di terroristi attraverseranno questo paese e lo distruggeranno. Ogni arabo israeliano sposerà otto donne della Cisgiordania e della Striscia di Gaza e la maggioranza ebraica sarà persa per sempre.

Soprattutto questo incombe principalmente su un presunto stato di emergenza, che ha prodotto questa legge. E ‘solo temporaneo, finirà tra un anno o due, proprio come l’occupazione, la madre di ogni temporaneità eterna.

Non meno sorprendente è la condotta del Partito Laburista nei confronti di questa legge. È sempre favorevole all’estenderla, partito di sinistra o meno; è sempre accompagnato da ipocrite strette di mano e sospiri di sollievo. Nel 2016, il deputato laburista Nachman Shai, un portavoce per eccellenza dell’ipocrisia Mapai, ha dichiarato di non essere convinto della necessità della legge, ma che il suo partito l’avrebbe sostenuta.

Entro sei mesi, gli fu promesso, ci sarebbe stata una seria discussione sulla sua necessità. È passato un anno e Shai ha nuovamente sostenuto l’estensione della legge, questa volta in modo lirico: “Sosterremo la legge tenendo costantemente presente che riguarda persone a cui deve essere mostrato rispetto”. Come? Con il baklava? (Dolce arabo).

Shai è ora Ministro per gli Affari della Diaspora, solo la diaspora ebraica, ovviamente, e il suo partito sosterrà di nuovo questa legge, solo per un’altra volta, solo temporaneamente, solo per il bene dell’esistenza e della sicurezza ebraica del paese.

Per dirlo chiaramente: se Labour e Meretz sostengono questa legge, qui non c’è più nessun sionista. Se la legge viene rinnovata, lo Stato non è democratico ed ebraico. Il momento della verità è vicino e la fine è così predetta.

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato pubblicato da Verso Books.

Traduzione: Beniamino Rocchetto – Invictapalestina.org

 

L’Apartheid israeliano? Non vedere oltre questa legge razzista

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.