L’appello di Ocean Viking alla Ue: “Abbiamo 572 migranti, fateci sbarcare in un luogo sicuro”

483

tratto da: https://www.globalist.it/world/2021/07/06/l-appello-d-ocean-viking-alla-ue-abbiamo-572-migranti-fateci-sbarcare-in-un-luogo-sicuro-2083607.html

L’organizzazione civile marittima e umanitaria Sos Mediterranee si sta occupando dell’assistenza dei naufraghi, tra cui 183 minori

Ocean Viking

Ocean Viking

globalist 6 luglio 2021

Dopo sei operazioni di salvataggio nelle regioni di ricerca e soccorso maltesi e libiche da giovedì scorso, la Ocean Viking, la nave di soccorso noleggiata dall’organizzazione civile marittima e umanitaria Sos Mediterranee, si sta prendendo cura di 572 migranti sopravvissuti, tra cui 183 minori, che hanno urgente bisogno di sbarcare in un luogo sicuro. 

In assenza di coordinamento marittimo, Sos Mediterranee chiede all’Ue “di coordinare urgentemente lo sbarco di 572 superstiti in un luogo sicuro”.

In poco più di 72 ore, la nave ha salvato le 572 persone da sei imbarcazioni in difficoltà nel Mediterraneo centrale, “nella totale assenza di coordinamento da parte delle autorità marittime”.

 

 Il team di Sos Mediterranee ha anche trovato cinque barche di legno vuote che sono state intercettate dalla guardia costiera libica nella regione di ricerca e soccorso maltese. 

“Quello a cui abbiamo assistito in mare in questi giorni è straziante – dice Luisa Albera, coordinatrice di ricerca e soccorso della Ong a bordo della Ocean Viking – Non solo ci è capitato di salvare centinaia di persone, che hanno corso il rischio di morire in mare piuttosto che rimanere in Libia senza alcun coordinamento da parte delle autorità marittime, ma abbiamo anche avvistato resti di barche intercettate dalla Guardia Costiera libica, anche nella regione di ricerca e soccorso maltese. Tutte le persone intercettate sono state forzatamente e illegalmente respinte in Libia, che non può essere considerata un luogo sicuro secondo il diritto internazionale.

Chiediamo ora all’Unione europea – ribadisce Albera – di coordinare almeno lo sbarco dei 572 sopravvissuti, attualmente a bordo della nostra nave, in un luogo sicuro”.

Nella notte tra domenica e lunedì, riferisce la Ong, nel buio pesto e dopo quattro ore di ricerca, la squadra di soccorso di Sos Mediterranee ha trovato una barca di legno precedentemente individuata dall’aereo Colibrì 2 di Pilotes Volontaires: 369 fra uomini, donne e bambini erano stipati sulla barca che rischiava di rovesciarsi. “Le nostre squadre non avvistavano da diversi anni queste grandi imbarcazioni di legno lanciate dalle coste della Libia. 183 minori, compresi due bambini con disabilità, tra i sopravvissuti”. Domenica notte, una donna ha dovuto essere trasportata su una barella per essere evacuata dalla barca su cui si trovava. In un’operazione di soccorso che ha portato al salvataggio di 71 persone da un’altra barca di legno sovraffollata nelle prime ore di domenica mattina, quattro persone hanno dovuto essere trasportate in barella dal loro natante alla Ocean Viking.

 

 

https://www.globalist.it/world/2021/07/06/l-appello-d-ocean-viking-alla-ue-abbiamo-572-migranti-fateci-sbarcare-in-un-luogo-sicuro-2083607.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.