Lavoratori palestinesi costretti a scendere da un autobus israeliano

343

Articolo pubblicato originariamente sulla BBC e tradotto dall’inglese dalla redazione di Bocche Scucite

Gli operatori di trasporto israeliani non sono autorizzati a operare servizi segregati. Foto AFP

Un’azienda di trasporti pubblici israeliana si è scusata dopo che è stato rivelato che 50 lavoratori palestinesi sono stati costretti a scendere da uno dei suoi autobus.

L’incidente è avvenuto in un sobborgo ultraortodosso di Tel Aviv dopo che tre passeggeri ebrei sono saliti e si sono rifiutati di viaggiare con gli arabi a bordo.

L’azienda di autobus, Tnufa, ha dichiarato che uno di loro si è finto un funzionario del Ministero dei Trasporti e ha minacciato l’autista.

Israeliani e palestinesi usano l’autobus per andare e tornare dalla Cisgiordania.

Secondo la legge israeliana, gli operatori dei trasporti non sono autorizzati a gestire servizi segregati.

Più di 100.000 palestinesi in Cisgiordania hanno il permesso di attraversare Israele e gli insediamenti della Cisgiordania, dove sono impiegati come giardinieri o lavoratori edili.

L’incidente è avvenuto giovedì della scorsa settimana su un autobus numero 288, che viaggia dalla stazione centrale di Tel Aviv all’insediamento cisgiordano di Ariel.

Circa 50 lavoratori palestinesi erano a bordo quando l’autobus si è fermato nella zona di Bnei Brak, dove tre passeggeri ebrei sono saliti e hanno immediatamente iniziato a sollecitare l’autista a far scendere i palestinesi, come hanno raccontato i testimoni.

Tnufa ha detto che l’autista era nuovo al lavoro ed era stato intimidito da “manipolazioni razziste”.

Ha detto che un passeggero si era spacciato per un dipendente del Ministero dei Trasporti e aveva falsamente affermato che il Ministero aveva ordinato la rimozione dei passeggeri palestinesi dal percorso.

“Il nuovo autista ha detto di aver discusso con l’impostore, ma questi gli ha detto che avrebbe potuto perdere il lavoro o ricevere una grossa multa se non avesse seguito immediatamente le istruzioni”, ha dichiarato Tnufa.

“L’azienda si scusa con i passeggeri per lo sfortunato incidente”, ha dichiarato l’amministratore delegato di Tnufa Mikhael Kopilovsky, aggiungendo che “molti dei nostri autisti e lavoratori dell’azienda sono arabi”.

Ha affermato che Tnufa fornisce “un servizio completo e paritario” a tutti i suoi passeggeri.

Nel 2015, Israele ha introdotto per breve tempo delle regole che avrebbero avuto l’effetto di separare i passeggeri palestinesi da quelli ebrei sugli autobus diretti in Cisgiordania.

Tuttavia, le regole sono state ritirate nel giro di poche ore dopo che l’allora primo ministro Benjamin Netanyahu ha dichiarato che erano “inaccettabili”.

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.