‘Le campane avrebbero suonato’: come i Palestinesi celebravano il Natale prima della vita sotto occupazione

0
331

tratto da: INVICTA PALESTINA

Le tradizioni occidentali hanno trasformato la festa cristiana, ma gli anziani palestinesi ricordano i dolci tradizionali, le semplici celebrazioni e i tempi più felici.

English version

Shatha Hammad – Cisgiordania occupata – 24 dicembre 2019

Immagine di copertina: Victoria Baseer, una 102enne residente nel villaggio di Taybeh in Cisgiordania, guarda una foto che mostra il giorno del suo matrimonio negli anni ’30 (Shatha Hammad / MEE)

Seduta accanto a un grande albero di Natale illuminato a casa di uno dei suoi figli, Victoria Baseer guarda una vecchia fotografia di sè stessa e di suo marito nel giorno del loro matrimonio all’inizio degli anni ’30.

Tre nipoti la circondano, giocando con i loro nuovi giocattoli.

Sul tavolo ci sono piatti pieni di cioccolatini e di biscotti portati da Babbo Natale, pronti per la famiglia e per gli amici che si fermeranno per festeggiare.

Victoria ha sei figli. Superando i 102 anni di età, è considerata la più antica residente del villaggio di Taybeh, ad est della città di Ramallah nella Cisgiordania occupata,.

Dice che ogni anno trascorre un po’ di tempo pensando ai natali della sua infanzia, celebrati in modo molto più semplice.

Niente è più lo stesso. Oggi il Natale è fatto tutto di imitazioni, stravaganze ed esagerazione; questo modo di festeggiarlo non ha mai fatto parte delle nostre tradizioni e usanze”, dice a Middle East Eye.

Niente  alberi di natale

Descrivendo come i palestinesi celebravano il Natale in passato, Victoria dice che avrebbero iniziato le feste pregando in chiesa e avrebbero finito con le visite a parenti e conoscenti. Non c’erano alberi di Natale, regali, vestiti nuovi o dolci, ricorda; solo amore, pace e gioia.

Ogni anno sua madre cucinava il Maftool, il famoso piatto palestinese simile per consistenza al couscous. Avrebbe preparato  anche un tipo speciale di dolce  la cui ricetta ora è stata dimenticata, dice Victoria.

Era un dolce semplice chiamato Qarsa, mia madre preparava l’impasto alla vigilia di Natale, l’avvolgeva in un pezzo di stoffa e lo appendeva al soffitto fino al giorno successivo. Poi lo cuoceva nel vecchio forno di fango“, spiega Victoria.

Quando era finito, lo tagliava, versava un po’ di olio d’oliva e ci cospargeva anche dello zucchero. Questo è quello che avremmo mangiato a colazione il giorno di Natale.

Victoria Baseer: “Mio padre comprava esattamente sette caramelle Bayd al-Hamam – una per ciascuno dei suoi figli” (Shatha Hammad / MEE)

Non ricorda di aver mai indossato abiti nuovi a Natale o di aver ricevuto regali; non ha mai fatto parte del rituale.

Mio padre comprava esattamente sette caramelle Bayd al-Hamam, una per ciascuno dei suoi figli. Io e i miei fratelli ne ricevevamo una, con la massima felicità. Oggi ci sono molti  tipi di cioccolatini e biscotti, ma manca il vero spirito natalizio”.

Ai visitatori la famiglia, insieme al caffè, offriva i fichi secchi che aveva conservato dall’estate.

Allestire un albero di Natale a casa, dice Victoria, è diventato parte della tradizione solo di recente.

Durante le preghiere in chiesa, il sacerdote impartiva la  benedizione a un fascio di rametti di ulivo, che poi distribuiva tra di noi. Ciascuna delle famiglie, una volta tornata a casa, avrebbe appeso al muro il ramo d’ulivo“, dice a MEE.

 ‘Il Natale  è trascorso in silenzio per anni – le famiglie del villaggio si rifiutarono di gioire e di distribuire dolci. Abbiamo appeso bandiere nere sulle nostre case e abbiamo vissuto nella costante paura di un attacco: Victoria Baseer

Nonostante la semplicità delle celebrazioni natalizie del passato, Victoria afferma che la purezza e la vera felicità che regnavano tra le famiglie palestinesi a Natale sono scomparse dopo la Nakba, o catastrofe, del 1948, quando centinaia di migliaia di persone sono fuggite o sono state scacciate dalle loro terre dai gruppi  paramilitari ebraici durante il conflitto a cui seguì la spartizione della Palestina storica portando alla creazione di Israele.

Come avremmo potuto continuare a festeggiare dopo l’occupazione della Palestina?” Dice Victoria, la voce notevolmente più ferma.

Il Natale  è trascorso in silenzio per anni – le famiglie del villaggio si rifiutarono di gioire e distribuire dolci. Abbiamo appeso bandiere nere sulle nostre case e abbiamo vissuto nella costante paura di un attacco al villaggio, che era diventato un rifugio per gli uomini che combattevano contro l’occupazione.

“Le campane suonerebbero”

A nord della città di Ramallah, nel villaggio di Aboud, la domenica le donne anziane si riuniscono nella chiesa ortodossa della Dormizione della Vergine Maria.

Partecipano al servizio religioso, pregando ad alta voce, prima di dirigersi in una sala della chiesa, come fanno ogni settimana, per bere caffè e socializzare.

Discutono i preparativi natalizi e  si scambiano i loro ricordi d’infanzia.

Alcune donne anziane di Aboud si aggrappano alla tradizione dell’indossare sempre il thobe ricamato palestinese; una pratica che è lentamente scomparsa nel tempo.

Rafiha Elyas, 83 anni, frequenta le preghiere vestita in un thobe marrone ricamato in seta rossa; indossa una sciarpa bianca per coprirsi i capelli.

Ad Aboud, continuiamo ad aggrapparci alle nostre tradizioni natalizie e alle celebrazioni del passato, ma la nostra felicità è costantemente accompagnata dall’ansia e dalla paura di un raid dell’esercito israeliano nel villaggio”, dice a MEE.

Le donne di Aboud sono famose a livello locale per la loro creatività e abilità nel preparare dolcetti natalizi – il più importante dei quali è un porridge di grano noto come Burbara, in riferimento al giorno di Santa Barbara, una festa celebrata nel mondo arabo il 4 dicembre.

Durante il periodo natalizio, prepariamo tutti i tipi di dolci popolari palestinesi, compresi Zalabiya e Mutabbaq – ma la mia salute è un ostacolo per me in questi giorni”, afferma Rafiha.

Rafiha Elyas  e suo marito Saad Elyas (Shatha Hammad/MEE)

Suo marito, Saad Elyas Bashariya, 89 anni, racconta con entusiasmo i suoi ricordi di Natale:

Le campane suonerebbero e le chiese aprirebbero le loro porte. Si inizierebbe  la  giornata pregando – prima di incominciare le visite a familiari, amici e vicini, scambiare benedizioni e offrire dolci e caffè”.

Si rammarica che le tradizioni natalizie non siano più le stesse.

Oggi queste formalità sono diminuite e le visite sociali sono limitate alla famiglia”, afferma Saad, spiegando che l’occupazione di Israele ha reso difficile, e talvolta impossibile, visitare familiari e amici, o persino pregare nella Chiesa della Natività a Betlemme e nella chiesa del Santo Sepolcro a Gerusalemme.

In questi giorni ci sono checkpoint dell’esercito israeliano in ogni angolo – anche all’ingresso del nostro villaggio –che ci costringono a fermare, ritardare e limitare i nostri movimenti. La vita sta diventando sempre più restrittiva ogni giorno di più e stiamo perdendo la  voglia di celebrare le  festività- ci sentiamo sempre spaventati e ansiosi”, continua Saad.

Per quanto riguarda l’evoluzione dell’albero di Natale, Saad dice in passato lui e la sua famiglia preparavano un semplice “ramo di cipresso decorato con fiori naturali”,  una bella differenza dagli “alberi di plastica di oggi, impreziositi da luci, decorazioni e sfere di vetro colorato”.

Anche i dolci e i regali di Natale, dice Saad, erano molto più semplici. “Il dolce Halqoum era il regalo che ricevevamo durante le  festività- ognuno di noi ne avrebbe ricevuto uno, eppure ci sentivamo come se avessimo ricevuto un grande regalo.”

Per il pranzo di Natale, la famiglia di Saad avrebbe cucinato il pollo, mentre Rafiha avrebbe preparato il tradizionale Maftool.

Tutto ciò che desideriamo è la pace e la fine dell’occupazione”, afferma Rafiha.

Saad, che segue la politica più da vicino, afferma che per i palestinesi il peggioramento della  situazione è una preoccupazione costante.

Le politiche di Trump a favore di Israele stanno legalizzando la confisca del resto delle nostre terre. Il futuro dei palestinesi è sconosciuto, ma continuiamo ad aggrapparci alla nostra ricerca di pace e di libertà per la  Palestina“, afferma Saad.

Jalila Hanna, 71 anni, madre di 10  figli e nonna di 32 nipoti, frequenta la chiesa con sua figlia.

Dice che il Natale in passato era molto più bello. “A differenza di oggi festeggiavamo  con un senso di sicurezza e protezione,“, dice a MEE.

Jalila Hannah: “A differenza di oggi festeggiavamo  con un senso di sicurezza e protezione” (Shatha Hammad / MEE)

Jalila ha trascorso gran parte della sua giovinezza lavorando nei campi della sua famiglia ad Aboud, coltivando cipolla, aglio e grano.

Lei e la sua famiglia  attendevano sempre con impazienza le festività per prendersi una pausa dal lavoro estenuante nei campi.

L’occupazione israeliana ha sequestrato una parte delle nostre terre con oltre 100 ulivi e l’ha donata all’insediamento di Beit Aryeh nelle vicinanze. Non ci è più permesso di accedervi …in un battito di ciglia abbiamo perso tutto  il nostro lavoro“, dice.

Il giorno di Natale era celebrato come un’occasione per visitare la famiglia e gli amici e per pranzare insieme a casa, ricorda Jalila: “Mia madre avrebbe fatto Maqloubeh o Maftool”.

Maryam Hmaid, una delle amiche di Jalila che frequenta la chiesa, dice che lei e la sua famiglia avrebbero piantato un ramo di cipresso e si sarebbero radunati per decorarlo con semplici ornamenti.

Tutti nel villaggio si sarebbero visitati l’un l’altro e si sarebbero  scambiati gli auguri a vicenda durante le feste. Oggi il tutto è limitato alla famiglia stretta, il che è davvero triste”, dice Maryam a MEE.

Madre di cinque figli, 65 anni, e nonna di 18  nipoti, dice  che vorrebbe tornare a celebrare il natale come in passato.

Non indossavamo abiti nuovi ed era tutto molto semplice, incluso il cibo che mangiavamo. Era pieno di amore e conforto. Oggi il valore del Natale è cambiato: le persone lo usano come un’opportunità per sfoggiare vestiti, case e regali.

Maryam Hmaid: “Oggi il valore del Natale è cambiato – le persone lo usano come un’opportunità per sfoggiare vestiti, case e regali” (Shatha Hammad / MEE)

Maryam ricorda come sua madre avrebbe preparato dei dolcetti speciali, compresi i biscotti di Ka’ek ripieni di datteri e noci, una ricetta  da lei ereditata.

Le nuove generazioni si rifiutano di prepararli – oggi si affidano a dolci già pronti e acquistati in negozio. Temiamo che dimenticheranno i famosi dolci natalizi che abbiamo imparato noi”, continua.

Una vacanza per i bambini

Nel villaggio di Beit Jala, a nord-ovest della città di Betlemme, la famiglia di Atallah Khalil Abu Ghattas si è riunita per celebrare le festività, insieme ai nipoti che indossano abiti nuovi e mangiano dolci tradizionali, biscotti di marmellata e noci, preparati per loro dalle nonne.

In passato c’erano meno persone, quindi eravamo molto più vicini – il Natale era  una festa molto intima. La situazione politica in Palestina, tuttavia, ha avuto un impatto diretto sull’atmosfera natalizia”, dice Atallah, 82 anni, a MEE.

Atallah Ghattas: “Il Natale è diventato una festa per i bambini, per portare gioia nei loro cuori nonostante la difficile situazione politica e il suo impatto su di noi” (Shatha Hammad / MEE)

In Cisgiordania, durante il dominio giordano, il numero di turisti aumentò drammaticamente, afferma Atallah, trasformando la natura del Natale in Palestina da una semplice ma cara celebrazione, in una festa che è arrivata a incorporare molti elementi occidentali, tra cui decorazioni stravaganti e alberi di Natale.

L’occupazione israeliana di Gerusalemme, Cisgiordania e Gaza nel 1967 influenzò direttamente le celebrazioni natalizie palestinesi, afferma Atallah, e gettò un’ombra scura sulla gioia e sullo splendore delle festività.

La purezza del Natale non esiste più. Non possiamo festeggiare quando l’intero Paese è sotto occupazione e le nostre vite, fino nei minimi dettagli, sono state  stravolte”.

Durante i primi anni dopo l’occupazione del 1967, Atallah fu imprigionato e  ha passato cinque anni dietro le sbarre.

Celebrare il Natale non era più la mia priorità. La nostra priorità comune era quella di lottare e difendere la nostra patria“, afferma.

Il Natale è diventato una festa per i bambini, per comprare loro vestiti e giocattoli nuovi e per provare a portare gioia nei loro cuori, nonostante la difficile situazione politica e il suo impatto su di noi”.

Atallah spiega che nel corso degli anni molti cristiani palestinesi di Beit Jala hanno lasciato il Paese in cerca di un futuro migliore: la più grande diaspora del villaggio ora risiede in Cile.

L’esodo di massa, afferma Atallah, ha significato che durante il Natale le visite sociali si sono  ridotte alla cerchia dei familiari.

In passato festeggiavamo il Natale in sicurezza e senza ansia o pressione. Con l’occupazione israeliana e la situazione politica di oggi, il Natale non è più lo stesso di prima“, continua.

Non mi considero più una delle persone che celebrano il Natale. Ormai per me è solo una  festa per i miei nipotini.”

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ognis schiavitù” Invictapalestina-org

‘Le campane avrebbero suonato’: come i Palestinesi celebravano il Natale prima della vita sotto occupazione

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.