LE COMUNITA’ INDIGENE CHE HANNO PREDETTO IL COVID-19

0
142

tratto da: INVICTA PALESTINA

22/05/2020

Per centinaia di anni, gruppi indigeni hanno avvertito che la distruzione dell’ambiente porta a malattie e influisce negativamente sulla vita e sulla cultura. Adesso il mondo è pronto per ascoltare?

English version

di Rachel Nuwel, 4 maggio 2020

All’interno delle foreste tropicali del mondo, ci sono agenti delle malattie che hanno il potere di arrestare il nostro stile di vita. Il modo in cui impareremo a convivere con queste foreste determinerà il nostro destino, accelerando o rallentando l’inizio delle future pandemie e della crisi climatica. BBC Travel e Future Planet esplorano due lati del nostro rapporto con le foreste in due storie; seguirà  una seconda puntata.

 

Levi Sucre Romero ricorda di aver sentito a gennaio la notizia di un nuovo coronavirus che infettava le persone in Cina. “Onestamente non credevo che sarebbe arrivato così lontano”, ha detto. “Mi sembrava che fosse davvero molto lontano.”

Membro e leader dei Bribri, uno dei più grandi gruppi indigeni del Costa Rica, Romero vive a Talamanca, una remota regione montuosa nel sud del paese piena di fiumi tortuosi, di una giungla fitta di fogliame e una pioggerella quasi costante di pioggia calda. Sebbene le case di legno con il tetto di paglia di Talamanca Bribri, il territorio del gruppo, siano molto lontane dai famosi centri turistici del paese, Romero si è presto reso conto che era solo questione di tempo prima che il virus li raggiungesse.

Levi Sucre Romero, leader del gruppo Bribri del Costa Rica, crede che il Covid-19 sia stato causato da “un cocktail di cattive pratiche” (Credit: Joel Redman / If Not Us Then Who?)

Romero ha realizzato anche qualcos’altro: il virus, a suo avviso, è stato scatenato dall’avidità umana e dai maltrattamenti inflitti al pianeta. “Stiamo sbilanciando l’habitat delle specie, stiamo tagliando gli alberi, piantando monocolture, riempiendo il mondo di città e asfalto e usando troppi prodotti chimici”, ha detto Romero. “È un cocktail di cattive pratiche”.

Come Sars e Mers, altri due recenti e mortali coronavirus, il Covid-19 è una malattia zoonotica che proviene da un animale. Le prove indicano la sua probabile origine in un pipistrello, seguita da un potenziale crossover in una specie intermedia – forse un pangolino – prima della trasmissione nell’uomo in un mercato umido a Wuhan, in Cina. Mentre le esatte origini del Covid-19 devono ancora essere individuate, ricerche inconfutabili dimostrano che la deforestazione e il commercio commerciale di specie selvatiche aumentano il rischio di malattie zoonotiche che possono potenzialmente causare pandemie. E, secondo Romero, sono entrambe attività umane che comportano la distruzione della natura.

“La mia gente ha conoscenze culturali che dicono che quando Sibö, il nostro Dio, ha creato la Terra, ha rinchiuso alcuni spiriti cattivi”, dice Romero. “Questi spiriti escono quando non rispettiamo e conviviamo con la natura”.

I Bribri vivono in una remota regione montuosa nel sud del Costa Rica, piena di una fitta giungla e fiumi tortuosi (Credit: Avalon / Getty Images)

Romero coordina l’Alleanza Mesoamericana di Popoli e Foreste, una delle più importanti piattaforme per il diritto alla terra per le comunità indigene in America Centrale e Messico, che rappresenta più di 50.000 persone che vivono nelle terre più fitte delle foreste della regione. Sa per certo che esiste un altro modo più sostenibile e rispettoso di vivere in relazione con la Terra, perché i Bribri e molti altri gruppi indigeni nel mondo lo praticano.

Per anni, Romero e altri leader indigeni hanno esortato il resto del mondo ad adottare un tipo di coesistenza con la natura più ispirato a quello degli indigeni, compreso lasciare intatti gli habitat, raccogliere piante e catturare animali a livelli sostenibili e riconoscere e rispettare la connessione tra uomo e salute planetaria. Ora, alla luce del coronavirus, stanno ribadendo quel messaggio.

A un panel di marzo sponsorizzato dall’iniziativa giornalistica globale Covering Climate Now a New York City, tenutasi giorni prima della chiusura della città, in seguito diventata l’epicentro globale della pandemia mondiale, Romero e altri leader indigeni del Brasile e dell’Indonesia hanno sottolineato il ruolo che conoscenze tradizionali, pratiche e gestione della terra possono giocare nella protezione del pianeta. Queste protezioni, hanno affermato, si estendono non solo alla riduzione dei cambiamenti climatici e alla perdita di biodiversità, ma alla riduzione del rischio di future pandemie.

Per anni, gruppi indigeni come il Mentawai dell’Indonesia hanno esortato il mondo ad adottare un modo più sostenibile di convivenza con la natura (Credit: Joel Redman / If Not Us Then Who?)

 

“Siamo convinti che questa pandemia sia il risultato di un uso sbagliato delle risorse naturali e di un modo sbagliato di convivere con queste risorse”, ha detto Romero. “Non credo che questa sarà l’ultima pandemia di questo tipo.”

Numerose ricerche supportano il legame tra comparsa di nuove malattie e distruzione ambientale. Numerosi virus si manifestano naturalmente nelle specie animali e la deforestazione aumenta le probabilità che le persone entrino in contatto con un animale che trasporta un virus nuovo per l’umanità, causando potenzialmente un evento spill-over. Un documento di Nature Communications del 2017 ha rivelato che il rischio emergente di malattie zoonotiche è più elevato nelle foreste tropicali che stanno subendo cambiamenti nell’uso del suolo, tra cui disboscamento, miniere, costruzione di dighe e strade. Come riferiscono gli autori, tali attività comportano un rischio intrinseco di insorgenza di malattie perché interrompono le dinamiche ecologiche e aumentano il contatto tra esseri umani, bestiame e fauna selvatica.

“È un processo stocastico”, ha dichiarato Erin Mordecai, biologo dell’Università di Stanford. “È guidato da incontri casuali tra determinate persone e determinati animali e da quegli agenti patogeni che stanno trasportando in quel momento.”

 

Gli studi dimostrano che il rischio di malattie zoonotiche è più elevato nelle foreste tropicali dove vivono molti gruppi indigeni, come il brasiliano Babassu (Credit: Joel Redman / If Not Us Then Who?)

 

La deforestazione può diffondere anche malattie esistenti. A ottobre, Mordecai e il coautore Andrew MacDonald hanno riferito nei Proceedings of the National Academy of Sciences che un aumento della deforestazione in Brasile tende a far aumentare il tasso di trasmissione della malaria, con circa sei nuovi casi e mezzo per chilometro quadrato di foresta abbattuta. La ragione, credono, è che il taglio degli alberi aumenta il limitare della foresta – l’habitat di riproduzione preferito per le zanzare brasiliane che trasmettono la malaria. Lo sviluppo nelle regioni di confine avvicina anche più persone alla foresta e attira da altre parti del paese pionieri che non sono mai stati esposti alla malaria e quindi non hanno resistenza.

Mentre ogni malattia è diversa, il modello generale, mi dice Mordecai, è che la deforestazione sconvolge gli ecosistemi e crea habitat marginali permeabili tra animali addomesticati e selvaggi, in cui il mondo umano e quello naturale si sovrappongono. “La deforestazione tende a portare ad opportunità in cui specie che normalmente non entrano in contatto ora lo fanno”, dice. “Questo crea opportunità di spill-over per gli agenti patogeni.”

Gli studi rivelano che anche il commercio di animali selvatici, sia legale che illegale, che sottopone gli animali selvatici a condizioni stressanti e poco igieniche, aumenta il rischio che emergano nuove malattie. Le specie viventi vengono spesso mescolate insieme, consentendo loro di scambiare virus. Il commercio si svolge spesso anche in centri urbani, dove molte persone possono entrare in contatto con gli animali – e tra loro – incoraggiando ulteriormente la diffusione di una nuova malattia.

 

Quasi tutto il gruppo indigeno brasiliano Waiapi è morto di malattia dalla prima volta che è entrato in contatto con estranei meno di 50 anni fa (Credit: APU Gomes / Getty Images)

 

Si collega alla deforestazione anche il commercio di animali selvatici. Cacciatori e bracconieri tendono ad accedere alle aree selvagge attraverso le strade. Quando aree precedentemente isolate vengono aperte da nuove vie di comunicazione, il commercio faunistico tende a seguire. Esperti, medici e ambientalisti per decenni hanno avvertito dei rischi per la salute rappresentati dalla deforestazione e dal commercio della fauna selvatica, ma senza risultati. Nel 2003, ad esempio, la Cina vietò per un breve periodo il commercio di animali selvatici in risposta alla Sars, ma nel giro di un anno gli affari sono ripresi e da allora anche aumentati.

Come amministratori della terra, molti gruppi indigeni aiutano a difendersi da queste minacce. “Quando proteggi i paesaggi indigeni, stai proteggendo non solo quelle persone e il loro modo di vivere, ma prevenendo anche una trasformazione molto rapida dei paesaggi”, afferma Mordecai. “Quella rapida trasformazione ha conseguenze culturali e ambientali su vasta scala, ma anche conseguenze sulla trasmissione di malattie”.

Un gran numero di gruppi indigeni vive nelle foreste tropicali – precisamente i paesaggi con il più alto rischio di insorgenza di nuove malattie e anche i luoghi che affrontano i più alti tassi di deforestazione. La deforestazione tropicale sta accelerando e rappresenta circa il 90% della deforestazione totale in tutto il mondo. Uno studio del 2020 ha riferito che almeno il 36% delle foreste del mondo rimaste intatte – la metà delle quali si trova ai tropici – rientra nelle terre indigene.

Naturalmente, le popolazioni indigene sono estremamente diverse. Alcuni vivono in città, altri nelle foreste; alcuni estraggono risorse a scopo di lucro, altri usano la natura solo per sussistenza. In generale, tuttavia, i gruppi indigeni “sono molto più efficaci nel proteggere la foresta e l’ambiente nelle loro terre rispetto alla maggior parte degli altri utenti”, ha affermato Mary Menton, ricercatrice di giustizia ambientale presso l’Università del Sussex. In alcune parti del Brasile, ad esempio, la protezione indigena è visibile nelle immagini satellitari dallo spazio.

Quattro dighe lungo il fiume Klamath hanno danneggiato l’ecosistema locale in cui vivono gli Yurok, la più grande tribù di nativi americani della California (Credit: Joel Redman / If Not Us Then Who?)

 

“Puoi vedere esattamente dove sono le linee dei territori indigeni”, dice Menton. “La deforestazione si mangia foreste intorno alle aree indigene e quelle aree fungono davvero da barriera efficace per l’espansione.”

Ciò è supportato anche da prove scientifiche. Uno studio del 2012 che confronta 40 aree protette e 33 foreste gestite dalla comunità ha rivelato che le aree gestite dalla comunità hanno subito meno deforestazione. “Se guardiamo in tutti i tropici, le terre degli indigeni, in generale, tendono ad essere molto meglio protette rispetto ad altre aree della foresta, confrontando anche le comunità e le terre indigene con le aree protette”, dice Menton.

In pratica, ciò è in parte dovuto al fatto che gli indigeni tendono a vivere su vaste aree di terra con popolazioni relativamente piccole. Ma anche i gruppi che vivono in piccoli tratti di foresta nel nord-est del Brasile, ad esempio, vivono in modo più sostenibile rispetto a gran parte del resto dell’umanità. “Non è solo che hanno molta foresta, è il modo in cui trattano e vedono la foresta e interagiscono con essa”, ha detto Menton.

Almeno il 36% delle foreste rimaste intatte del mondo ricadono in terre indigene (Credit: Eric Lafforgue / Art in All Us / Getty Images)

 

Molti gruppi vivono nelle aree boschive da generazioni e vedono il paesaggio come parte della loro comunità. Alcuni credono anche che i loro antenati facciano parte della foresta. Proteggere la natura, quindi, non è solo questione di ecologia e biodiversità, afferma Menton, ma anche di preservare vite, storia e cultura.

Gli indigeni ottengono questo risultato attraverso una varietà di mezzi che si riassumono in gran parte nel rispetto e nella consapevolezza dell’effetto che loro hanno sulla foresta, dice Menton. I Bribri, ad esempio, dividono la loro terra in aree familiari e comunitarie, ognuna delle quali ha regole interne progettate per promuovere la sostenibilità. Ad esempio, i membri della comunità possono tagliare tutte le foglie che vogliono dalle palme suita locali – utilizzate per fare di tutto, dalle case alle scope – purché lascino almeno cinque foglie su ogni pianta in modo che possa produrre altre foglie.

Molti indigeni inoltre non considerano la foresta come un mezzo o impedimento per diventare ricchi. Romero, dal canto suo, pensa che l’iper-globalizzazione e il consumismo siano al centro di molti mali del mondo. “Dobbiamo ripensare il modello di sviluppo basato sull’accumulo di ricchezza mentre si distruggono le risorse”, ha detto Romero. “Vedo un modello economico predatorio delle risorse e della natura, che causa una mancanza di equilibrio nel mondo”.

 

Molti gruppi indigeni vivono nelle aree da generazioni e vedono il paesaggio come parte della storia e del futuro della loro comunità (Credit: APU Gomes / Getty Images)

 

Tuttavia, le aziende, i governi e gli individui orientati al profitto spesso vedono gli indigeni come un ostacolo alla crescita economica. In tutto il mondo, i diritti delle terre indigene sono attaccati dall’agricoltura, dalle miniere e da altre industrie estrattive. Tra il 2002 e il 2017, Menton ha scoperto che oltre 1.500 difensori ambientali sono stati assassinati in 50 paesi e che le popolazioni indigene sono morte in numero maggiore rispetto a qualsiasi altro gruppo della lista. Nel 2015 e nel 2016, ad esempio, gli indigeni rappresentavano il 40% di tutti i difensori ambientali assassinati. Un rapporto pubblicato nell’aprile 2020 dalla Pastoral Land Commission, un’organizzazione senza fini di lucro in Brasile, ha rivelato anche che un terzo di tutte le famiglie che hanno affrontato conflitti riguardo alla terra nelle zone rurali del Brasile nel 2019 erano indigene.

Menton aggiunge che gli indigeni affrontano ulteriori minacce a causa del razzismo e della “percezione che sono cittadini di seconda classe”. Spesso, questo è un problema promosso dall’alto verso il basso. Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, ha recentemente affermato, ad esempio, che “gli indiani si stanno evolvendo” per diventare “sempre più umani, come noi”. Gli indigeni, in altre parole, “stanno affrontando minacce sia in termini di conflitti fisici reali sulla terra, ma anche minacce culturali e attacchi al loro diritto di esistere”, ha detto Menton.

Gli attacchi ai diritti degli indigeni non sono solo attacchi alle singole culture, afferma Romero, ma alla salute del pianeta nel suo insieme. “Quando abbiamo diritti sulle nostre foreste e sulle nostre terre, ciò significa sopravvivenza per noi, per le nostre famiglie”, ha detto. “Ma significa anche che abbiamo una migliore probabilità di evitare le pandemie.”

 

I Bribri sono attualmente in lockdown, con i loro sforzi di turismo culturale ed ecologico in sospeso (Credit: Joel Redman / If Not Us Then Who?)

 

I Bribri, come gran parte del mondo, sono ora in lockdown. “Il ritmo delle nostre vite è stato accorciato”, ha detto. Le visite agli anziani non sono più consentite, le vendite di prodotti al mercato nazionale sono diminuite di circa il 90% e anche gli sforzi del gruppo per un turismo culturale ed ecologico – incluse escursioni guidate in montagna e lungo i fiumi, tour gastronomici tradizionali e soggiorni in case nei ranch di famiglia – si sono fermati. “Potrei andare avanti all’infinito. Sono molti gli impatti”, dice Romero.

Una volta che il mondo riemergerà dal Covid-19, Romero spera che ci sarà un lato positivo per tutta la sofferenza, le perdite e le difficoltà che ha causato. Spera che le persone saranno più ricettive al sapere che lui e altri leader indigeni hanno da offrire e che l’umanità inizierà a riesaminare il suo rapporto con la natura.

“Penso che abbiamo ancora molta strada da fare, ma dopo il coronavirus, ho fiducia che si aprirà un po’ di spazio con i governi”, dice Romero. “Dopo questa pandemia, i governi dovrebbero ascoltare di più”.

 

Traduzione: Simonetta Lambertini – invictapalestina.org

Le comunità indigene che hanno predetto il Covid-19

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.