Le deportazione dello Shin Bet non guardano in faccia a nessuno…nemmeno ad un famoso clown

 di Barak Ravid

Funzionari della sicurezza dell’aeroporto Ben Gurion trattengono Ivan Prado per sei ore, accusando l’artista spagnolo di legami con gruppi terroristici palestinesi.

Verso la fine del mese scorso, Ivan Prado, il più famoso clown di Spagna, non si aspettava di essere cacciato in un volo di ritorno per Madrid poco dopo il suo arrivo all’Aeroporto Internazionale Ben Gurion, dopo aver trascorso sei ore con funzionari del servizio di sicurezza dello Shin Bet e del Ministero degli Interni. I funzionari hanno accusato Prado di avere dei legami con organizzazioni terroristiche palestinesi.

Nel frattempo, funzionari del Ministero degli Esteri affermano che l’incidente ha causato danni gravi all’immagine di Israele in Spagna.

Prado, direttore del Festival Internazionale di Clown in Galizia, il 26 aprile scorso era arrivato all’Aeroporto Ben Gurion con una persona di nazionalità spagnola di origine araba. Avevano in progetto di recarsi a Ramallah per aiutare ad organizzare un festival dello stesso tipo, ma al controllo del passaporto Prado era stato preso da parte da un funzionario dello Shin Bet che gli aveva chiesto informazioni sul suo progetto di visitare la West Bank e sui suoi collegamenti con le varie organizzazioni palestinesi. Lui e la sua accompagnatrice vennero trattenuti per sei ore, durante le quali furono interrogati ripetutamente e i loro passaporti confiscati.

Dopo che un funzionario del Ministero degli Interni li ebbe informati che non avrebbero concesso loro il permesso di ingresso in Israele, furono rispediti entrambi in Spagna.

Dopo essere ritornato a Madrid, Prado ha lanciato una campagna mediatica per denunciare Israele, paragonando la situazione dei palestinesi nella West Bank a quella degli ebrei in Polonia.

L’incidente ha innescato tensione tra l’Ambasciata israeliana a Madrid e il Ministero degli Esteri a Gerusalemme, determinata dalle domande poste dai giornalisti spagnoli all’ambasciata e alimentata dalla rabbia dei diplomatici di fronte alle giustificazioni del Ministero degli Esteri secondo le quali, all’aeroporto, Prado era stato espulso “per motivi di sicurezza”.

Lo Shin Bet ha inviato ad Ha’aretz una dichiarazione priva di particolari importanti sulle motivazioni che stanno dietro alla decisione. “ Abbiamo raccomandato al Ministero degli Interni di impedire il suo ingresso in Israele dopo che i risultati del controllo di sicurezza avevano generato dei sospetti su di lui”, era detto nella dichiarazione. “L’uomo si è rifiutato di fornire informazioni complete al personale di sicurezza, specialmente per ciò che riguarda i suoi collegamenti con organizzazioni terroristiche palestinesi.”

Contrassegnato con i tag:

Articoli Correlati

2 Commenti

  1. Faccio parte di un gruppo di volontari “La Banda de Sorriso” clown dottori ” di Chianciano Terme con il un progetto Terre di Toscana strumenti per la Pace e stiamo facendo dal Novembre 2007 lezione teorico pratiche di clown-terapy e teatro di improvvisazione ,affiancati da clown professionisti Italiani ,al Caritas Baby Hospital di Betlemme. Ora ad Agosto e Novembra 2010 termina la prima fase trennale del progetto ogni qualvolta che atterriamo Ben Gurion per noi è panico tra interviste “bugie” chiaramente del perchè noi portiamo centinaia di nasi rossi ,bolle di sapone palloncini e più ne ha più ne metta perchè non ci fermiamo a fare lezione in ospedale ma appena possibile facciamo piccoli spettacoli di intrattenimento nei campi profughi case di riposo ecc. ecc..La nostra arma è un naso rosso e tanto amore ,armi che possono far male contro l’indifferenza l’ottusità e la violenza.Noi facciamo di tutto per divulgare sensibilizzare lo stato di povertà mentale che vige in “TERRA SANTA” denunciare lo stato di abbandono delle grandi potenze che forse per comodo fanno come si suol dire “le orecchie da mercante” Ciao Dottor Arcobaleno

  2. ciao,
    mi farebbe piacere poter conoscere quanto fate,avevo già sentito di questo vostro progetto da suor donatella lessio .
    un giorno le dissi:
    fammi lavorare e riuscirò a comperarti una AMBULANCLAUN( gia vista e gia fatto preventivo..).
    e voglio vedere se hanno il coraggio di non farci passare al cekpoint……
    noi tutti gli anni scendiamo a ottobre e se possiamo fare qualcosa siamo qui…
    fatemii sapere e inviatemi anche i vostri progetti

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam