LE FORZE ISRAELIANE DEMOLISCONO IL VILLAGGIO DI AL-ARAQIB PER LA 156a VOLTA

0

https://imemc.org/
29 agosto 2019 

Giovedì le autorità israeliane hanno demolito il villaggio di al-Araqib, un villaggio beduino palestinese non riconosciuto nel Negev, e hanno minacciato i suoi residenti di sfollamento ed evacuazione, per la 156a volta.

Testimoni oculari hanno riferito ai giornalisti della Wafa News Agency che la polizia israeliana ha smantellato le tende del popolo di al-Araqib, le ha strappate e le ha trascinate  lontano dal villaggio.

Hanno quindi sequestrato gli effetti personali dei residenti, tra cui sedie, letti, lampade, tavoli e altri beni per la casa.

Le forze israeliane hanno poi circondato il cimitero del villaggio e hanno preso le misure in preparazione per la demolizione.

Per molti anni, i residenti di al-Araqib sono rimasti fermi e hanno rifiutato il trasferimento forzato da parte del governo israeliano.

Le autorità israeliane continuano a punire Al-Araqib e demoliscono ripetutamente il villaggio nel tentativo di costringere gli abitanti a emigrare.

Negli ultimi mesi le autorità israeliane hanno anche intensificato i loro rapimenti di beduini palestinesi che si sono opposti alle demolizioni, in particolare lo sceicco Sayyah Al-Turi, che è stato espulso dal villaggio dopo aver scontato una pena detentiva in Israele.

Inoltre, un tribunale israeliano ha imposto una multa di 1.600.000 NIS (circa $ 453.000 USD) pochi giorni fa ai residenti del villaggio per il costo di demolizione ed evacuazione del villaggio – una somma che fa ridere vista l’estrema povertà dei residenti del villaggio.

L’affermazione della corte israeliana è che i beduini stanno “sconfinando in terre di proprietà statale” – un’altra affermazione ridicola, poiché i beduini vivono in questa terra da prima della creazione di Israele nel 1948.

Circa 240.000 arabi palestinesi vivono nel deserto del Negev, metà dei quali vive in villaggi e comunità residenziali, alcuni dei quali sono presenti da centinaia di anni. Israele non riconosce la proprietà della terra e rifiuta di fornirgli servizi di base come l’acqua e l’elettricità.

Gli abitanti del villaggio hanno detto che insistono per rimanere nel loro villaggio, aggiungendo che continueranno a ricostruire il loro villaggio.

Le continue demolizioni di al-Araqib sono condotte nel tentativo di costringere la popolazione beduina a trasferirsi, nelle zone volute del governo.

Come gli altri 34 villaggi beduini “non riconosciuti” da Israele, al-Araqib non riceve alcun servizio dal governo israeliano ed è costantemente sottoposto a minacce di espulsione e demolizione di case.

Questi villaggi “non riconosciuti” furono stabiliti nel Negev subito dopo la guerra arabo-israeliana del 1948, in seguito alla creazione dello stato di Israele, quando circa 750.000 palestinesi furono espulsi con la forza dalle loro case e divennero rifugiati.

Molti beduini furono trasferiti con la forza nei siti dei villaggi durante il periodo di 17 anni in cui i palestinesi all’interno di Israele erano governati dalla legge militare israeliana, periodo che si concluse poco prima della presa militare israeliana di Gaza e della Cisgiordania, compresa Gerusalemme Est, nel 1967.

 

 

Le forze israeliane demoliscono il villaggio di al-Araqib per la 156a volta

Le forze israeliane demoliscono il villaggio di al-Araqib per la 156a volta

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.