LE FORZE ISRAELIANE SPARANO E UCCIDONO UN RAGAZZO PALESTINESE DI 17 ANNI A NABI SALEH

520

tratto da: https://www.dci-palestine.org/israeli_forces_shoot_and_kill_17_year_old_palestinian_boy_in_nabi_saleh

Le forze israeliane hanno sparato e ucciso Mohammad Munir Mohammad Tamimi, 17 anni, nel villaggio di Nabi Saleh, in Cisgiordania occupato, il 23 luglio 2021. (Foto per gentile concessione della famiglia Tamimi)

 

Ramallah, 24 luglio 2021— Le forze israeliane hanno sparato e ucciso ieri un ragazzo palestinese di 17 anni nella Cisgiordania centrale occupata.

Mohammad Munir Mohammad Tamimi, 17 anni, è stato colpito con proiettili alla schiena intorno alle 17:30 di ieri nel villaggio di Nabi Saleh, situato a nord-ovest di Ramallah, nella Cisgiordania occupata. Secondo le informazioni raccolte da Defense for Children International – Palestine, il proiettile è entrato nella sua schiena ed è uscito attraverso il suo addome, strappando un grande foro ed esponendo il suo intestino. Mohammad è stato portato con un’auto privata all’ospedale di Salfit dove è stato operato per quattro ore. È stato stabilizzato e trasferito nell’unità di terapia intensiva, ma in seguito ha ceduto alle ferite ed è stato dichiarato morto intorno a mezzanotte.

Le forze israeliane sono entrate a Nabi Saleh intorno alle 17:00 del 23 luglio dalla zona orientale del villaggio e hanno attraversato la città. Quando hanno incontrato i residenti palestinesi, si sono verificati scontri con le forze israeliane che sparavano gas lacrimogeni, granate stordenti e munizioni contro i giovani palestinesi che lanciavano pietre. Un soldato israeliano all’interno di un veicolo militare ha sparato a Mohammad alla schiena mentre si trovava a un massimo di tre metri (10 piedi) di distanza da dove erano schierate le forze israeliane, secondo le informazioni raccolte dal DCIP.

“Le forze israeliane uccidono regolarmente illegalmente i bambini palestinesi impunemente, ricorrendo alla forza intenzionale letale in circostanze non giustificate dal diritto internazionale”, ha affermato Ayed Abu Eqtaish, direttore del programma di responsabilità presso il DCIP. “L’uso eccessivo della forza è la norma e l’impunità sistemica garantisce che i bambini palestinesi che vivono sotto l’occupazione israeliana possano essere uccisi in qualsiasi momento senza ricorso o responsabilità”.

Mohammad ha cercato di entrare in una casa vicina dopo che gli hanno sparato, ma è crollato sulle scale sotto gli occhi delle forze israeliane. I residenti palestinesi hanno lanciato pietre contro il veicolo militare finché non ha lasciato l’area e sono stati in grado di raggiungere Mohammad. A causa di un posto di blocco militare israeliano che bloccava la strada che porta a Ramallah, Mohammad è stato portato con un’auto privata in un ospedale gestito dal governo a Salfit.

Secondo il diritto internazionale, la forza letale intenzionale è giustificata solo in circostanze in cui è presente una minaccia diretta alla vita o a lesioni gravi. Tuttavia, le indagini e le prove raccolte dal DCIP suggeriscono regolarmente che le forze israeliane usano la forza letale contro i bambini palestinesi in circostanze che possono equivalere a uccisioni extragiudiziali o intenzionali.

Mohammad è il decimo bambino palestinese colpito e ucciso dalle forze israeliane nella Cisgiordania occupata dall’inizio del 2021. A giugno, le forze israeliane hanno ucciso due adolescenti palestinesi del villaggio di Beita, nella Cisgiordania occupata, situato a sud-est di Nablus. Le forze israeliane hanno sparato e ucciso alla testa il quindicenne Ahmad Bani-Shamsa con proiettili veri intorno alle 17:30 del 16 giugno a Beita, secondo quanto riferito dal DCIP. Ahmad non ha rappresentato alcuna minaccia per le forze israeliane nel momento in cui è stato colpito. L’11 giugno, le forze israeliane hanno sparato e ucciso al petto il sedicenne Mohammad Hamayel con proiettili veri intorno alle 16:30 durante una protesta, ha riferito il DCIP.

I residenti palestinesi di Nabi Saleh hanno attirato l’attenzione internazionale per le proteste settimanali iniziate nel 2009 dopo che i coloni israeliani di Halamish, un insediamento israeliano illegale solo ebraico nelle vicinanze, hanno preso il controllo di una vicina sorgente d’acqua. La sorgente è situata su un terreno di proprietà privata appartenente ai residenti palestinesi di Nabi Saleh, a cui ora i coloni israeliani e l’esercito israeliano impediscono di lavorare la terra circostante.

Gli insediamenti israeliani nella Cisgiordania occupata, compresa Gerusalemme Est, sono illegali secondo il diritto internazionale. La politica israeliana di insediare i propri civili nei territori occupati è una grave violazione del diritto internazionale umanitario e costituisce un crimine di guerra ai sensi dello Statuto di Roma della Corte penale internazionale.

 

https://www.dci-palestine.org/israeli_forces_shoot_and_kill_17_year_old_palestinian_boy_in_nabi_saleh

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.