Le molestie dei coloni continuano contro il progetto del serbatoio d’ acqua di Asira

GLI ABITANTI DEL VILLAGGIO PALESTINESE DI ASIRA CERCANO DI COSTRUIRE UN SERBATOIO D’ACQUA, DOPO CHE L’OCCUPAZIONE ISRAELIANA HA LORO IMPEDITO L’ACCESSO ALLA SORGENTE NATURALE. MA AI COLONI EBREI, QUESTO NON PIACE AFFATTO.

 immagine1

Le molestie dei coloni continuano contro il progetto del serbatoio d’ acqua di Asira

Inviato il: 4 Agosto 2013 |

4 ago 2013 | International Solidarity Movement, Nablus Team | Asira al Qibliya, Palestina occupata

Questa settimana, i coloni di Yitzhar hanno attaccato il progetto idrico del villaggio di Asira e i suoi lavoratori, ancora una volta. Le forze di occupazione israeliane sono giunte sulla scena non per fermare i coloni , ma invece hanno occupato il tetto di una casa palestinese situata nelle vicinanze.

Il 31 luglio coloni dell’insediamento illegale di Yitzhar hanno attaccato i lavoratori del progetto per il serbatoio di acqua sopra il villaggio di Asira. L’esercito israeliano è giunto per intervenire e poi, al fine di “controllare”, ha invaso la casa più vicina al progetto idrico appartenente ad una famiglia con bambini piccoli. L’esercito poi ha stazionato sul tetto del progetto di acqua per il resto della giornata.

Il progetto di serbatoio d’acqua è volto a fornire ai residenti di Asira l’ acqua corrente. Attacchi contro il progetto stanno accadendo tutti i giorni in cui ci sono lavoratori presenti, negli ultimi mesi. I coloni sconfinano nella terra del villaggio di Asira e attaccano i lavoratori, e spesso fanno “manifestazioni” contro il progetto di acqua che non alteri la composizione in alcun modo.

Asira al Qibliya, antico borgo con attuale popolazione di 3.500 abitanti, e gli altri villaggi che circondano l’insediamento illegale di Yitzhar, affrontano la violenza quotidiana dai suoi coloni.

A metà degli anni 1980, la colonia illegale di Yitzhar è stata stabilita sulla collina che sovrasta sei villaggi palestinesi. Prima della colonia, la zona collinare era il granaio della gente del posto, soprattutto grazie alle sue generose risorse idriche. La vicina sorgente naturale era la principale fonte d’acqua di Asira , ma la colonia illegale, sostenuta dal governo israeliano e dall’esercito, ha completamente bloccato l’accesso palestinese alla fonte. Da allora, gli abitanti sono costretti a fare affidamento su serbatoi d’acqua; un serbatoio costa NIS 130 (US $ 36) in un luogo dove la disoccupazione è alta, ma è sufficiente per una famiglia solo per una settimana. I residenti di Asira sperano che, quando il progetto sarà completato, di avere accesso all’acqua.

I residenti della colonia israeliana illegale di Yitzhar sono considerati tra i più violenti nella Palestina occupata,  fisicamente attaccano gli abitanti dei villaggi palestinesi (spesso bambini), bruciano le loro terre e proprietà , distruggono case, e tagliano o bruciano gli alberi di ulivo, e altre fonti vitali di sostentamento.

https://www.facebook.com/IlPopoloCheNonEsiste
…………………………………………………………………

 

ARTICOLO ORIGINALE

http://palsolidarity.org/2013/08/settler-harassment-continues-in-asiras-water-reservoir-project/

 

Settler harassment continues in Asira’s Water reservoir project

Posted on: August 4, 2013 |
4th August 2013 | International Solidarity Movement, Nablus Team | Asira al Qibliya , Occupied Palestine

This week, settlers from Yitzhar attacked the Asira village water project and its workers, once again. Israeli occupation forces who went to the scene did not to stop the settlers and instead occupied the roof of a Palestinian house located nearby.

On July 31st settlers from the illegal settlement of Yitzhar attacked workers at the water reservoir project above the village of Asira. The Israeli army came to intervene and then in order to “check” invaded the house closest to the water project belonging to a family with small children. The army then stationed themselves on the roof of the water project for the remainder of the day.

The water reservoir project is aimed at providing residents from Asira with running water. Attacks on the project have been happening every day that there are workers present in the last months. Settlers trespass on to Asira village land and attack the workers often making “demonstrations” against the water project which will not affect the settlement in any way.

Asira al Qibliya, an ancient village with the current population of 3,500, and the other villages which surround the illegal settlement of Yitzhar face daily violence from its settlers.

In mid-1980s, the illegal settler colony of Yitzhar was established on the hilltop located around six Palestinian villages. Before the colony, the hilltop area was the locals’ breadbasket, thanks largely to its generous water resources. The nearby natural spring used to be Asira’s main source of water but the illegal settler colony, backed up by the Israeli government and the army, has completely blocked Palestinian access to the spring. Since then, villagers are forced to rely on water tanks; one such tank costs NIS 130 (US $36) in a place where unemployment is high; it is enough for a family for only a week. residents of Asira hope that when the project is completed, they will have access to water.

Residents of the illegal Israeli settler colony of Yitzhar are considered to be among the most violent in occupied Palestine; they physically attack Palestinian villagers (often children), set their land and property on fire, destroy houses, and cut or burn olive trees together with other vital sources of livelihood.

Updated on August 4, 2013
Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam