L’energia solare potrebbe risolvere la crisi dell’elettricità a Gaza?

0

Palestinian schoolgirls do their homework by candlelight at their home in Rafah refugee camp, in the southern Gaza Strip, on February 15, 2018. The Gaza power plant stopped working due to lack of fuel. Photo by Abed Rahim Khatib/ Flash90 *** Local Caption ***

La Striscia di Gaza ha sofferto per anni di una grave crisi elettrica. Ora l’energia solare è in aumento come alternativa più affidabile, quella che potrebbe  permettere agli abitanti di Gaza di essere meno dipendenti da Israele..

Ibrahim Abdelhadi – 21 settembre 2018

Foto di copertina: bambini palestinesi fanno i compiti a lume di candela nella loro casa nel campo profughi di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 15 febbraio 2018. (Abed Rahim Khatib / Flash90)

Due anni fa, quando lungo la costa di Gaza le luci si spensero, la famiglia Hindi accese alcune candele. Ciò che seguì fu una tragedia: la loro casa prese fuoco e tre dei loro bambini morirono. Sfortunatamente, questi incidenti non sono rari a Gaza.

La Striscia di Gaza, che ospita 2 milioni di Palestinesi, soffre da anni di una grave crisi elettrica e i Gazawi si sono abituati a una media di quattro ore di elettricità al giorno. Una nuova iniziativa mira a sfruttare l’energia del sole per superare questa crisi e ridurre la dipendenza di Gaza da Israele.

Khalid Nasman, 45 anni, ingegnere elettronico di Gaza City, si è incaricato di installare una rete solare sui tetti del suo quartiere, dove 15 tra case e aziende hanno concordato di raccogliere 37.000 dollari per acquistare collettivamente una serie di pannelli solari. “Il costo dei pannelli solari è relativamente basso rispetto all’energia fossile convenzionale, come il gas naturale e i carburanti diesel, che oltretutto fluttuano nel prezzo. Il loro mantenimento è diventato anche economicamente e praticamente inutile, date le frequenti chiusure dei valichi  “, ha detto Nasman.

Le celle solari sono una fonte di speranza, ha aggiunto – possono fornire elettricità ininterrottamente  per 24 ore  e compensare la carenza che il quartiere subisce durante le interruzioni. L’energia solare ha permesso ai residenti di utilizzare vari elettrodomestici, come i ventilatori, che sono stati particolarmente utili durante le ondate di caldo estive.

Secondo Nasman, i progetti di energia rinnovabile nella Striscia di Gaza sono in costante espansione. Le organizzazioni internazionali sponsorizzano sempre più progetti di sviluppo che forniscono  impianti solari di desalinizzazione e depurazione  dell’acqua a centinaia di case, centri sanitari, scuole. Diverse istituti di prestito stanno concedendo  prestiti”green” , progettati per incoraggiare le persone a migliorare le loro abitazioni e le loro attività.

Lavoratori palestinesi cercano di riparare un trasformatore che si è rotto durante un’impennata di potenza, seguita a un prolungato blackout nella città di Rafah, nel sud della Striscia di Gaza, il 3 luglio 2010. (Abed Rahim Khatib / Flash 90)

Il deficit cronico di elettricità a Gaza si intensificò dopo che Hamas  vinse le elezioni  nel 2006. In quell’estate, quando i militanti di Hamas catturarono il soldato israeliano Gilad Schalit (rilasciato con uno scambio di prigionieri nel 2011), Israele bombardò l’unica centrale elettrica che forniva il 43% dell’elettricità a Gaza. Ora, la Striscia ha bisogno di circa 500 megawatt al giorno, ma ne produce solo un terzo da tre fonti diverse. La centrale elettrica di Gaza produce circa 23 megawatt, 120 megawatt vengono importati da Israele e l’Autorità palestinese acquista circa 30 megawatt dall’Egitto.

All’inizio di quest’anno, l’Ufficio delle Nazioni Unite per il Coordinamento degli Affari Umanitari (OCHA) nei territori palestinesi occupati ha avvertito che la Striscia di Gaza è “sull’orlo del disastro” a causa della mancanza di elettricità e di carburante. A giugno, l’unica compagnia elettrica di Gaza ha annunciato un’ulteriore riduzione della fornitura elettrica dell’enclave, dopo che la sua sola centrale elettrica ha smesso di funzionare.

“L’energia rinnovabile è pulita e non genera emissioni nocive. Soprattutto, non consente agli Israeliani di controllarla, quindi è possibile farvi affidamento per fornire elettricità alle case e alle varie strutture e scuole a Gaza e in Cisgiordania, soprattutto alla luce dei bassi costi operativi rispetto all’energia convenzionale “, ha dichiarato Ayman Ismail, direttore del Centro di ricerca Palestinese per l’Energia e l’Ambiente (PEC) a Ramallah.

Solo nel 2017, l’Autorità palestinese ha collegato 82 scuole alla rete solare, ha aggiunto Ismail. Il Fondo di investimento dell’Autorità Palestinese prevede di costruire rete solari sui tetti di 500 scuole pubbliche e di vendere l’eccedenza alle società di distribuzione elettrica palestinesi come investimento. Secondo Ismail, entro il 2030  l’Autorità intende anche fornire energia rinnovabile  al 10 percento delle case in Cisgiordania.

L’ingegnere Fadi Bkirat, uno dei fondatori della Federazione Palestinese delle Industrie di Energia Rinnovabile (FREI), ha detto che la carenza delle fonti tradizionali di energia elettrica nella Cisgiordania e nella Striscia di Gaza ha fornito la motivazione per  utilizzare fonti alternative per la produzione di elettricità, compresa l’energia solare . “Questo riduce anche la bolletta elettrica che la Palestine Electric Company paga a Israele, bolletta che potrebbe ammontare a miliardi di dollari all’anno”, ha aggiunto.

Un camion palestinese carico di rifornimenti è entra nella parte meridionale della Striscia di Gaza da Israele, attraverso  il valico  di Kerem Shalom a Rafah, il 1 ° novembre 2017. (Abed Rahim Khatib / Flash90)

Per attrarre investitori, in Palestina le attrezzature e gli apparecchi per le energie rinnovabili sono esenti al 100% dai dazi doganali e dall’imposta sul valore aggiunto. Tuttavia, a causa delle condizioni di vita  e di commercio sotto occupazione militare, gli investitori sono riluttanti a sostenere l’energia solare, dice Bkirat.

Mentre le energie rinnovabili offrono ai Palestinesi un certo grado di indipendenza,  per ottenere l’attrezzatura necessaria occorre  ancora dipendere da Israele . Le celle solari e gli apparecchi a energia rinnovabile vengono importati e entrano a Gaza attraverso il valico di Kerem Shalom, controllato da Israele e unico punto di passaggio per l’importazione e l’esportazione dei beni commerciali.

Israele ritirò le sue truppe e gli insediamenti da Gaza nel 2005, ma l’IDF impose subito un blocco nell’enclave costiera. L’esercito israeliano ora controlla i confini terrestri e marittimi della Striscia, determina chi e cosa può entrare ed uscire e può decidere arbitrariamente se e quando aprire il valico. Pertanto ,la politica israeliana stabilisce in quanto tempo un progetto di energia rinnovabile può essere portato a termine e se le attrezzature possano raggiungere o meno i Territori Occupati.

Secondo l’esperto di economia Moeen Rajab, gli investimenti nell’elettricità rinnovabile potrebbero creare centinaia di posti di lavoro nella Striscia di Gaza e in Cisgiordania, posti che potrebbero contribuire a ridurre i crescenti tassi di disoccupazione nella società palestinese. Questi investimenti potrebbero contribuire al PIL della Palestina: l’energia è un fattore chiave della crescita economica in qualsiasi Paese e, se adeguatamente investita in una parte significativa dei processi produttivi, “potrebbe offrire opportunità di investimento a lungo termine nel settore energetico. ”

Ibrahim Abdelhadi è un giornalista indipendente palestinese di Gaza City che si occupa di questioni umanitarie e sociali. Ha conseguito una laurea in giornalismo e media presso l’Università Al-Aqsa.

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” Invictapalestina.org

Fonte: https://972mag.com/solar-energy-gaza-electricity-crisis/137854/

 

L’energia solare potrebbe risolvere la crisi dell’elettricità a Gaza?

L’energia solare potrebbe risolvere la crisi dell’elettricità a Gaza?

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.