L’ESERCITO SIRIANO AVEVA FINALMENTE PERMESSO AD UN CONVOGLIO DI AIUTI UMANITARI DELL’UNRWA….

mercoledì 15 gennaio 2014

immagine1

L’ESERCITO SIRIANO AVEVA FINALMENTE PERMESSO AD UN CONVOGLIO DI AIUTI UMANITARI DELL’UNRWA DI RAGGIUNGERE IL CAMPO DEI PROFUGHI PALESTINESI DI YARMOUK, SOTTO UN MICIDIALE ASSEDIO DA MESI. MA E’ DOVUTO TORNARE INDIETRO, SOTTO I TIRI DI FUOCO DEI GRUPPI DI RIBELLI ALL’INTERNO DEL CAMPO. 

Tra gli spari, il convoglio di aiuti torna dal campo di Yarmouk assediato della Siria

Inviato da Ali Abunimah il Mar, 2014/01/14 – 22:37

Il 13 gennaio, un altro tentativo è stato fatto per portare un convoglio di aiuti umanitari nel campo profughi assediato di Yarmouk a Damasco, dove circa 20.000 persone sono intrappolate, tra cui donne e bambini.

Il convoglio era dell’ UNRWA , l’agenzia Onu per i profughi palestinesi, che serve oltre mezzo milione di profughi palestinesi in Siria, anche se circa 70.000 di loro sono fuggiti dai combattimenti in Libano , Giordania e altrove.

Tra i rapporti di diffusa malnutrizione in Yarmouk , delle donne che muoiono durante il parto a causa della scarsità di cure mediche, e dei bambini che mangiano mangimi per sopravvivere, questo è ciò che è accaduto al convoglio UNRWA.

Questo racconto è stato fornito da Chris Gunness , portavoce di UNRWA, ed è riprodotto testualmente:

“Il convoglio di soccorso che ha cercato di entrare in Yarmouk era un convoglio UNRWA guidato da personale UNRWA e portava aiuti umanitari caricati dal magazzino centrale dell’UNRWA a Damasco – sei piccoli camion con il cibo per 6.000 persone con 10.000 dosi di vaccino antipolio e alcune forniture mediche.

Le autorità siriane ci hanno fornito una scorta di sicurezza che ci permette di raggiungere un ultimo checkpoint controllato dal governo all’ingresso sud di Yarmouk.

Il convoglio è stato autorizzato a procedere al di là del checkpoint e le autorità siriane hanno fornito un bulldozer per andare avanti per liberare la strada dai detriti, da cumuli di terra e altri ostacoli.

Il bulldozer è stato preso di mira, colpito da armi da fuoco diretto e costretto a ritirarsi, ma senza vittime. Successivamente, raffiche di mitra, tra cui mitragliatrici, sono scoppiate vicino al camion e ai veicoli dell’UNRWA, suggerendo uno scontro a fuoco.

Inoltre, un mortaio è esploso molto vicino al convoglio. Il convoglio si è ritirato, a questo punto seguendo i consigli della scorta di sicurezza ed è tornato tranquillamente a Damasco.

In nessun momento era mai stato sparato a un convoglio dell’ Unrwa . Nessuna persona o veicolo del convoglio è stato colpito e nessuno è rimasto ferito.

Quando le autorità siriane hanno daro all’ UNRWA il permesso di procedere a fornire assistenza a Yarmouk, hanno richiesto all’UNRWA di utilizzare l’ingresso meridionale di Yarmouk. Questo significava che il convoglio ha dovuto guidare per circa 20 chilometri attraverso una zona di conflitto armato intenso e frequente, in cui numerosi gruppi di opposizione armata, tra cui alcuni dei gruppi jihadisti più estremi, hanno una presenza forte e attiva.

Citando problemi di sicurezza, le autorità siriane non hanno dato all’UNRWA il permesso di utilizzare l’ingresso nord di Yarmouk, che è sotto il controllo del governo, e che è generalmente considerato più probabile che sia accessibile con relativamente meno rischi.

Si tratta di una battuta d’arresto estremamente deludente per i residenti di Yarmouk che continuano a vivere in condizioni di inumana crudeltà.

L’UNRWA rimane imperterrito per questo fallimento frustrante e sta già premendo sulle autorità siriane per sostenere un ulteriore tentativo di fornire assistenza umanitaria a Yarmouk.

Yarmouk è solo uno di una serie di campi profughi palestinesi che sopportano vari gradi di condizioni estremamente dure.

 

Tratto da:  Il Popolo Che Non Esiste

……………………………………………………………………………………………

ARTICOLO ORIGINALE

http://electronicintifada.net/blogs/ali-abunimah/amid-gunfire-relief-convoy-turns-back-syrias-besieged-yarmouk-camp

Amid gunfire, relief convoy turns back from Syria’s besieged Yarmouk camp

Submitted by Ali Abunimah on Tue, 01/14/2014 – 22:37

Palestinian protesters take part in a protest in solidarity with the Palestinian Yarmouk refugee camp in Syria

Palestinians in the occupied West Bank city of Ramallah take part in a solidarity rally with Palestinians in Yarmouk refugee camp in Syria, on 14 January 2014. (Issam Rimawi / APA images)

On 13 January, another attempt was made to take a humanitarian aid convoy into the besieged refugee camp of Yarmouk in Damascus, where about 20,000 people are trapped, including women and children.

The convoy was from UNRWA, the UN agency for Palestine refugees, which serves over half a million Palestinian refugees in Syria, although about 70,000 of them have fled the fighting into Lebanon, Jordan and elsewhere.

Amid reports of widespread malnutrition in Yarmouk, of women dying during childbirthbecause of shortages of medical care, and of children eating animal feed to survive, this is what happened to the UNRWA convoy.

This account was provided by Chris Gunness, spokesperson for UNRWA, and is reproduced verbatim:

The relief convoy which tried to get in to Yarmouk was an UNRWA convoy led by UNRWA staff and carrying humanitarian supplies loaded from UNRWA’s central warehouse in Damascus – six small trucks with food for 6,000 people along with 10,000 doses of polio vaccine and some medical supplies.

Syrian authorities provided us with a security escort enabling us to reach a last government-controlled checkpoint at the southern entrance of Yarmouk.

The convoy was cleared to proceed beyond the checkpoint and the Syrian authorities provided a bulldozer to go ahead to clear the road of debris, earth mounds and other obstructions.

The bulldozer was fired upon, hit by direct gunfire and forced to withdraw, though with no casualties. Thereafter, bursts of gunfire, including machine-gun fire, erupted close to the trucks and UNRWA vehicles, suggesting a firefight.

Also, one mortar exploded very close to the convoy. The convoy withdrew at this point following the advice of the security escort and returned safely to Damascus.

At no time was the UNRWA convoy fired upon. No person or convoy vehicle was hit and no one was injured.

When Syrian authorities gave UNRWA clearance to proceed to deliver assistance to Yarmouk, they required UNRWA to use the southern entrance to Yarmouk. This meant the convoy had to drive some 20 kilometres through an area of intense and frequent armed conflict, in which numerous armed opposition groups, including some of the most extreme jihadist groups, have a strong and active presence.

Citing security concerns, Syrian authorities did not give UNRWA permission to use the northern entrance to Yarmouk which is under government control, and which is generally regarded as more likely to be accessible with relatively less risk.

This is an extremely disappointing setback for the residents of Yarmouk who continue to live in inhumanely wretched conditions.

UNRWA remains undaunted by this frustrating failure and is already pressing Syrian authorities to support a further attempt to deliver humanitarian assistance to Yarmouk.

Yarmouk is only one of a number of Palestine refugee camps which endure various degrees of extremely harsh conditions

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam