L’espansione della colonia israeliana di Karmel impedisce agli abitanti di Umm Al Kheer di accedere alla propria terra

Domenica 09 Giugno 2013 19:32

 immagine1

Comunicato Stampa

L’espansione della colonia israeliana di Karmel impedisce agli abitanti del villaggio beduino
di Umm Al Kheer di accedere alla propria terra, Colline a Sud di Hebron

At-Tuwani – Sabato 8 giugno un anziano palestinese del villaggio beduino di Umm Al Kheer, Suleiman Aid Yamin Hadlin, è stato detenuto per più di tre ore dall’esercito israeliano mentre affermava il diritto di accedere alla propria terra. Negli ultimi due giorni i soldati hanno vietato ai palestinesi di Umm Al Kheer di accedere alla propria terra fino a domenica mattina, senza mostrare alcun ordine ufficiale scritto.

La terra in questione si trova su una collina appartenente alla famiglia Hadlin. Sulla sua cima i coloni dell’insediamento israeliano di Karmel nel 2011 hanno piantato degli aberi di ulivo, e circa due settimane fa costruito una piccola tenda. Due giorni fa i coloni hanno iniziato a scavare dei buchi nel terreno con l’intenzione di piantare altri alberi per completare la linea che taglierebbe tutta la lunghezza della collina, impedendo così ai Palestinesi l’accesso alle terre che si trovano al di là. Questa collina viene attraversata quotidianamente dai pastori palestinesi dal momento che è l’unica via per raggiungere i pascoli circostanti.

Sabato 8 giugno, tre pastori palestinesi con le loro greggi, insieme ad altr palestinesi di Umm Al Kheer, alcuni attivisti israeliani e volontari internazionali sono stati scacciati dalla collina dall’esercito israeliano.\ Suleiman è invece rimasto sul posto per affermare il diritto di accedere alla propria terra, fino a quando non è stato portato via, dopo essere stato caricato su una jeep dell’esercito. Secondo la sua testimonianza, è stato bendato, picchiato e portato in giro dai soldati cambiando jeep più volte. L’anziano uomo è stato detenuto per più di tre ore finché non è stato rilasciato, senza alcuna spiegazione, nel villaggio palestinese di Ar Rakeez.

Umm Al Kheer è un villaggio palestinese beduino nell’area C (sotto l’amministrazione civile e militare israeliana) costruito nel 1948. Si trova a ridosso di Karmel, colonia israeliana costruita all’inizio degli anni Ottanta, e tuttora in espansione. Questo villaggio subisce attacchi periodici da parte dei coloni e dall’esercito israeliano.

Operazione Colomba mantiene una presenza costante ad At-Tuwani e nelle Colline a Sud di Hebron dal 2004.

 

Foto dell’incidente: http://snipurl.com/277q3sh

Video dell’incidente: presto disponibili

Per informazioni:
Operazione Colomba, +972 54 99 25 773

 

[Note: secondo la IV Convenzione di Ginevra, la II Convenzione dell’Aja, la Corte Internazionale di Giustizia e numerose risoluzioni ONU, tutti gli insediamenti israeliani nei Territori Palestinesi Occupati sono illegali. Gli avamposti sono considerati illegali anche secondo la legge israeliana.]

 

http://www.operazionecolomba.it/palestina-israele/pal-isr-comunicati/1564-cs-lespansione-della-colonia-israeliana-di-karmel-impedisce-agli-abitanti-del-villaggio-beduino-di-umm-al-kheer-di-accedere-alla-propria-terra.html

Contrassegnato con i tag: , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam