Lettera aperta del Freedom Theatre all’apparato della sicurezza di Israele

0

Saturday, 13 August 2011 14:20 Freedom Theatre di Jenin

Questa è un lettera aperta dei rappresentanti dei volontari internazioni e dei membri dello staff, degli amici, dei sostenitori e della fondazione del Freedom Theatre di Jenin all’apparato della sicurezza israeliano, inclusi lo Shabak, l’IDF e la polizia.

Dopo l’attacco all’ufficio e al centro multimediale del Freedom Theatre, durante il quale avete arrestato il nostro vice regista Adnan Naghnaghiye e il presidente del consiglio del teatro, Bilal Saadi; dopo aver negato a Adnan e Bilal per due settimane di incontrare un avvocato, trattandoli in maniera disumana e negando loro i basilari diritti umani; dopo l’arresto del nostro studente di recitazione Rami Hwayel, noi vi informiamo che:

Stiamo incoraggiando tutti gli sforzi volti ad individuare il responsabile del brutale omicidio di Juliano Mer-Khamis e siamo profondamente sconcertati dal fatto che l’omicida non sia stato ancora trovato. Tuttavia, rigettiamo i metodi disumani che state utilizzando per portare avanti l’inchiesta sull’omicidio. Il Freedom Theatre è stato seriamente danneggiato dalle vostre azioni, che incutono paura e provocano traumi non solo tra i nostri studenti e impiegati, ma anche all’interno della società che stiamo tentando di aiutare.

Agendo nel modo in cui agite voi, state dimostrando ancora una volta ai residenti del campo profughi di Jenin e al mondo intero che i soli metodi che conoscete sono la violenza, il terrore e la paura. Noi del Freedom Theatre non abbiamo nulla a che fare con l’omicidio di Juliano Mer Khamis.

Lo abbiamo dimostrato chiaramente e vi ricordiamo di nuovo che ogni membro del teatro ha rilasciato la propria deposizione alla polizia palestinese quando è stato richiesto e siamo pronti a farlo di nuovo.

Non importa quanti danni causiate a noi o al teatro, noi continueremo la nostra lotta per la liberazione individuale e collettiva. Ci siamo uniti alla lotta per la liberazione dei nostri compagni nel campo profughi di Jenin, usando la cultura e la nonviolenza al fine di scrollarsi di dosso non solo l’occupazione sotto la quale è costretto a vivere il popolo palestinese, ma anche ogni altra forma di oppressione che ci troviamo di fronte.

Chiediamo che i nostri amici e colleghi, soggetti a gravi abusi e violazioni dei propri diritti, vengano trattati con assoluto rispetto secondo quanto stabilito dalle convenzioni internazionali, possano vedere subito i loro avvocati e siano prontamente rilasciati.

Lo staff internazionale, gli amici e i sostenitori del Freedom Theatre, rappresentati da:

Jacob Gough, manager generale del Freedom Theatre;

Micaela Miranda, direttore pedagogico  del Freedom Theatre;

Jonatan Stanczak, cofondatore del Freedom Theatre;

Udi Aloni, regista cinematografico e teatrale del Freedom Theatre;

Drod Feiler, cofondatore e membro del consiglio della Fondazione Freedom Theatre;

Jan Tiselius e Britt-Louise Tillbom, presidenti degli Amici del Freedom Theatre (Svezia);

Constancia Dinky Romilly, presidente degli Amici del Freedom Theatre (Stati Uniti);

http://www.alternativenews.org/italiano/index.php

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.