L’Europa non deve comprare quello che Israele sta vendendo per combattere il terrore

 

Israele è riuscita a trasformare 50 anni di resistenza palestinese all’occupazione in una piccola industria e sta ora vendendo  al mondo l’idea di uno Stato di polizia.

Copertina: Un ufficiale di polizia davanti alla basilica della Sagrada Familia dopo un attacco terroristico mortale a Barcellona, in Spagna, il 20 agosto 2017. PASCAL GUYOT / AFP

Jeff Halper (*)  Aug 20, 2017 4:39 PM

Ogni qualvolta accade un atto di terrorismo come quello della settimana scorsa a Barcellona,  i politici israeliani e gli “esperti” di sicurezza si presentano alla TV per criticare quanto sono naif gli europei.  Se solo avessero capito il terrorismo come noi e avessero adottato le misure preventive che abbiamo noi, dicono, avrebbero molto meno attacchi.  Sono state estremamente ignobili le osservazioni del ministro israeliano dell’intelligence Yisrael Katz dopo l’attentato di Bruxelles nel marzo 2016, in cui morirono 34 persone.

Invece di trasmettere le sue condoglianze a nome del governo israeliano, ha rimproverato i belgi nel modo più paternalistico possibile. “Se in Belgio continuano a mangiare cioccolato, godersi la vita e mostrarsi altamente liberali e democratici senza prendere in considerazione il fatto che alcuni dei musulmani che ci sono lì organizzano atti di terrorismo”, ha dichiarato, “non saranno in grado di combatterli “.

I belgi reagirono con rabbia,  e affermarono  la posizione della maggior parte dei Governi europei: benché continueremo a essere vigili e prendere le precauzioni necessarie, non abbiamo intenzione di abbandonare le nostre libertà e aperture politiche per diventare copie di Israele. Capiscono che il governo di Netanyahu  sta spacciando qualcosa di molto più insidioso di semplici precauzioni – ancor più che le armi di monitoraggio e sistemi di sicurezza e i modelli di controllo della popolazione che sono il pane quotidiano delle esportazioni israeliane. Ciò che Israele sta esportando agli europei – e americani, canadesi, indiani, messicani, australiani e chiunque altro che voglia ascoltare – è niente di meno che un concetto completamente nuovo di uno stato, uno  Stato di sicurezza .

Cos’è uno Stato di Sicurezza? Essenzialmente, uno stato che pone la sicurezza al di sopra di tutto, certamente al di sopra della democrazia, a causa delle procedure di legge e diritti umani, il tutto valutato come  “lussi liberali” in un mondo immerso nel terrorismo. Israele presenta se stessa, nientedimeno che un  modello per i paesi del futuro. Voi europei e gli altri non dovreste criticarci, dice Katz e Netanyahu afferma: dovreste  imitarci. Guardate ciò che abbiamo fatto.  Abbiamo creato  una vibrante democrazia dal Mediterraneo al fiume Giordano che fornisce ai suoi cittadini un’economia fiorente e sicurezza personale – anche se la metà della popolazione di quel paese sono terroristi (cioè, i palestinesi non cittadini che vivono in enclave isolate del paese) . Se noi riusciamo a conseguire ciò, immaginate cosa possiamo offrire a quelli di voi  che sono minacciati da attacchi terroristici?

In un brillante cambio di immagine, Israele è riuscita a trasformare in industria 50 anni di resistenza palestinese  all’occupazione. Con l’etichettatura “terrorismo,” non solo ha delegittimato la lotta palestinese  ma ha trasformato i territori occupati in un laboratorio di controinsurrezione controllo della popolazione, l’avanguardia sia delle guerre all’estero e sia della repressione interna. Ha trasformato tattiche di controllo e le relative armi di sistemi di sorveglianza in prodotti commerciabili. Non c’è da stupirsi, come Netanyahu ci ricorda costantemente, “il mondo” ama Israele. Dalla Cina all’ Arabia Saudita, dall’India al Messico, dall’Eritrea al Kazakistan, Israele fornisce i mezzi con i quali  regimi repressivi controllano i loro popoli irrequieti.

La vasta portata militare di Israele è ben documentata. Si estende a più di 130 paesi e ha fatto registrare vendite di 6,5 miliardi di dollari nel 2016. Meno conosciute ma più corrosive dei diritti civili sono le esportazioni di sicurezza di Israele. Tre esempi:

1. Israele utilizza le agenzie di sicurezza straniere e le forze di polizia come lobby per pratiche di Stato di sicurezza nei loro stessi paesi. Si fa beffe della riluttanza delle democrazie occidentali per l’utilizzo di profiling (analisi comportamentali investigativi di sicurezza) etnici e razziali, come fa la polizia  e la sicurezza israeliana all’aeroporto internazionale di Ben Gurion e in tutto il paese. In contesti specifici come aeroporti il profiling può effettivamente essere efficace – Ben Gurion è certamente uno degli aeroporti più sicuri al mondo -, ma lo fa al prezzo di umiliare  e far  ritardare coloro che lo subiscono. Quando viene esteso alla società, tuttavia,  perde quell’ efficacia e quasi sempre si trasforma in un metodo legalizzato di intimidazione contro qualunque popolazione un governo cerchi di controllare.

2. La polizia nazionale israeliana ha decine di programmi di formazione e di conferenze con forze di polizia provenienti da tutto il mondo, con enfasi non sulle tattiche della polizia domestica, ma piuttosto sulla “controinsorgenza interna” e sulla pacificazione di popolazioni fastidiose. Il  Georgia International Law Enforcement Exchange Center in Usa ha dichiarato di aver avuto 24.000 poliziotti americani addestrati dalle loro controparti israeliane. A differenza di altri paesi occidentali che erigono un muro tra i loro militari che svolgono operazioni all’estero e le loro agenzie di sicurezza nazionali e di polizia incaricate di garantire la sicurezza ma anche i diritti civili dei loro cittadini, Israele non ha vincoli interni. L’IDF e la polizia sono unità intrecciate, con forze paramilitari – Shin Beit, la polizia di frontiera, il comando Homefront, Yasam e altri -che incoraggiano i collegamenti tra di loro. Così in Israele si perde la distinzione tra i cittadini con i diritti civili e i non cittadini “sospetti” e gli obiettivi, e questa è una distinzione che la polizia israeliana tenta di cancellare anche nella loro formazione di polizia estera.

3. Israele è leader mondiale nel garantire città, mega-eventi e zone “non governabili”. C’è un legame diretto tra la sua chiusura dei quartieri palestinesi, i villaggi e i campi profughi e la commercializzazione di tali tattiche alle polizie locali per creare “zone di sicurezza” sanitarie e “difese perimetrali” intorno ai nuclei finanziari, ai distretti governativi, alle ambasciate, eventi dove i G-8 e la NATO hanno riunioni di vertici, piattaforme petrolifere e depositi di carburante, centri di conferenze in ambienti “insicuri” del Terzo Mondo, destinazioni turistiche, centri commerciali, aeroporti e porti marittimi, siti di mega eventi e case e percorsi di viaggio dei ricchi. Israele  è così coinvolto nel muro di confine di Trump che è soprannominato il “confine Palestina-Messico”.

Lì, la ditta israeliana Magna BSP, che fornisce sistemi di sorveglianza a Gaza, ha collaborato con le aziende statunitensi per entrare nel lucrativo mercato “sicurezza delle frontiere”. NICE Systems, i cui tecnici sono laureati della 8200 unità di sorveglianza DF. Privacy International ha esaminato come i governi autocratici del Tajikistan, del Kirghizistan, del Turkmenistan, dell’Uzbekistan e del Kazakistan hanno potuto monitorare gli attivisti dei diritti umani, giornalisti e altri cittadini all’interno e all’esterno dei loro paesi, rivelando i dettagli più intimi della loro vita personale. “I più grandi attori”, ha concluso Human Rights Watch, “sono multinazionali con uffici in Israele – NICE Systems e Verint”.

Nella sua forma ultima, lo Stato di sicurezza spacciato da Netanyahu e Katz è solo una forma di stato di polizia il cui popolo è facilmente manipolato da un’ossessione di sicurezza. Il modello di Israele è particolarmente invidiato perché funziona; ne è testimone la pacificazione dei palestinesi. Sembra davvero un punto di vendita potente. Il problema è che si trasformi  il popolo del proprio paese in palestinesi senza diritti. Sembra che lo Stato di sicurezza possa riconciliarsi con la democrazia – dopo tutto, Israele si vende come “l’unica democrazia in Medio Oriente”. Ma solo pochi privilegiati del mondo godranno delle protezioni democratiche dello Stato di sicurezza, così come gli Ebrei israeliani . Le masse, quelle che resistono alla repressione e all’esclusione dal sistema capitalista, quelli che lottano per una vera democrazia, sono destinati a essere palestinesi globali. L’israelizzazione di governi, militari e forze di sicurezza significa la palestinizzazione della maggioranza di noi.

(*) Jeff Halper è un antropologo israeliano, capo del comitato israeliano contro le demolizioni della casa (ICAHD) e l’autore della Guerra contro il popolo: Israele, i palestinesi e la pacificazione globale (Londra, Pluto Books, 2015).

trad. Carmela Ieroianni – Invictapalestina.org

Fonte: http://www.haaretz.com/opinion/.premium-1.807941?utm_content=%2Fopinion%2F.premium-1.807941&utm_medium=email&utm_source=smartfocus&utm_campaign=newsletter-daily

 

L’ Europa non deve comprare quello che  Israele sta vendendo per combattere il terrore

L’ Europa non deve comprare quello che  Israele sta vendendo per combattere il terrore

Contrassegnato con i tag: ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam