Lezioni dalla rivoluzione egiziana

Mustafa Barghouti * 
L’avvicendarsi rapido e il tumulto degli eventi rendono difficile, a volte,  trarre le conclusioni più importanti e generali dal loro significato. Ciò detto, l’onda di marea rivoluzionaria, che ha cominciato in Tunisia e  in Algeria, ha raggiunto il suo acme  in Egitto e sta attualmente investendo altri paesi come la Libia e il Bahrain, offre un’opportunità unica di vedere come le persone possono rimodellare la storia così come ricostruire i loro destini e il loto futuro. Offre anche una rara finestra scientifica per osservare la nascita del nuovo dal vecchio e per  studiare un momento di trasformazione qualitativa che è  culminato da un lungo processo di accumulazione quantitativa e che manifesta la dialettica  delle dinamiche sociali con estrema chiarezza. 
Ciò che  è successo in Tunisia e poi in Egitto, e ciò che  sicuramente seguirà in altri luoghi, non può essere generato o fabbricato da un partito politico, movimento o   forza, interna o esterna. Le rivolte sono il prodotto di una lunga evoluzione cumulativa, della durata di anni, decenni o forse secoli, in alcuni settori, che alla fine sfociano in movimenti di protesta popolare, forti di milioni, di una grandezza senza precedenti nella storia moderna del mondo arabo, e forse nella sua intera storia. Forse l’unico momento di simili dimensioni,   portata e ampiezza è la prima Intifada palestinese popolare, nel suo primo anno (1987-88). Purtroppo, gli Accordi di Oslo hanno minato i risultati iniziali di questa magnifica rivolta e distrutto una occasione storica per mettere fine all’occupazione israeliana. Dovremmo aggiungere che questo momento rivoluzionario palestinese non è mai stato sufficientemente documentato: in primo luogo a causa delle differenze in termini di dimensioni e importanza strategica rispetto al caso egiziano;  poi a causa della mancanza di copertura mediatica e della raffinatezza senza precedenti della tecnologia delle comunicazioni che era disponibile per l’Egitto di oggi . 
Gli eventi di oggi in Egitto – come è avvenuto in Tunisia e in tutte le grandi rivoluzioni, come le rivoluzioni francese e russa – incarnano ciò che i sociologi chiamano “un momento rivoluzionario”. Un momento simile si verifica quando i governati   rifiutano di essere oppressi come in precedenza, e quando i governanti non riescono più governare nello stesso modo. Si tratta di un evento di grande importanza. E’ l’unico per cui i partiti politici, movimenti e forze, e gli intellettuali e l’azione popolare spontanea possono prepararsi. Ma è molto più grande di quanto chiunque avrebbe potuto aspettarsi, pianificare  o tentato di produrre.  Le grandi rivoluzioni non possono essere prodotte. Esse eruttano, come i vulcani, in cima alla forza montante di enormi contraddizioni sociali e politiche a lungo represse. 
E ‘proprio perché queste contraddizioni sono state represse per tanto tempo, impedite di esprimersi e incapaci di sfogare la loro rabbia, che il momento dell’esplosione è troppo potente per  incapsularlo o   controllarlo. Pertanto, i partiti politici e i poteri in gioco devono fare attenzione a non sopravvalutare le proprie dimensioni, il ruolo e/o abilità rispetto a questa premessa di fatto. Essi sono paragonabili  ad una ostetrica che è lì per aiutare la puerpera a sgravarsi, ma non ha prodotto l’embrione o indotto la nascita, e non è la madre (il popolo), o neanche la madre adottiva. 
Piuttosto che biasimare se stesse per le loro azioni  passate, le forze politiche dovrebbero concentrarsi sul loro ruolo del momento, che è quello di garantire la sicurezza della nascita e la salute del bambino, e per tutelarlo da eventuali tentativi da parte del vecchio di  abortirlo, ucciderlo, fermarlo. La rivoluzione, o l’eruzione, può produrre un neonato, ma non può garantire la sua sopravvivenza e il suo benessere. Questo è uno dei compiti di una avanguardia intellettuale organizzata e consapevole. 
Il fenomeno che si sta svolgendo davanti ai nostri occhi di oggi non è limitato all’Egitto, ma ha le sue radici nello stato del mondo arabo nel suo complesso. Che la Tunisia sia stato  il primo paese a reagire è dovuto al fatto che era l’anello più debole della catena di un ordine  interconnesso, le cui profonde contraddizioni interne, alcune delle quali sono antiche e altre relativamente nuove, dovevano da tempo essere risolte. 
IL SISTEMA DI GOVERNANCE.

Il sistema di governance e il rapporto tra governanti e governati nel mondo arabo è talmente in contrasto con le trasformazioni democratiche che hanno avuto luogo in altre parti del mondo, da apparire non solo molto indietro, ma al di fuori del corso della storia umana. Nessuno in tutto il mondo può più tollerare sistemi di dispotismo autoritario che sono essenzialmente totalitario in sostanza, che si basano su apparati di sicurezza senza vincoli come principali strumenti di controllo, che sopravvivono per mezzo della repressione, soppressione e   denigrazione della dignità umana, e la cui forma di governo si esprime in un gruppo esclusivo o in un partito unico. 
Molti regimi più grandi e potenti di quelli che abbiamo nella nostra regione, in ultima analisi, si sono dimostrati incapaci di resistere ai venti del cambiamento. L’esempio più saliente è l’Unione Sovietica, i cui successi  nel  proteggere se stessa e il mondo dalla  diffusione del nazismo e nello sconfiggere la Germania nazista, e il   cui successo nel trasformare la Russia da una economia feudale ad un’economia moderna, non poteva impedire un rapido e  clamoroso crollo quando i popoli sovietici decisero che non potevano più tollerare regimi totalitari. Dopo decenni in cui la classe dirigente sovietica aveva avuto il controllo di tutto-  ricchezza e risorse nazionali, le forze  militari e di sicurezza, l’economia e tutti gli aspetti della vita sociale, e tutte le organizzazioni e le associazioni collegate con la sanità, l’istruzione e la cultura – e mantenuto una soffocante morsa sugli  spazi pubblici  e la società civile, c’è stato un momento in cui il popolo ha detto “Basta!” 
Un altro esempio importante si trova nelle dittature dell’America Latina, che gli Stati Uniti hanno a lungo incoraggiato, sostenuto e finanziato combattendo le rivoluzioni popolari, come quella in Nicaragua, al fine di mantenere il proprio predominio strategico. Poi venne il momento critico in cui la guerra fredda finì e il presupposto primario di tale costellazione  crollò. Improvvisamente, una dittatura dopo l’altra fu  rovesciata e i paesi latino-americani  finalmente entrarono in ampie aree di pluralismo e democrazia e iniziarono  il loro percorso per un reale sviluppo e per  vincere importanti vittorie su povertà e disoccupazione. Il Brasile è il  primo esempio di una nazione in  cui una serie  di  leader eletti rappresentano movimenti socio-politici che invocano una miscela di democrazia politica e sociale, e le cui politiche hanno consentito al loro paese di avanzare a passi da gigante, socialmente ed economicamente. 
A questo proposito, si deve tener presente che la democrazia politica non è una forma ideale di governo. Ha ancora ampi margini di miglioramento, come evidenziano alcune  notevoli  incoerenze nelle principali nazioni democratiche. Negli Stati Uniti, per esempio, le difficoltà nel mettere in discussione l’alleanza tra il potere economico-finanziario e i mezzi di comunicazione pongono una sfida enorme, che probabilmente comporterà rompere il monopolio quasi totale delle due parti mammut sulla sfera politica. 
La democrazia si è evoluto nelle mani di diversi popoli e culture attraverso la storia fin dai suoi inizi prima in Grecia antica. Il processo evolutivo è ancora in corso, l a cui indicazione più rilevante è l’accettazione generale del concetto che la democrazia è carente se si limita al dominio puramente politico e non riesce a comprendere una dimensione socioeconomica. L’evoluzione della democrazia non è stata limitata al mondo occidentale, come qualcuno potrebbe sostenere o immaginare. In realtà, alcune dei  più chiari segnali di progresso si sono manifestati nelle nazioni in via di sviluppo. Sri Lanka (ex Ceylon) è stato il primo paese ad eleggere un capo di stato donna, precedendo  in questo senso, da decenni,  le democrazie di lunga data come la Gran Bretagna. 
Eppure, con tutte le sue imperfezioni, la democrazia è incommensurabilmente superiore agli orrori del totalitarismo. I suoi componenti sono universalmente applicabili e appropriati, e consistono di elezioni libere e periodiche, la separazione tra i poteri esecutivo, legislativo e giudiziario, con un equo sistema di verifiche ed equilibri  tra di essi, e la subordinazione dell’esercito ai poteri esecutivo e legislativo eletto. Essa poggia anche su una vasta gamma di principi fondamentali e di libertà civili, in particolare la libertà di opinione e la stampa, la pluralità politica e il diritto di associarsi e di costituire partiti politici,  spazi aperti ai cittadini,  lo Stato di diritto e l’uguaglianza davanti alla legge. 
Da questa prospettiva, il compito principale che si trova davanti al popolo egiziano in questo momento è quello di rimuovere tutti gli ostacoli alla creazione di un vero ordine democratico e di corrette pratiche democratiche. La legislazione di emergenza deve essere revocata, il parlamento frutto di elezioni manipolate deve essere sciolto,  e tutti gli ostacoli costituzionali e legali  frapposti al diritto del popolo di eleggere liberamente i suoi funzionari, dal presidente fino “in basso” ai membri del più piccolo consiglio comunale, devono essere eliminati. Tutti i funzionari devono essere soggetti ad un sistema chiaro di responsabilità e di responsabilità, mentre non dovrebbero esserci restrizioni al diritto di contestare il potere attraverso elezioni libere e indette  nei tempi stabiliti. In breve, il popolo egiziano ha necessità di mettere in atto l’edificio istituzionale e giuridico per  garantire la rotazione pacifica delle autorità in conformità con la volontà del popolo. 
IL CONFLITTO TRA TRADIZIONALISMO E MODERNITÀ.

 Il conflitto che monta   tra le forme tradizionali di governo totalitario e le influenze  moderne è stato un altro fattore che ha alimentato la rivoluzione egiziana. E ‘impossibile qui  discutere la questione della globalizzazione e dei suoi impatti positivi e negativi, o il tentativo del capitalismo di monopolizzarla  come un mezzo per assicurarsi il dominio globale. Basti dire che la globalizzazione, come la rivoluzione industriale e l’invenzione della macchina a vapore, è un fatto della vita e una  fase dello sviluppo tecnologico. Le sue conseguenze dipendono da come viene utilizzata, perché può essere usata  bene o  male. 
Ciò che conta in questo contesto è che la globalizzazione ha portato tre rivoluzioni simultanee: la rivoluzione inarrestabile e incontenibile nella tecnologia dell’informazione, come esemplificato dalle comunicazioni elettroniche e dai mezzi di comunicazione di social network, come Internet, Face book, siti di blog e Twitter;  la rivoluzione delle comunicazioni   supportata da telefoni cellulari e dispositivi simili, di cui vengono acquistati ogni anno centinaia di milioni di esemplari; la rivoluzione dei media in cui i canali televisivi via satellite sono alla testa della classifica dei mass media, come erano le trasmissioni radio a metà del XX secolo e come era la stampa alla fine del  XIX  secolo. 
I mezzi convenzionali di controllo autoritario non potrebbero, né possono fermare l’urto di queste rivoluzioni. Hanno dato l’accesso alle informazioni che i loro governi cercavano di nascondere   loro. Hanno fornito mezzi senza precedenti, per stabilire un contatto, per restare in comunicazione, e per organizzare e mobilitare. Hanno rotto il monopolio dei governi dittatoriali in materia di comunicazioni e dei media, creando quella che potremmo definire una democrazia mediatica in anticipo sull’emersione della democrazia politica, che serve come mezzo alle forze di opposizione per diffondere le chiamate a raccolta e per domandare il cambiamento. 
L’impatto di questo “salto quantico” in avanti  nei media, nelle comunicazioni e nelle tecnologie dell’informazione non solo ha scosso le fondamenta delle strutture tradizionali delle società totalitarie. Esso ha avuto un impatto simile sui paesi industrializzati dell’Occidente moderno, dove il monopolio statale delle informazioni riservate e delle comunicazioni diplomatiche sono stati gravemente compromessi. Quale miglior esempio di ciò è il  famoso Wiki Leaks, che probabilmente segna solo l’inizio di ciò che deve ancora accadere? Non è più possibile nella nostra epoca  nascondere le informazioni da parte del pubblico potere per un lasso di tempo, come una volta era stato il caso per le notizie sull’accordo Sykes-Picot. 
Allo stesso tempo, la pressione crescente della IT e delle rivoluzioni della comunicazione sono una  forza propulsiva verso la modernizzazione e le  idee moderne. Questa dinamica sta influenzando molti sistemi tradizionali e le strutture nella nostra regione. Persino divisioni  infuocate come quelle che affliggono  l’arena palestinese vengono esposte come conflitti tra i due aspetti della stessa struttura tradizionale, che resiste alla modernizzazione e modernità, e che comprende  una  posizione dominante esclusiva e il partito unico, opposta  al pluralismo politico e alle pari opportunità. 
La gioventù araba era naturalmente pronta ad assumere l’avanguardia della spinta al cambiamento. I giovani sono i più esperti nell’uso delle moderne tecnologie e nel prenderne vantaggio,  hanno meno da perdere da un rovesciamento del vecchio ordine tradizionale,  e contemporaneamente sono i più aperti allo sviluppo modernizzatore. Contrariamente a quanto qualcuno potrebbe pensare, questo non implica che i nostri giovani siano disposti a sacrificare il loro patrimonio e la storia. Anzi, sono probabilmente più attenti alla protezione di questo patrimonio e a rafforzare questa storia in termini contemporanei, a somiglianza dei musulmani e degli arabi del Medio Evo, che hanno aperto la strada alla scienza e alla conoscenza, e costruito ottime  università e centri di ricerca, mentre l’Europa era ancora avvolta nelle tenebre medievali. 
La gioventù araba, e all’interno di essa la gioventù palestinese, è stata  a lungo vittima di emarginazione, abbandono, mancanza di opportunità,   disoccupazione,  nepotismo,  discriminazione e spicciola corruzione. Tuttavia, le persone sotto i 30 anni costituiscono la stragrande maggioranza della popolazione araba.   il rapporto dello Arab Human Development Report (AHDR) emesso da  UNDP  (United Nations Development Programme) diagnostica questi problemi e  mette in guardia contro le loro ripercussioni. Purtroppo, l’emissione dei rapporti AHDR è stata interrotta e i suoi insegnamenti e raccomandazioni sono rimasti inascoltati. Per inciso, i rapporti  AHDR fanno considerevole luce sulle carenze strutturali derivanti dalla marginalizzazione del ruolo e dello status delle donne. 
Considerati i fatti che precedono, i giovani   arabi , uomini e  donne, possiedono una enorme energia rivoluzionaria tesa allo sviluppo e alla  modernizzazione. Non dovrebbero assumere ruoli soltanto partecipativi, ma anche ruoli di leadership efficace in tutti i campi. 
MONOPOLIO  ECONOMICO, CORRUZIONE E POVERTÀ.

I movimenti di liberazione nazionale arabi hanno ottenuto  la liberazione nazionale e hanno dato origine a regimi rivoluzionari a carattere prevalentemente militare, in quanto  l’esercito è  il potere meglio organizzato di controllo della società.  Almeno inizialmente questi regimi  hanno intrapreso un deciso cammino  verso lo sviluppo. Il regime nasseriano, per esempio, pose fine al feudalesimo e avviò l’Egitto  sulla strada dell’industrializzazione e della modernizzazione del settore agricolo. Alcuni di questi regimi hanno abbracciato  una prospettiva socialista. Tuttavia, entro la fine del 1960 e nei primi anni 1970, si sono affermati tre fattori principali. 
Uno è stato il boom del petrolio e l’afflusso enorme di denaro che si riversava nelle mani dei tradizionali regimi conservatori, che ha portato  a espandere la loro influenza nella regione. Il secondo sono stati i  ripetuti attacchi di Israele contro i paesi vicini, come la Siria e l’Egitto, con l’obiettivo di ridurre la loro influenza e il loro ruolo come fari di liberazione nazionale, che era stata una fonte di notevole apprensione  per i governi  dell’Africa e del mondo in via di sviluppo. Il terzo fattore è stata la mancanza di democrazia politica, che ha privato le leadership di questi regimi di uno dei suoi pilastri di sostegno: il popolo nel cui nome erano al potere. 
In tandem con questi fattori ci fu un significativo sviluppo economico. Il rovesciamento dell’ordine capitalista e feudale in queste società ha lasciato un vuoto. Hanno corso  per riempire questo vuoto  alcune  porzioni della nuova classe media, che ha monopolizzato la presa sulla burocrazia statale e usato il suo potere per generare ciò  che potremmo definire una borghesia parassitaria,  che alla fine si è  fusa con la borghesia compradora  [  mediatrice  tra commercianti occidentali  e il  mercato all’interno – NdT]. Pertanto, non ci sarebbe stato da attendere a lungo che un paese come l’Egitto  facesse una svolta di 180 gradi rispetto alle premesse della rvoluzione. Il processo è stato guidato dal presidente Anwar El-Sadat che ha riorientato il suo paese verso il controllo di questi gruppi parassitari, gli Accordi di Camp David, e la creazione di un sistema repressivo di controllo contro le persone per le quali la rivoluzione del 1952 era stato inizialmente combattuta. 
Anche se ci sono certamente differenze di  sfumature tra un paese e l’altro, l’ascesa della borghesia parassitaria e la sua presa sulla  burocrazia statale le hanno permesso  di controllare tutte le risorse dell’economia sia nel settore pubblico e privato. Attraverso una combinazione di repressione, corruzione, tangenti, espropriazione e furti hanno accumulato fortune inimmaginabili senza creare una base produttiva, che potesse consentire una crescita simultanea delle componenti della  società. Il risultato è stato un divario rapidamente ampliato tra ricchi e poveri e una crescente concentrazione della ricchezza. Quando le fonti della prosperità hanno iniziato a prosciugarsi, la privatizzazione e la vendita di immobili di proprietà dello Stato, imprese e fabbriche sono diventate il  successivo percorso  per l’arricchimento corrotto a scapito dei poveri. A fronte di tale illecita e cospicua ricchezza, i popoli oppressi e impoveriti non potevano più tollerare le loro privazioni quotidiane e si sono ribellati. 
La storia di Mohamed Bouazizi  [il giovane laureato tunisino venditore ambulante che si è bruciato vivo per protestare contro la confisca della sua bancarella – NdT] comprende questa miscela di povertà, disagio e degrado imposta per mano delle forze di sicurezza tunisine che ha spinto il popolo tunisino a ribellarsi. Altri esempi si trovano nelle storie di tortura e di persecuzione di migliaia di indigenti ugualmente giovani uomini e donne in Egitto, e nelle storie di altre decine di migliaia di persone che hanno raggiunto l’autunno della loro vita senza essere in grado di sostenere il  costo del matrimonio. 
La triade della repressione, della monopolizzazione economica corrotta e parassitarie, della povertà diffusa e in aumento, assieme alla  brutale repressione è stata il grande motore dello sconvolgimento rivoluzionario senza precedenti avvenuto nel mondo arabo. Quando si osserva questo evento non si è colpiti dalla sorpresa che queste rivoluzioni siano accadute, ma dalla sorpresa che ci abbiano impiegato  tanto tempo ad arrivare. 
LA RIVOLUZIONE DELLA DIGNITA’ PERSONALE E NAZIONALE CONTRO IL DEGRADO.

 Non è un caso che gli eventi in Tunisia e in Egitto siano stati spesso descritti come la “rivoluzione della dignità”. Gli arabi hanno subito il degrado quotidianamente. Essi sono stati sistematicamente umiliati dai loro regimi repressivi  o da quelli dei paesi vicini  che hanno visitato. Forse era l’offesa alla dignità causata dalla privazione dei diritti di cittadinanza che ha scatenato l’ira della classe media. I suoi membri potrebbero non avere sofferto la povertà, ma avrebbero sofferto la mancanza di pari opportunità  e la degradazione inflitta dai ladri, per mezzo di elezioni truccate, del loro diritto di scegliere, e  infine l’affronto più grande di essere stati emarginati nel loro paese da un dominio totalitario e dalla sua cricca di  profittatori che ha chiuso le porte delle opportunità e del progresso agli altri. 
In Egitto, la privazione del diritto di cittadinanza dignitosa ha raggiunto un nuovo picco con la palese falsificazione delle elezioni dell’Assemblea del popolo lo scorso mese di novembre. Tale farsa è stato uno dei principali fattori scatenanti della rabbia della classe media e dei suoi membri più giovani in particolare che, per mezzo delle moderne telecomunicazioni e dei media, erano pienamente consapevoli di ciò che essi erano stati privati. 
LA RIVOLUZIONE E  LA  PALESTINA:.

Rimane un altro fattore che non dobbiamo trascurare, e che ha un impatto diretto sulla Palestina in particolare. La sconfitta degli arabi nella guerra di Palestina del 1948 e lo scandalo delle armi difettose che manifestò la corruzione della monarchia egiziana svolse un ruolo importante nel fomentare la rivoluzione del 1952, che è stata anche una rivoluzione contro l’umiliazione inflitta all’esercito egiziano. Nelle decadi  1980, 1990 e nel primo decennio del  XXI secolo, la dignità   di ogni nazione araba ha subito un flusso di  offese  principalmente per mano di Israele. 
Il popolo arabo e soprattutto il popolo d’Egitto che, da Salaheddin al-Ayoubi   [ il grande Saladino – NdT] a Gamal Abdel-Nasser, era abituata ad essere nella  prima linea della difesa nazionale araba, ha contemplato  infuriata  le atrocità perpetrate contro i popoli palestinese e libanese, l’invasione del Libano e l’assedio contro la leadership della liberazione della Palestina nel 1982, la soppressione della Intifada palestinese e  gli ulteriori attacchi contro il Libano,   la brutale incursione nei territori palestinesi e l’assedio contro la leadership palestinese nel 2002 e le stragi in Libano nel 2006. 
L’ultimo capitolo della bellicosità e brutalità israeliane  è stata la sua invasione di Gaza, che era debole, inerme e sotto blocco economico. Il popolo egiziano ha visto questo crimine che si è svolto il tutto il  suo orrore accanto ai confini del  suo paese,  tra le accuse contro il suo governo per la complicità  nel  blocco.  Tali oltraggi  devono offendere la dignità nazionale di ogni cittadino arabo tanto più quando, come è il caso con l’Egitto, il paese di cui è cittadino è vincolato da un trattato iniquo con Israele, che limita la sua capacità di agire in solidarietà con gli oppressi. 
L’invasione guidata dagli Stati Uniti, l’occupazione e la distruzione dell’Iraq hanno aggravato il senso di rabbia degli arabi e aggravato la loro sete di vendicare la loro umiliazione nazionale. Questo fattore non può essere escluso in nessun  tentativo di comprendere la forza e la portata dell’eruzione che ha avuto luogo in Egitto. Molti si chiedono come l’attuale ondata rivoluzionaria potrà coinvolgere  la lotta palestinese. Io non credo che sia prematuro pensare o che sia un  pio desiderio  affermare che vi è già stato un effetto positivo. 
In primo luogo, il mondo arabo non rimane  più un attore passivo quando le forze regionali e internazionali combattono sul territorio arabo. D’ora in poi, gli arabi saranno agenti proattivi in questi conflitti, che in sé è uno sviluppo positivo. 
In secondo luogo, la vittoria della rivoluzione egiziana rafforzerà lo status e il ruolo dell’Egitto, se si stabilirà un solido governo democratico. Ciò può soltanto contribuire a riequilibrare la bilancia del potere a favore della causa palestinese, in quanto  un Egitto democratico non può che essere un sostenitore del popolo palestinese, piuttosto che un semplice mediatore. 
In terzo luogo, la vittoria della democrazia in Egitto, Tunisia e, auspicabilmente, altrove  spalancherà le porte alla solidarietà popolare con il popolo palestinese. Chi ha coltivato  il desiderio di dimostrare il  suo sostegno alla Palestina sarà ora in grado di farlo in modo potente ed efficace. Gli arabi saranno nuovamente in grado di assumere la guida della campagna di boicottaggio e di imporre  contro l’occupazione israeliana le sanzioni, che sono un fattore importante della strategia nazionale palestinese per alterare l’equilibrio dei poteri. 
In quarto luogo, si può già vedere l’effetto delle vittorie egiziane e tunisine sul morale dei palestinesi. Migliaia di giovani palestinesi stanno riemergendo dalla stasi di frustrazione, disperazione ed emarginazione, e mostrano un rinnovato desiderio di partecipazione e di azione. L’effetto immediato di questo può essere visto nelle manifestazioni palestinesi a sostegno del popolo d’Egitto, così come a sostegno della campagna volta a  porre fine alla spaccatura interna tra palestinesi e pretendere la democrazia e i diritti civili. Nel medio-lungo periodo possiamo aspettarci che la rinascita di un giovane e ampio  movimento di resistenza popolare non violento contro l’occupazione, il muro di separazione e l’apartheid. 
Se la prima Intifada palestinese è stato il preludio ai moti popolari arabi di oggi, le rivoluzioni d’Egitto e Tunisia servono a ricordare al popolo palestinese la loro forza latente e il potere della resistenza pacifica non violenta su grande scala. 
In quinto luogo, certamente i palestinesi portano la speranza che una delle prime azioni del nuovo Egitto sarà quello di rimuovere  il boicottaggio contro Gaza,  neutralizzando in questo modo la morsa criminale israeliana su un milione e mezzo di persone che vivono in quella che può essere chiamata solo la più grande prigione della storia moderna. 
Qualunque cosa succeda dopo, Israele rimane una delle principali fonti di preoccupazione. La sua arroganza, il razzismo e l’aggressività sono rimasti senza controllo da parte dei regimi vicini, la cui debolezza   aveva a lungo sfruttato al fine di dare vele spiegate al suo sogno di egemonia politica, militare ed economica sulla regione. Infine, tuttavia, la voce del popolo egiziano ricorda ad  Israele “Ci sono limiti al potere e sono definiti dalle forze della storia, della civiltà e del coraggio   umano”. Il dominio  tirannico in una era di disperazione deve cedere il passo alla rinascita della volontà umana . 
UNA NUOVA ERA.

Siamo entrati in una nuova era nel vero senso della parola. Alcuni di noi possono aver avuto la fortuna di avere vissuto la rivoluzione mondiale della gioventù degli anni  ’60 e ’70 e poi trovarsi a testimoniare di questa nuova rivoluzione della gioventù. Che sollievo   sentiamo dopo un lungo intervallo di stagnazione e di degrado, quando i valori umani  sono crollati, la disperazione e la frustrazione  hanno prevalso, e molti dei vecchi rivoluzionari e pionieri  sono stati trasformati in statue senza valore, mentre gli intellettuali sono diventati  dei sicofanti   nelle corti reali e le coscienze sono state  ridotte a prodotti da acquistare  e vendere. Oggi, una nuova e promettente era è iniziata  nel mondo arabo. Per il momento, sta facendo i suoi primi passi e potrebbe traballare come un bambino. Tuttavia, crescerà e diventerà più forte. 
Pertanto, il nostro compito più importante oggi è quello di prendere cura di  questo bambino, di prendere la sua mano e di guidarlo verso un completo e robusto sistema democratico che derivi la sua autorità dalla volontà del popolo. Nulla è più importante della tutela di questo neonato dai tentativi di Israele o di altri  di fermarlo, al solo scopo di perpetuare l’egemonia di Israele e gli interessi acquisiti all’interno di questa egemonia. Nulla è più importante che  tenere le porte aperte ai venti di cambiamento in modo che possano  guadagnare velocità e diffusione, e abbattere  le barriere. 
Forse ciò che noi vediamo oggi nel mondo arabo segna l’inizio di una trasformazione universale il cui avvento deve inevitabilmente maturare, perché l’attuale sistema di egemonia mondiale e la globalizzazione di una posizione dominante sono  piene di contraddizioni che possono essere risolte solo da trasformazioni rivoluzionarie su scala globale . In questo mondo turbolento, noi – i palestinesi – stiamo  dalla parte giusta della storia: il lato che si batte per la libertà e la dignità umana. I nostri alleati sono le forze arabe ed internazionali di progresso e di cambiamento. Quanto a coloro che stanno facendo  le loro puntate sul nemico,  raccoglieranno solo delusione. 
* L’autore è un attivista della democrazia palestinese e responsabile  della Palestinian National Initiative

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam