L’Fbi indaga, Israele si agita: il caso Abu Akleh non è chiuso

282

Articolo pubblicato originariamente su Globalist

Di Umberto De Giovannangeli

Il dipartimento di Giustizia americano ha informato il ministero della Giustizia israeliano che l’Fbi ha aperto un’indagine sulla morte della giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh, uccisa a maggio durante un raid di Israele a Jenin

Il caso Abu Akleh non è chiuso. Almeno non per gli Stati Uniti.

Il dipartimento di Giustizia americano ha informato il ministero della Giustizia israeliano che l’Fbi ha aperto un’indagine sulla morte della giornalista palestinese-americana Shireen Abu Akleh, uccisa a maggio durante un raid di Israele a Jenin, in Cisgiordania. Lo riferiscono cinque fonti informate al sito americano Axios

Israele minimizza, ma non nasconde la stizza

Scrivono Chen Maanit e Ben Samuels su Haaretz. “Anche se in passato i leader statunitensi e israeliani si sono scambiati dichiarazioni controverse sull’uccisione di Abu Akleh, i funzionari israeliani ritengono che l’indagine statunitense sia una dichiarazione simbolica, hanno riferito fonti israeliane ad Haaretz, e sostengono che è improbabile che un’indagine vada avanti senza l’approvazione del Dipartimento di Stato americano e il consenso di Israele. Il ministro della Difesa Benny Gantz ha risposto alla notizia dell’indagine su Twitter, definendola “un grave errore”. Gantz ha inoltre affermato che “l’Idf ha condotto un’indagine indipendente e professionale, i cui dettagli sono stati presentati agli americani”. “Ho chiarito ai rappresentanti americani che siamo al fianco dei soldati dell’Idf, che non collaboreremo con alcuna indagine esterna e che non permetteremo interferenze negli affari interni di Israele”, ha aggiunto. Questo è un passo tardivo ma necessario e importante nella ricerca di giustizia e responsabilità per la morte della cittadina americana e giornalista Shireen Abu Akleh. Continuerò a fare pressione per ottenere la verità e i fatti completi in questo caso”, ha dichiarato il senatore Chris Van Hollen, che ha guidato la campagna di pressione democratica sull’amministrazione Biden per condurre un’indagine indipendente. In una dichiarazione sulla notizia dell’indagine, la famiglia Abu Akleh ha dichiarato di essere “incoraggiata dalla notizia che gli Stati Uniti hanno aperto un’indagine penale… La nostra famiglia ha chiesto un’indagine statunitense fin dall’inizio, ed è ciò che gli Stati Uniti dovrebbero fare quando un cittadino americano viene ucciso all’estero, specialmente quando è stato ucciso, come Shireen, da un esercito straniero”.
Speriamo che gli Stati Uniti utilizzino tutti gli strumenti investigativi a loro disposizione per ottenere risposte sull’uccisione di Shireen e ritenere responsabili i responsabili di questa atrocità… Questo è un passo importante verso la responsabilità e avvicina la nostra famiglia alla giustizia per Shireen”, si legge nella dichiarazione.
Abu Akleh, una delle giornaliste di al Jazeera più note nel mondo arabo, è stata uccisa mentre i soldati israeliani stavano conducendo un’operazione per arrestare dei ricercati nel campo profughi di Jenin. La sua morte è stata ampiamente coperta dai media internazionali e ha scatenato critiche diffuse all’Idf e alla politica israeliana in Cisgiordania. A maggio, 57 legislatori statunitensi hanno scritto una lettera al direttore dell’Fbi Christopher Wray e al Segretario di Stato Antony Blinken, chiedendo un’indagine sulla morte di Abu Akleh, che era cittadina statunitense.

“In quanto americana, la signora Abu Akleh aveva diritto a tutte le tutele previste per i cittadini statunitensi che vivono all’estero”, si legge nella lettera. A settembre, l’esercito israeliano ha pubblicato una sintesi della propria indagine sull’uccisione di Abu Akleh, ma alcuni importanti legislatori statunitensi si sono detti insoddisfatti delle conclusioni israeliane e hanno chiesto all’amministrazione Biden di prendere le proprie misure.
L’esercito israeliano ha poi ammesso che era “altamente probabile” che Abu Akleh fosse stata uccisa da un soldato israeliano. L’esercito israeliano ha descritto l’accaduto come “uno sfortunato incidente”, pur affermando di non poter escludere la possibilità che Abu Akleh sia stato ucciso da colpi di arma da fuoco palestinesi.
Il gruppo israeliano per i diritti umani Yesh Din ha dichiarato lunedì di aver accolto con favore la notizia di un’indagine statunitense sulla vicenda. “Solo un’indagine internazionale indipendente può portare alla scoperta della verità”, ha dichiarato uno dei responsabili di Yesh Din.
“È importante sottolineare che si tratta di un evento eccezionale, poiché coinvolge un cittadino americano e un famoso giornalista. Nella maggior parte dei casi (72% delle denunce presentate dai palestinesi) l’esercito non svolge un’indagine penale. È necessaria un’indagine approfondita e seria, non solo quando si tratta di un cittadino americano”.

Così l’articolo di Maanit e Samuels
Una riflessione coraggiosa

E’ quella di Abe Silberstein, scrittore e commentatore su Israele e sulle relazioni tra Stati Uniti e Israele.

Scrive sul quotidiano progressista di Tel Aviv, Silberstein, nei giorni successivi all’uccisione di Shireen: “Dopo l’uccisione della giornalista di al Jazeera Shireen Abu Akleh a Jenin, avvenuta questo mese e che ha scatenato aspre critiche internazionali nei confronti delle Forze di Difesa Israeliane, il governo israeliano ha innanzitutto cercato di alimentare il dubbio sull’identità di chi ha sparato. Diversi account governativi sui social media, tra cui quelli del Ministero degli Esteri e dell’Ufficio del Primo Ministro, hanno pubblicato un video montato in modo ingannevole che mostrava un uomo armato palestinese che sparava in un vicolo prima di tagliare la scena a un altro palestinese che affermava che era stato ucciso un soldato israeliano. Il fatto che nessun soldato israeliano fosse stato ucciso quella mattina è stato considerato una prova del fatto che Abu Akleh era stata ‘probabilmente’ uccisa dagli spari palestinesi.

Il reportage di Haaretz ha presto fatto passare inosservato questo video frettolosamente confezionato. I successivi rapporti di Bellingcat  * e le nuove prove video suggeriscono che in realtà è stato più probabilmente un proiettile israeliano a colpire mortalmente Abu Akleh. Da allora, l’ipotesi di un probabile tiratore palestinese è stata quasi completamente accantonata. La più recente inchiesta della Cnn ha suggerito che il reporter veterano sia stato deliberatamente preso di mira dai cecchini dell’Idf.

“L’annuncio che l’Idf non condurrà alcuna indagine penale sull’uccisione di Abu Akleh è solo l’ultimo segno dell’abbandono della prima risposta di Israele. L’affermazione che sia stato “probabilmente” un palestinese a uccidere Abu Akleh non compare nemmeno nella lettera che l’ambasciatore di Israele negli Stati Uniti, Michael Herzog, ha rilasciato a seguito di una lettera del Congresso che chiedeva un’indagine americana. Quindi, di fronte alle continue richieste di responsabilità per l’uccisione di un giornalista amato nel mondo arabo, qual è ora la risposta israeliana?

Purtroppo, nell’arena pubblica, è ancora peggiore e più miope della squallida disinformazione iniziale: È quella di definire antisemita praticamente qualsiasi discussione sulla colpevolezza israeliana in questo caso, perché l’attenzione su Israele rappresenta un “doppio standard”. Oltre ad essere una spaventosa evasione di responsabilità per un Paese che sostiene di avere uno degli eserciti “più morali” del mondo, è una strategia che quasi sicuramente fallirà, se non si ritorcerà contro di noi. Il messaggero internazionale di questa linea è stata Noa Tishby, un’attrice nominata il mese scorso dal ministro degli Esteri Yair Lapid come primo inviato speciale per la lotta all’antisemitismo e alla delegittimazione di Israele.

In un video postato su Twitter e TikTok, Tishby ha ricordato che tra il 1990 e il 2020 sono stati uccisi 2.658 giornalisti in tutto il mondo mentre lavoravano. Il fatto che coloro che sono sconvolti per l’uccisione di Abu Akleh – che lei ha fermamente negato essere “un’esecuzione o un assassinio mirato” – possano “solo nominare quello” ucciso durante un raid israeliano nei territori occupati riflette “un antisemitismo inconscio, un razzismo antiebraico”.

In breve: se vi arrabbiate per un’apparente uccisione militare israeliana di un giornalista identificabile, state confermando il vostro antisemitismo.

Non importa, per un momento, che la maggior parte di coloro che intervengono in questa discussione possono probabilmente nominare almeno diversi giornalisti uccisi negli ultimi 30 anni (preferirei non immaginare la reazione di Tishby se avessero menzionato giornalisti uccisi da regimi non democratici e non responsabili nei confronti delle popolazioni che controllano – una descrizione adatta di come Israele opera a Jenin, certamente).

Ciò che dovrebbe allarmare anche coloro che normalmente sono solidali con Israele è la scioccante leggerezza di questa argomentazione. Essa suggerisce che anche se il peggiore scenario possibile fosse vero, e un soldato israeliano avesse consapevolmente e deliberatamente ucciso Shireen Abu Akleh, la condanna internazionale – o anche solo l’attenzione! – sarebbe comunque antisemita. Dopo tutto, i giornalisti vengono deliberatamente uccisi da attori statali con una certa frequenza. Perché questa attenzione “speciale” per Israele?

Questa peculiare nozione di doppio standard, in cui la mancanza di reazioni in certi casi può essere usata per dimostrare il pregiudizio nelle reazioni ad altri, non porta a nulla di costruttivo, il che è probabilmente il punto: il risultato logico dell’argomentazione di Tishby è che qualsiasi cosa più del “no comment” o meno dell’impunità per Israele è almeno inconsciamente antisemita, poiché nessuno, a parte quei gruppi che si dedicano a tenere traccia delle morti di giornalisti, può soddisfare la soglia che lei stabilisce per la correttezza.[…].

Oltre a essere eticamente sospetta, questa mal concepita e ampia accusa di antisemitismo non raggiungerà il suo scopo di scoraggiare la discussione internazionale sull’occupazione israeliana e le sue conseguenti ingiustizie. La ragione di ciò è forse la stessa per cui l’uccisione di Shireen Abu Akhleh ha ottenuto tanta attenzione: la volontà e la determinazione dei palestinesi stessi di parlare direttamente della loro lotta contro l’occupazione.

Abu Akleh è stata per due decenni un’icona palestinese nel mondo arabo che è rimasta marginale, insieme alla rete televisiva al Jazeera per la quale lavorava, in Occidente. L’immediatezza con cui la sua morte ha risuonato non è stata uno sviluppo improvviso; è stata il prodotto di molti anni di advocacy palestinese che ha dato i suoi frutti, compresa una giovane generazione di giornalisti occidentali che non ha istintivamente diffidato dei colleghi arabi che erano testimoni oculari della sparatoria.

Se un tempo la causa palestinese in Occidente era mediata da esponenti della sinistra non palestinese, assistiti da una manciata di intellettuali pubblici palestinesi come Edward Said, Rashid Khalidi e Hanan Ashrawi, oggi è guidata dagli stessi palestinesi che si confrontano con il pubblico con le loro esperienze vissute. In quanto diretti interessati, i palestinesi non saranno dissuasi dal testimoniare o raccontare le loro storie dalle accuse di antisemitismo.

Si tratta di una narrazione avvincente, difficile da ignorare per il pubblico internazionale. Le occupazioni militari in corso da oltre 50 anni, in cui alla popolazione occupata vengono perennemente negati i diritti civili mentre la potenza dominante facilita il movimento dei propri cittadini nel territorio occupato, non sono una cosa da poco.

C’è qualcosa di particolarmente sconvolgente nel dominio militare straniero, come dimostra anche l’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, e la stretta relazione tra l’Occidente e Israele crea un senso di complicità che gli attivisti palestinesi fanno bene a cogliere.

Tentando di stigmatizzare la discussione sull’uccisione di Shireen Abu Akleh, Israele sta polarizzando un dibattito che potrebbe perdere. Sta restringendo la terra di mezzo su cui poggiano i critici moderati e liberali dell’occupazione, che sostengono la soluzione dei due Stati e in generale si oppongono al movimento di Boicottaggio, Disinvestimento e Sanzioni.

Temo che, lungi dal riuscire a soffocare la discussione sulle malefatte israeliane, che sarebbe di per sé una tragedia immorale e miope, l’uso eccessivo dell’etichetta amorfa di “due pesi e due misure antisemite” alla Tishby renderà solo più difficile combattere efficacemente i casi molto reali di antisemitismo che emergono dal discorso pro-palestinese.

Purtroppo, la maggior parte dei segnali indicano che proprio questa strategia fallimentare, irresponsabile e insincera, con il suo sentore di cospirazione, sarà l’hasbara del futuro”, conclude Silberstein.

Nota bene: “Hasbara (ebraico: הַסְבָּרָה) è una parola in lingua ebraica che indica gli sforzi di pubbliche relazioni per diffondere all’estero informazioni positive sullo Stato di Israele e le sue azioni. Il governo israeliano e i suoi sostenitori usano il termine per descrivere gli sforzi per spiegare le politiche del governo e promuovere Israele di fronte all’opinione pubblica, e per contrastare quelli che vedono come tentativi di delegittimazione di Israele . Hasbara è anche un eufemismo per propaganda

Bellingcat è un gruppo di giornalismo investigativo con sede nei Paesi Bassi specializzato in verifica e intelligence open source. E’ stata fondata dal giornalista ed ex blogger britannico Eliot Higgins nel luglio 2014. 

 

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.