Liberate Zakaria

Il 9 settembre Zakaria Zubeidi, cofondatore insieme a Juliano Mer Khamis del Freedom Theatre di Jenin, ha annunciato che è in sciopero della fame e della sete e che questo lo porterà alla morte. La sua azione è la risposta al continuo rinvio della sua liberazione dalle prigioni dell’Autorità Palestinese.
Da quattro mesi Zakaria è nelle carceri palestinesi. Il suo arresto è avvenuto dopo che a Jenin è stato fatto un attentato al governatore della provincia, deceduto nella stessa notte, pare per attacco cardiaco.
L’autorità palestinese ha proceduto a 89 arresti, molti degli arrestati erano dei servizi di sicurezza o di Al Fatah tra i quali Zakaria.
Le accuse contro di lui, sono varie, dalla partecipazione a traffico d’armi a complicità con gli attentatori, ma non ci sono prove evidenti, e dal momento del suo imprigionamento i suoi diritti umani definiti da Human Rights Watch, sono stati costantemente violati. (http://www.hrw.org/news/2012/07/27/israelpalestinian-authority-theater-group-hit-both-sides ).
Zubeidi, uno degli ultimi superstiti dei figli di Arna, madre di Juliano, è stato nella seconda Intifadah un leader della Brigate Al-Aqsa Martyr, ricercato dall’esercito israeliano. Ha deposto le armi nel 2006, ed è tornato al Teatro, per opporsi all’occupazione militare israeliana con la forza della resistenza culturale, ma i suoi movimenti non erano ancora liberi, infatti Israele ha concordato con l’autorità Palestinese di toglierlo dalla lista dei wanted ma solo per l’area di Jenin, se fosse uscito gli israeliani si sarebbero sentiti liberi di agire contro di lui. Zakaria riceveva uno stipendio dall’autorità palestinese come gli altri ricercati che avevano abbandonato le armi.
Zakaria è sopravvissuto a numerosi tentativi d’assassinio da parte dell’esercito israeliano, giurando a se stesso che mai più sarebbe finito in una prigione israeliana e invece adesso si ritrova, se non agiamo immediatamente per chiedere la sua scarcerazione di fronte alla morte, in una prigione palestinese.
Il Teatro della Libertà (The Freedom Theater) sollecita tutti i suoi amici e sostenitori a :
Contattare i rappresentanti locali dell’ufficio dell’Autorità Palestinese per domandare la liberazione di Zakaria Zubeidi. Siccome la situazione è urgente vi chiediamo anche di fare azioni più dirette, come organizzare azioni di protesta davanti agli uffici dell’Autorità Palestinese. Ma comunque scrivete e fate pressione.

ECCO il modello della LETTERA che vi chiediamo di scrivere:

Alla cortese attenzione del’ [Nome della persona], rappresentante dell’ufficio dell’Autorità Palestinese

Sono un/a convinto/a sostenitore/nitrice dei diritti del popolo Palestinese a vivere in libertà e autodeterminazione, ed è perciò che mi permetto di contattarvi per un motivo urgente.
Sono stato/a informato/a dell’arresto di Zakaria Zubeidi, co-fondatore del Teatro della Libertà (The Freedom Theatre) in Jenin e ex leader militare delle Brigate di Al-Aqsa Martyrs.
Zakaria Zubeidi è detenuto in una prigione palestinese da più di quattro mesi senza oneri o accuse portate legalmente contro di lui.
Sono pure stato/a informato/a che i diritti umani di Zakaria sono stati più volte violati ed è questa la ragione per la quale ha iniziato un sciopero della fame e della sete.
Questo significa che fra 8 o 10 giorni potrebbe morire e prima di questo tempo, comunque, la sua salute subirà dei danni irreversibili.

La sollecito dunque di intraprendere immediatamente un’azione per la liberazione di Zakaria. Se lei come rappresentante dell’Autorità Palestinese, non agirà per salvare la vita di Zakaria, deve sapere che io e tante altre persone considereremo l’autorità palestinese ed ogni suo rappresentante responsabili di una vita distrutta.
Spero che capisca l’urgenza di un suo intervento al riguardo ed attendo fiducioso/a una pronta risposta.

Cordiali saluti,

DA INVIARE A QUESTI INDIRIZZI:

hdabbas@president.ps
pm@pmo.pna.p
mjarrad@pmo.pna.ps

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam