Libia, Famiglia Cristiana: Tutte le bugie di ‘Unified Protector’

17/06/2011

In un articolo pubblicato sulla versione online della rivista, Marinella Correggia analizza il conflitto libico e il modo in cui viene veicolato dai media

“Le forze di Gheddafi e di altri gruppi nella regione cercano di creare divisioni fra gli abitanti, usando le violenze contro le donne e lo stupro come strumenti di guerra”. Parole del Segretario di Stato, Hillary Clinton, che ha espresso la ferma condanna degli Stati Uniti nei confronti del regime libico e dei crimini di cui si è reso responsabile. Non è la prima volta che la comunità internazionale (o i singoli governi, come in questo caso) manifesta profonda indignazione di fronte alle malefatte di Gheddafi e del suo entourage, ma quanto di questo sdegno nasce da una sincera volontà di denuncia? Se l’è chiesto anche Marinella Correggia, che sulle pagine di Famiglia Cristiana ha condotto una lucida analisi del conflitto libico e di come viene veicolato dai media.

La giornalista esordisce con “la madre di tutte le bugie”: i 10mila morti e 55mila feriti utilizzati come pretesto per una guerra condotta “a tutela del popolo libico“. Il dato fu diffuso per la prima volta a febbraio da un utente di Twitter, Sayed Al Shanuka, qualificatosi come membro libico della Cpi. I diecimila morti divennero la bandiera dell’operazione “Unified Protector, e a nulla servì la smentita della stessa Cpi, per la quale il signor Sayed Al Shanuka era un illustre sconosciuto.

Da lì le supposte bugie si snodano in un lungo elenco, che va dalla mancanza di foto o video che possano testimoniare i primi massacri del regime (quelli perpetrati a Tripoli in febbraio), alle fosse comuni che si sono rivelate un cimitero, passando per i 55mila feriti, troppi per poter essere effettivamente ospitati negli ospedali del Paese. E ancora, Correggia sottolinea come i soldati del Colonnello siano spesso definiti “mercenari“, “miliziani” e “cecchini” provenienti per lo più dall’Africa subsahariana, ignorando il fatto che moltissimi libici del sud hanno la pelle nera. Gli stessi mercenari sono accusati di seminare il terrore con stupri di massa, ma non esiste nessuna prova che si tratti di una pratica sistematica.

Del regime si è scritto anche che ha fatto uso di bombe a grappolo, ma secondo una ricerca di Human Rights Investigation gli ordini trovati potrebbero essere stati sparati dalle navi della Nato. Quanto alle stragi di civili, sono state un’ottima argomentazione in mano ad ambo le parti. Infine, l’articolo di Famiglia Cristiana accenna alle proposte negoziali spesso presentate da governi latinoamericani e dall’Unione Africana (Ua), ripetutamente respinte sia dalla Nato che dai ribelli.

http://it.peacereporter.net/articolo/29022/Libia%2C+Famiglia+Cristiana%3A+Tutte+le+bugie+di+%27Unified+Protector%27

Contrassegnato con i tag: , , , ,

Articoli Correlati

Invia una Risposta

Attenzione: la moderazione dei commenti è attiva e questo può ritardare la loro pubblicazione. Non inoltrare più volte lo stesso commento.

Protected by WP Anti Spam