Libia: Russia e Turchia litigano sulle basi militari – Africom Usa di soppiatto

849

tratto da: REMOCONTRO

rem rem  15 Giugno 2020

 

 

U.S. and Turkish military forces conduct the third ground combined joint patrol inside the security mechanism area in northeast Syria, Oct. 4, 2019. The patrol allowed both militaries to observe first-hand progress on destroyed fortification that are a concern for Turkey. The security mechanism is intended to address Turkey’s security concerns, maintain security in northeast Syria so Daesh cannot reemerge, and allow the Coalition to remain focused on achieving the enduring defeat of Daesh. The U.S. is currently executing concrete steps to ensure the border area in northeast Syria remains stable and secure. (U.S. Army photo by Staff Sgt. Andrew Goedl)

Russia e Turchia, salta il vertice quando la delegazione di Mosca era già arrivata a Istanbul. Frattura sul ruolo di Haftar nelle trattative di pace con Erdogan lo vuole escludere del tutto. Ankara all’incasso da Tripoli con due basi militari. Mosca le avrà in Cirenaica. Africom Usa tratta con la Turchia

Russia e Turchia scusa Haftar, salta il vertice

Con la delegazione russa già arrivata sabato ad Istanbul, ora rischio vacanza. Turchia e Russia litigano e il vertice sulla Libia slitta e non si sa quando. A combinare guai, ancora una volta, il generale cirenaico-americano Haftar. Almeno così vogliono che appaia. Mosca che sostiene con soldi e armi la parte della Cirenaica, lo vorrebbe tra i protagonisti politici dopo il fallimento militare. Mentre Ankara vuole escluderlo dal tavolo negoziale. Questa la versione semi ufficiale ma dietro c’è ben altro.

Ankara all’incasso su più fronti

Ankara cerca di capitalizzare al massimo il momento favorevole sul terreno e intende far proseguire l’offensiva militare verso Sirte e la Cirenaica per mettere Haftar all’angolo, sostiene Marco Ansaldo da Istanbul su Repubblica. A si affaccia un primo retroscena. «Tutta da discutere anche l’intenzione russa di installare due sue basi, una navale e una aerea, in Cirenaica. Un asse considerato essenziale da Mosca per potersi affacciare sul Mediterraneo, dotandosi di una prospettiva strategica capace di infastidire la Nato».

Petrolio a basi militari

Ankara armata spende e a sua volta si espande. Al soldo turco 1.500 militari e contractors, 11 mila mercenari siriani oltre a decine di droni, blindati, artiglieria, sistemi di difesa aerea e navi da combattimento e continua a far affluire armi, mezzi e munizioni inclusi carri armati M-60, annota Analisi Difesa. Dare avere, e a quanto scrive il quotidiano filo governativo Yeni Safak, la Turchia occuperà e gestirà due basi militari in Libia: nel grande aeroporto di al-Watiya e nel porto di Misurata.

Piedi turchi in troppe scarpe

Doppio triplo gioco. «Non è da escludere che al-Watya possa venire utilizzata, forse non a tempo pieno, anche dalle forze statunitensi dell’Africa Command (Africom) dopo le intese tra Ankara e Washington dei giorni scorsi e il colloquio tra Donald Trump e Recep Tayyp Erdogan», scrive Gaiani. Washington che cerca di prendere due piccioni al costo di una sola fava: rimediare alla sgarberie reciproche Trump-Erdogan, mettere una pezza alla Nato sul fronte sud e incassare un supporto militare quasi gratis.

Libia tra gas petrolio e basi militari

Era stato il ministro dell’interno del governo di Tripoli, Fathi Bashaga, febbraio scorso con guai militari allora alle porte, a offrire una base militare agli Stati Uniti ‘utile alla stabilizzazione della Libia’. Ora si concretizza il sospetto di una Turchia che torna con maggiore coerenza alle sue radici Nato. Mosca ovviamente non gradisce, e non soltanto lei. Proposta egiziana di un nuovo Consiglio presidenziale che estrometterebbe i turchi da ogni attività in Libia. Il ministro turco, «iniziativa nata morta».

Mediterraneo tra Turchia e Russia

Nota l’intenzione russa di installare due basi, una navale e una aerea, in Cirenaica. A ognuno il suo pezzo di Libia a uso militare, quello di Mosca con qualche problema in casa Nato. La cancellazione a sorpresa del vertice a rendere pubbliche le divergenze. L’impressione -segnala Ansaldo dal fronte turco- che la Russia abbia qualche fastidio con la Turchia verso la Cirenaica alla caccia di Haftar, senza accettare il cessate il fuoco. Troppo ‘alla Erdogan’, e la guerra in Libia prosegue verso altre sorprese.

 

rem

REM

 

 

Libia: Russia e Turchia litigano sulle basi militari – Africom Usa di soppiatto

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.