L’INDUSTRIA DELLE ARMI ISRAELIANA GUADAGNA MILIONI GRAZIE AGLI STATI DELLA UE. CIO’ DEVE FINIRE

0

tratto da: INVICTA PALESTINA

In gioco c’è il ruolo della UE come mediatore credibile e imparziale nel conflitto israelo-palestinese.

English version

Gina Dowding – 16 gennaio 2020

Immagine di copertina: un dipendente Elbit nel nord di Israele il 4 agosto (AFP)

Un recente rapporto mostra come  l’Unione Europea stia incanalando milioni di euro dei propri contribuenti verso i produttori di armi israeliani.

Con una risoluzione della questione Israele-Palestina che sembra sempre più lontana, il ruolo dell’UE come mediatore credibile sta diventando ancor più importante. Questa rivelazione mette a rischio quel ruolo.

La UE deve smettere di finanziare l’industria della difesa israeliana e ristabilirsi come arbitro imparziale in questo conflitto di lunga data.

Un gioco rischioso

Il rapporto, pubblicato dal Coordinamento Europeo dei Comitati e delle Associazioni per la Palestina, mostra che tra il 2014 e il 2019 l’UE ha destinato 2 milioni di euro al produttore di armi privato Elbit Systems e più di 7 milioni di euro alle Israel Aerospace Industries (IAI) di proprietà statale. Le società hanno ricevuto sovvenzioni per il finanziamento della ricerca nell’ambito del programma  europeo “Orizzonte 2020”.

 È inaccettabile che il denaro dei contribuenti dell’UE venga  destinato ai produttori di armi israeliani, finanziando l’oppressione dei palestinesi

Con l’amministrazione Trump schierata saldamente con Israele,  e il conseguente spostamento dell’ambasciata americana a Gerusalemme e la fornitura ai militari israeliani di miliardi di dollari di aiuti ogni anno, l’importanza della UE come mediatore imparziale e affidabile sta crescendo.

Il fatto che i contribuenti dell’Unione stiano finanziando il complesso militare-industriale israeliano, mette però questo suo ruolo in pericolo.

Nel rapporto 2018 dell’International Peace Research Institute di Stoccolma sui maggiori produttori di armi del mondo, Elbit si è classificata al 28 ° posto, mentre la IAI è arrivata al 41 ° posto.

Questa etica discutibile è ulteriormente aggravata se si considera che Elbit e IAI forniscono all’esercito israeliano gran parte del suo hardware, rendendoli complici dell’oppressione dei palestinesi e delle violazioni dei diritti umani derivanti dall’occupazione israeliana dei territori palestinesi.

Linee guida etiche

Nell’approvare le sovvenzioni a Elbit e IAI, i rappresentanti della Commissione sostengono di seguire gli orientamenti etici di Orizzonte 2020. Io non concordo con tale affermazione , sia per motivi etici sia perché incompatibile con le altre politiche dell’UE.

L’UE è irremovibile nel difendere il diritto internazionale e in molte occasioni ha condannato fermamente le azioni di Israele nei confronti dei palestinesi. Questa posizione è sostanzialmente compromessa dal finanziamento di società complici dell’oppressione dei palestinesi.

Il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu parla in uno stabilimento IAI a gennaio 2019 (AFP)

La Commissione Europea sostiene inoltre che i progetti finanziati sono di natura civile. Tra questi ci sono anche sovvenzioni per lo sviluppo di droni e di tecnologie di sorveglianza.

Tuttavia, poiché i partecipanti ai progetti di Orizzonte 2020 sono gli stessi che utilizzeranno i risultati generati, non vi è alcuna garanzia che la tecnologia sviluppata per scopi civili non verrà usata nei sistemi e nelle piattaforme militari pubblicizzati dalle stesse compagnie – o nella sorveglianza illegale dei palestinesi  nei Territori Occupati.

Tempo  di riconsiderare

Dieci anni fa IAI, noto produttore di droni, partecipò al progetto “Oparus” finanziato dall’UE. I risultati includevano il passaggio dei droni di media durata a lunga durata e da allora la linea IAI di questi droni ha continuato a riscuotere grande successo commerciale.

Sul sito web dell’IAI, questi droni, principalmente destinati alla sorveglianza, sono pubblicizzati come “robusti e provati in combattimento”, evidenziando  l’opaco confine tra uso civile e militare.

Il fatto che l’UE stia distribuendo milioni di euro al complesso militare-industriale israeliano mette in pericolo la reputazione dell’UE come difensore dei diritti umani e del diritto internazionale. Ciò mina gli sforzi dell’UE per affermarsi come partner credibile e affidabile per entrambe le parti del conflitto Israele-Palestina, lasciando sul campo pochi mediatori imparziali.

La Commissione Europea deve riconsiderare quali realtà israeliane possano poter partecipare ai programmi dell’UE. È inaccettabile che il denaro dei contribuenti europei  venga destinato  ai produttori di armi israeliani, finanziando l’oppressione dei palestinesi.

L’UE deve smettere di finanziare l’industria della difesa israeliana e ricostituirsi come mediatore credibile e imparziale nel conflitto israelo-palestinese.

 

Le opinioni espresse in questo articolo appartengono all’autore e non riflettono necessariamente la politica editoriale di Middle East Eye.

 

Gina Dowding è membro del Parlamento europeo per l’Inghilterra nord-occidentale dal luglio 2019 e membro dei comitati Affari esteri, Trasporti e Industria, Ricerca ed Energia. È inoltre attiva nelle delegazioni parlamentari in Israele e Palestina e ha visitato la regione, compresi i Territori Occupati, nell’agosto 2019 come parte di una visita di studio organizzata da varie realtà della società civile.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

 

L’industria delle armi israeliana guadagna milioni grazie agli Stati della UE. Ciò deve finire

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.