‘LO HANNO GETTATO VIA COME SE FOSSE SPAZZATURA’: palestinese con sospetti sintomi di coronavirus buttato fuori da Israele (con VIDEO)

0
647

tratto da: INVICTA PALESTINA

24/03/2020

Il lavoratore, risultato successivamente negativo al coronavirus,  aveva difficoltà  respiratorie.

English version

Akram Al-Waara  – Cisgiordania occupata – 23 marzo 2020

Immagine di copertina: L’uomo disteso a terra è un lavoratore palestinese che lavora in Israele (Facebook / Screengrab)

E’stato  come vivere una scena  di un film dell’orrore”.

È così che il 25enne Ibrahim Abu Safiya ha descritto il momento in cui ha visto  un corpo abbandonato per terra vicino a un posto di blocco israeliano alla periferia del villaggio di Beit Sira, a ovest di Ramallah.

Ci siamo avvicinati all’uomo disteso a terra: sembrava gravemente malato”, ha detto Abu Safiya a Middle East Eye.

Aveva la febbre molto  alta. Riusciva a malapena a muovere il corpo e lottava per respirare”, ha detto Abu Safiya.

 ‘Ci ha detto che l’avevano  appena scaricato a terra, lasciandolo lì”  – Ibrahim Abu Safiya

L’uomo disteso a terra era un palestinese che lavora in Israele. Ha detto ad Abu Safiya che negli ultimi quattro giorni  aveva mostrato sintomi del coronavirus e per questo era stato sottoposto al tampone. Il test risulterà poi negativo.

Ma prima che l’uomo, presumibilmente residente a Nablus,  ricevesse il risultato del test, il suo datore di lavoro israeliano aveva chiamato le autorità, che lo hanno preso  e lasciato dall’altra parte del checkpoint di Beit Sira.

Ci ha detto che l’hanno gettato a terra e lo hanno lasciato lì”, ha raccontato Abu Safiya.

Come hanno potuto farlo?” chiede. “Non dovrebbe importare se è palestinese, israeliano o altro. È un essere umano.”

Abbandonato al confine

Quando Abu Safiya e il suo amico si sono imbattuti nell’uomo, la cui identità rimane sconosciuta, hanno iniziato a girare un video che ora è diventato virale sui social media palestinesi.

Abu Safiya ha detto di aver temuto di dover nuovamente assistere a ciò che era accaduto nei giorni precedenti.

Riferisce infatti che nel fine settimana un altro lavoratore palestinese, che sospettava lui stesso di aver contratto il virus, si è recato da solo al checkpoint di Beit Sira per rientrare in Cisgiordania.

Quando l’uomo era arrivato sul posto, aveva riferito delle sue condizioni. Erano quindi stati chiamati i servizi di emergenza palestinesi, che avrebbero dovuto inviare un’ambulanza per prenderlo in carico.

Pochi giorni prima, Israele aveva permesso l’ingresso di migliaia di lavoratori palestinesi nel Paese, a condizione che  restassero in Israele per almeno un mese, così da impedire la diffusione del virus in Cisgiordania.

Come parte dell’accordo con l’Autorità Palestinese, al loro ritorno, che avrebbe dovuto essere coordinato con le autorità israeliane, i lavoratori sarebbero stati immediatamente messi in quarantena per 14 giorni.

Ma il fatto che due lavoratori siano arrivati ​​o siano stati scaricati qui al checkpoint più vicino, senza preavviso e chiaramente senza coordinamento, è molto preoccupante”, ha detto Abu Safiya.

Mentre il portavoce dell’AP Ibrahim Melhem ha annunciato che il lavoratore malato era stato “consegnato” lunedì ai funzionari palestinesi al checkpoint, Abu ha affermato che non era assolutamente vero.

Né  oggi né ieri nessuno dei due uomini sono stati consegnati dai soldati israeliani a un’ambulanza [palestinese]”, ha dichiarato, aggiungendo che in entrambi i casi i medici palestinesi hanno impiegato quasi tre ore per arrivare da Ramallah a Beit Sira.

Il governo palestinese deve coordinarsi adeguatamente con la parte israeliana per evitare che ciò accada di nuovo”, ha detto. “Non possono semplicemente abbandonare le persone senza alcun aiuto.

“Il vero volto dell’occupazione israeliana”

Nonostante  lo shock nel vedere un uomo malato “lasciato morire” ad un posto di blocco, Abu Safiya ha detto di non essere sorpreso dall’accaduto.

Questo è il vero volto dell’occupazione israeliana”, ha detto a MEE. “Ci uccidono quotidianamente, quindi questo comportamento per loro non è strano.”

Lunedì Il video girato da Abu Safiya e dal suo amico è diventato virale sui social media palestinesi,  con le persone  che hanno espresso il loro sdegno per come è stato trattato il lavoratore.

Abu Safiya afferma che la ragione per cui  il video ha colpito così tante persone è perché “è indicativo di come Israele tratta i lavoratori palestinesi e di quanto poco  tengono in conto la nostra vita”, ha detto.

 ‘Per loro è come se fossimo schiavi… Ci usano quando hanno bisogno di noi e quando hanno finito ci gettano via come spazzatura’ – Ibrahim Abu Safiya

Il governo israeliano ha dato loro il permesso di andare al lavoro, conoscendo i rischi”, ha detto, perciò il governo dovrebbe anche fornire ai lavoratori la protezione adeguata.

Abu Safiya  ha detto di comprendere perché così tanti lavoratori hanno scelto di rischiare la propria salute e la propria  sicurezza per andare a lavorare in Israele nel bel mezzo della pandemia.

Hanno dovuto fare la scelta impossibile di  restare in salute o di lasciare morire di fame le loro famiglie”, ha detto. “Così,  molte persone hanno scelto di lavorare in modo da poter provvedere alle loro famiglie. E non possiamo dare loro  torto.

Ma se Israele vuole che lavorino, dovrebbe prendersi cura di loro. Se non possono  curarli in Israele, almeno non  li abbandonino a morire come animali”, ha detto, la frustrazione nella voce.

Per loro è come se fossimo schiavi“, ha continuato. “Ci usano quando hanno bisogno di noi e quando hanno finito ci gettano via come spazzatura”.

 

Trad: Grazia Parolari “contro ogni specismo, contro ogni schiavitù” –Invictapalestina.org

VIDEO

‘Lo hanno gettato via come se fosse spazzatura’: palestinese con sospetti sintomi di coronavirus buttato fuori da Israele

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.