L’OBIETTIVO DELLA DESTRA NAZIONALISTA E RELIGIOSA E DEI COLONI: L’ESPULSIONE DEI PALESTINESI – di Amira Hass

0

 

Sintesi personale

I suggerimenti del capo di stato maggiore dell’IDF, Gadi Eisenkot,  sono spaventosi anche se non dicono molto di nuovo, specialmente per quelli che vedono Yeshastan, il conglomerato dei coloni, diventare più grande, più ricco e meglio armato.

Non è una novità che la destra dei coloni e la destra sionista-religiosa stiano spingendo per l’escalation e la guerra. Perché i coloni vogliono la guerra? Qui avete bisogno di una spiegazione molto chiara e dettagliata perché i livelli di repressione cognitiva tra le persone che vivono ad ovest della Green Line sono alle stelle.

Ai coloni non basta l’abilità di una rapina sanzionata dallo stato e da organismi ufficiali: vuole di più. E il “di più” è creare situazioni che consentano l’espulsione di massa dei palestinesi. Il caos della guerra permetterà agli israeliani di trasferire i palestinesi oltre il confine, non solo all’interno della West Bank (come richiesto da un disegno di legge di Habayit Hayehudi, che cerca di normalizzare il termine spregevole dell’espulsione).

L’obiettivo del regime colonialista israeliano non è quello di uccidere quanti più palestinesi possibile. Questo costituisce un’introduzione essenziale per comprendere le solide intenzioni politiche. L’uccisione di palestinesi era ed è un mezzo per l’espansione della proprietà sionista sulla vita rovinata dei palestinesi. Uccidere è un mezzo legittimo per Israele, come le incursioni notturne, l’imprigionamento di 2 milioni di abitanti di Gaza, l’esproprio di terre su entrambi i lati della Linea Verde e il soffocamento economico.

L’uccisione occasionale di un uomo d’affari di 60 anni mentre si reca al lavoro, di manifestanti dietro il recinto di filo spinato del campo di concentramento di Gaza, così come di sospetti di omicidio – non ancora incriminati – è possibile grazie al nostro cultura dell’impunità, la cultura di “noi (ebrei) al di sopra di ogni legge“.

Uccidere è un mezzo che soldati e polizia usano con gioia, perché sono stati nutriti sin dall’infanzia con una miscela mortale di paura dei palestinesi e di disprezzo per coloro le cui case abbiamo rubato e ruberemo. Il disprezzo rende il furto a venire più naturale.

Israele ha gettato via la generosa opportunità d’oro ricevuta dai palestinesi nel 1994 e, invece di consentire l’istituzione di uno stato palestinese al suo fianco, Israele ha deciso di mantenere le sue caratteristiche coloniali e migliorarle.

Così, sotto l’ombrello dei negoziati, Israele ha creato le enclave palestinesi. Negli ultimi anni queste enclavi sono diventate il compromesso israeliano tra il desiderio di vedere i palestinesi scomparire e la consapevolezza che la situazione geopolitica non consente una ripetizione del 1948.

Il colono e la destra religiosa chiedono l’annessione  dell’Area C , il 61 per cento della Cisgiordania che avvolge le enclavi. Cioè, per fare ora, apertamente e in un sol colpo, ciò che il diritto non-messianico (in primis del partito laburista) ha fatto con l’abile applicazione del metodo “un altro dunam” fuori dai riflettori, mentre dolcemente parlava di pace.

Il diritto dei coloni non si adegua ai metodi legali per rubare terreni e case sviluppati dagli organismi ufficiali. In ogni momento c’è un cowboy ebreo che caccia un pastore palestinese, un gruppo di coloni che costruisce una strada su una terra non propria, un nuovo prefabbricato trasformato in un avamposto. Ogni solco di terra in Cisgiordania e in ogni casa di  Gerusalemme Est  è preda degli appetiti vittoriosi dei principi di Yeshastan.

Gli ebrei Yeshastani che hanno urlato amaramente nelle ultime due settimane che sono “anatre sedute” sanno bene che sono gli israeliani meglio protetti e più imbottiti di tutti.

Hanno fatto uno spettacolo di isteria per portare un’escalation e tornare al piano generale in attesa nel cassetto. Il diritto dei coloni brama le enclave palestinesi. Hebron  vuoto dei suoi abitanti palestinesi è il modello.

In ogni caso, la mancanza di un futuro nelle enclavi (prima di tutto a Gaza) sta già stimolando giovani e professionisti a emigrare.

Nessuna legge internazionale e nessun paese che ha sostenuto  Oslo  ha fermato il galoppante progetto di insediamento israeliano. E così la conclusione del colono è che il prossimo passo naturale, l’espulsione di massa dei palestinesi, è possibile, geopoliticamente e non c’è nessuna entità internazionale a mettersi sulla loro strada.

 

 

 

L’OBIETTIVO DELLA DESTRA NAZIONALISTA E RELIGIOSA E DEI COLONI: L’ESPULSIONE DEI PALESTINESI – di Amira Hass

https://frammentivocalimo.blogspot.com/2018/12/amira-hass-lobiettivo-della-destra.html

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.