L’occupazione israeliana a Al-Makhrour: “Siamo ancora qua”

0

18 GEN 2013

All’alba del 16 gennaio, i bulldozer militari israeliani accompagnati da numerose jeep militari hanno compiuto un raid nell’area di Al-Makhrour, a Sud Est di Beit Jala, nel governatorato di Betlemme. Hanno distrutto, senza alcuna precedente notifica, dieci pali della luce, provocando un blackout che ha interessato decine di strutture e abitazioni palestinesi e la perdita di 30mila shekel (5mila euro).

Al Makhrour confina a Nord con il villaggio di Al Walaje e con l’insediamento illegale israeliano di Har Gilo, a Sud con il villaggio di Al-Khader, a Ovest con i villaggi di Battir e Husan, e a Est con Beit Jala. Secondo gli ultimi piani di costruzione del Muro di Segregazione pubblicati nel sito del Ministero della Difesa israeliano il 30 aprile 2007, l’area di Al-Makhrour insieme ai villaggi di Husan, Al Walaje, Nahalin, Wadi Fukin, Al Jab’a, Khallet ‘Afana, Khallet Al Balluta e Beit Sakariya (una popolazione totale di oltre 23mila persone) saranno chiusi in un’enclave, isolati dalle principali città e comunità del governatorato di Betlemme.

Vale la pena ricordare che le terre di Al Makhrour sono tra i più fertili appezzamenti agricoli dell’area e che i residenti sono deprivati dalle autorità israeliane di occupazione del diritto di costruire e coltivare le proprie terre, in quanto la zona rientra in Area C, sotto il totale controllo civile e militare israeliano.

Attacchi sistematici all’area di Al Makhrour

Al Makhrour ha subito un’accelerazione sistematica da parte israeliana delle demolizioni di strutture, case e proprietà palestinesi, a partire da dicembre 2011 ad oggi. Sotto sono riportate alcune delle distruzioni effettuate nell’area:

– 13 dicembre 2011: le forze di occupazione hanno compiuto un raid e demolito alcune abitazioni, di proprietà di tre famiglie di Beit Jala, senza previa comunicazione;

– 3 maggio 2012: I bulldozer militari israeliano hanno demolito un ristorante di proprietà di Ramzi Nakhleh Qesiyeh, residente a Beit Jala. La distruzione del ristorante ha provocato una perdita finanziaria di 100mila shekel (20mila euro). Inoltre, Qesiyeh ha ricevuto l’ordine di evacuazione entro due settimane dalla propria casa, situata a pochi metri dal ristorante. Dopo la demolizione, a due chilometri di distanza, i bulldozer israeliani hanno distrutto e livellato appezzamenti agricoli di 18 dunam (un dunam = 1 km²), di proprietà di Sha’ban Mahmoud Abdullah Al-Ayaseh, e hanno distrutto un sentiero agricolo aperto da Al-Ayaseh quattro giorni prima per facilitare il lavoro nei campi;

– 2 agosto 2012: I bulldozer israeliani hanno di nuovo colpito l’area, demolendo (senza precedenti comunicazioni) il nuovo ristorante di Ramzi Nakhleh Qesiyeh, una struttura di 40m² di proprietà di Khader Judeh Jacob Khalilieh e baracche di proprietà di Jeries Fouad Mina Qasasfeh.

In conclusione

L’occupazione israeliana ha inviato ai residenti di Al Makhrour un caldo augurio di buon anno, a modo loro, per ricordare loro che sono sempre sotto occupazione e che sono un target legittimo per i bulldozer militari fino a quando Israele non avrà raggiunto i suoi obiettivi coloniali e di espansione nell’area, sopra le rovine delle case palestinesi.

Simili azioni rappresentano una grave violazione della legge internazionale e delle convenzioni internazionali:

– Articoli 53 e 147 della Quarta Convenzione di Ginevra del 1949:“Distruzioni estese e appropriazioni di proprietà, non giustificate da necessità militari e portate avanti fuori dai dettami di legge, sono una grave violazione della Convenzione”;

– Articolo 43 della Convezione dell’Aia del 1907: “Oltre alle proibizioni previste da speciali convenzioni, è espressamente proibito distruggere le proprietà del nemico, a meno che la distruzione non sia dettata imperativamente dalla necessità della guerra”.

– Articolo 17 della Dichiarazione Universale dei Diritti Umani adottata dall’Assemblea Generale dell’ONU il 10 dicembre 1948: “Nessuno può essere arbitrariamente privato delle proprietà”. Ovvero, vieta a Israele di distruggere e confiscare terre di proprietà palestinesi in qualsiasi caso.

– Risoluzione 1544 del 2004, il Consiglio di Sicurezza dell’ONU ha chiesto a Israele lo stop delle demolizioni di case palestinesi: “Il Consiglio di Sicurezza chiede a Israele di rispettare i propri obblighi di fronte alla legge umanitaria internazionale, in particolare l’obbligo a non procedere con demolizioni di case contrarie alla legge”.

 

ARIJ – Applied Research Institute of Jerusalem

http://www.palestinarossa.it/?q=it/content/aic/l%E2%80%99occupazione-israeliana-al-makhrour-%E2%80%9Csiamo-ancora-qua%E2%80%9D

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Protected by WP Anti Spam

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.