L’Onu vota per chiedere un parere legale sull’occupazione dei territori palestinesi da parte di Israele

437

Articolo pubblicato originariamente su The Times of Israel e tradotto dall’inglese dalla Frammenti Vocali

L’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha approvato una risoluzione che chiede alla Corte internazionale di giustizia (Cig) di esprimere un parere sulle conseguenze legali dell’occupazione dei territori palestinesi da parte di Israele. La risoluzione è passata con 87 voti favorevoli, 26 contrari e 53 astenuti. Tra le nazioni occidentali, Israele, Stati Uniti e altri 24 membri – tra cui Italia, Regno Unito e Germania – hanno votato contro, mentre la Francia si è astenuta, così come tutti i Paesi scandinavi. Sostegno pressoché unanime alla risoluzione nel mondo islamico, anche tra gli Stati arabi che hanno normalizzato le relazioni con Israele come Marocco ed Emirati Arabi Uniti. La Corte internazionale di giustizia con sede all’Aia è il massimo tribunale delle Nazioni Unite che si occupa delle controversie tra Stati. Le sue sentenze sono vincolanti, sebbene la Cig non abbia il potere di farle rispettare. I leader palestinesi hanno accolto con favore l’esito della votazione che “riflette la vittoria della diplomazia palestinese”, ha affermato Hussein al Sheikh, segretario generale dell’Organizzazione per la liberazione della Palestina.

“È giunto il momento per Israele di essere uno Stato soggetto alla legge e di essere ritenuto responsabile dei crimini in corso contro il nostro popolo”, ha dichiarato Nabil Abu Rudeineh, portavoce del presidente dell’Autorità nazionale palestinese, Mahmoud Abbas. L’ambasciatore palestinese alle Nazioni Unite Riyad Mansour ha sottolineato che il voto è arrivato il giorno dopo il giuramento del nuovo governo israeliano guidato dal leader conservatore Benjamin Netanyahu. I partiti dell’ultradestra che compongono la coalizione di governo hanno promesso a rafforzare gli insediamenti in Cisgiordania, ma finora Netanyahu non ha dato alcuna indicazione al riguardo, mentre i funzionari israeliani non hanno ancora rilasciato alcun commento sulla risoluzione. Il testo era stato condannata dall’inviato israeliano delle Nazioni Unite, Gilad Erdan, prima della votazione. “Nessun organismo internazionale può decidere che il popolo ebraico sia ‘occupante’ nella propria patria. Qualsiasi decisione di un organo giudiziario che riceve il suo mandato dalle Nazioni Unite, moralmente fallite e politicizzate, è completamente illegittima”, aveva affermato Erdan.

Il testo della risoluzione chiede alla Corte internazionale di giustizia di esprimere un parere consultivo sulle conseguenze legali “dell’occupazione, degli insediamenti e dell’annessione da parte di Israele (…) comprese le misure volte ad alterare la composizione demografica, il carattere e lo status della Città Santa di Gerusalemme”. La risoluzione delle Nazioni Unite chiede inoltre alla Cig di spiegare come tali politiche e pratiche possano influenzare “lo status legale dell’occupazione”. L’ultima volta che la Corte si era pronunciata sul conflitto tra israeliani a palestinesi risale al 2004: allora i giudici avevano stabilito che la barriera di separazione posta dallo Stato ebraico era illegale, in una sentenza che era stata respinta da Israele in quanto “politicamente motivata”. I palestinesi hanno un governo con poteri limitati in Cisgiordania, mentre Gerusalemme est è stata annessa da Israele con una decisione non riconosciuta a livello internazionale: gli insediamenti israeliani sono ritenuti illegali dalla maggior parte dei Paesi, una però visione contestata da Israele che rivendica legamici biblici e storici con quei territori, oltre che necessità di sicurezza e autodifesa.

https://www.agenzianova.com/news/lonu-vota-per-chiedere-un-parere-legale-sulloccupazione-dei-territori-palestinesi

Dopo il voto delle Nazioni Unite, Israele valuta la cooperazione con l’ICJ
31 dicembre 2022
Venerdì sera l’Assemblea generale delle Nazioni Unite ha votato a favore della presentazione di una richiesta di parere consultivo da parte della Corte internazionale di giustizia dell’Aia sulle conseguenze dell’occupazione israeliana della Cisgiordania.
Israele deve ancora decidere se coopererà con il tribunale internazionale , in quella che sembra essere una delle sfide significative che il nuovo governo di destra dovrà affrontare.
Difficile valutare le ricadute nazionali e internazionali del parere consultivo, nonostante non abbia effetti giuridici vincolanti per Israele. Può essere utilizzato dall’Autorità palestinese per aumentare il sostegno alle sanzioni internazionali contro Israele, e i membri delle Nazioni Unite possono approvare e seguire le sentenze della corte.
Colonnello (res.) Avv. Pnina Sharvit Baruch, ricercatrice senior presso l’Institute for National Security Studies ,ha dichiarato che “il parere consultivo, che sarà espresso entro uno o due anni, dovrebbe essere estremamente critico nei confronti di Israele”.
“Tuttavia”, ha aggiunto Sharvit Baruch, “le politiche del governo israeliano e il modo in cui si comporta possono influenzare sia il contenuto della futura decisione che il suo grado di severità, come nel caso, ad esempio, se Israele deve essere determinato come un stato di apartheid o se la decisione della corte ottiene sostegno nell’arena globale”.
Secondo Sharvit Baruch, “le dichiarazioni e le azioni che violano esplicitamente il diritto internazionale, come l’annessione di territori o la palese violazione dei diritti dei palestinesi, così come l’indebolimento delle basi democratiche di Israele danneggiando la separazione dei poteri tra i rami del governo, saranno tutte utilizzato nelle campagne internazionali e può peggiorare notevolmente i danni per Israele”.
L’Autorità palestinese ha rivendicato la vittoria dopo il voto, anche se Israele sta inquadrando il voto come un risultato diplomatico.
87 paesi hanno votato a favore della risoluzione, mentre 23 hanno votato contro e 53 si sono astenuti. Nonostante ciò, la delegazione israeliana all’ONU si è compiaciuta del fatto che il numero totale di paesi che hanno votato a favore della misura sia diminuito rispetto al voto originario di novembre, quando 98 paesi hanno votato a favore. Nonostante ci si attendesse l’approvazione della proposta avviata dall’Autorità palestinese, nei giorni scorsi Israele ha cercato di ampliare la lista dei Paesi che si sarebbero opposti .
“È giunto il momento per Israele di essere uno stato soggetto alla legge e di essere ritenuto responsabile dei suoi continui crimini contro il nostro popolo”, ha detto Nabil Abu Rudeineh, portavoce del presidente palestinese Mahmoud Abbas. L’alto funzionario palestinese Hussein al-Sheikh ha dichiarato su Twitter che il voto “riflette la vittoria della diplomazia palestinese”.
Il voto si è svolto nella tarda serata di venerdì, dopo l’inizio dello Shabbat, nonostante gli sforzi dell’ambasciatore israeliano presso le Nazioni Unite, Gilad Erdan, per anticipare il voto. In seguito, Erdan ha annunciato che non parlerà all’assemblea e che la delegazione americana voterà contro la proposta di risoluzione anche a nome di Israele.
L’ambasciatore Erdan ha attaccato l’iniziativa ancor prima che si svolgesse il voto, affermando che “l’ignobile decisione che dovrebbe essere presa oggi è una vergogna per l’Onu e per qualsiasi Paese che la sostiene. Nessun organismo internazionale può stabilire che la nostra presenza a Gerusalemme o in Giudea e Samaria sia illegale. Un tribunale che ha ricevuto un mandato da un organo moralmente distorto come l’ONU non ha legittimità. I palestinesi hanno rifiutato ogni iniziativa di pace, incitano ogni giorno all’omicidio e sostengono il terrorismo, e l’ONU li sta aiutando a danneggiare Israele. Non prenderemo parte a questo disonore e spettacolo di menzogne”.
Nonostante l’Onu abbia approvato la richiesta, fonti israeliane sostengono che il voto sia stato una vittoria diplomatica per Gerusalemme, sulla base del fatto che molti paesi hanno votato contro la misura e decine di altri si sono astenuti.
Il deputato Avigdor Lieberman, che è stato ministro delle finanze fino a quando il governo Netanyahu non ha prestato giuramento giovedì, ha reagito al voto su Twitter.
“Una decisione spregevole che deve essere ampiamente condannata è stata presa stasera all’ONU. Questa è un’ulteriore prova che, nel momento della verità, lo Stato di Israele non potrà fidarsi delle istituzioni internazionali. Questa decisione è l’epitome dell’ipocrisia e dell’ ingiustizia.”
Questo parere legale non vincola le parti e il suo impatto dipende da come viene adottato nei vari paesi e presso l’opinione pubblica. In questa fase è difficile valutare l’impatto che questa mossa potrebbe avere sulla situazione in loco in Israele. Tuttavia nel testo dell’appello alla corte, non c’è in particolare alcuna richiesta di definire il controllo israeliano della Cisgiordania come apartheid.
Il processo di formazione di un parere legale può richiedere da uno a due anni e non richiede l’approvazione della maggioranza assoluta di tutti i 15 giudici del tribunale che parteciperanno alla stesura del documento.
Reuters ha contribuito a questo rapporto.
Following UN vote, Israel mulls cooperation with ICJ

Quest'opera viene distribuita con Licenza Creative Commons. Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 3.0 Italia.

SHARE

Lascia una risposta

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.